Scontro con la Cina, Corea del Nord, ISIS. Un rapporto dell'intelligence USA del 2004 aveva già previsto cosa sarebbe successo nel 2020

Scontro con la Cina, Corea del Nord, ISIS. Un rapporto dell'intelligence USA del 2004 aveva già previsto cosa sarebbe successo nel 2020

Gli esperti avevano previsto le attuali tensioni tra Washington e Pechino, nonché la perdita dell'influenza globale degli Stati Uniti e i cambiamenti nelle alleanze

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Consiglio di intelligence nazionale degli Stati Uniti 15 anni fa pubblicò un rapporto su come sarebbe stato il mondo nel 2020 e quale sarebbe stata la posizione del paese americano. Il documento di 119 pagine intitolato "Mapping the future global", fu preparato da analisti dell'intelligence in collaborazione con numerosi esperti e, letto oggi, contiene alcune previsioni che possono sembrare profetiche.


 
È vero che non tutte le previsioni erano accurate, come quella che prevedeva la creazione di uno stato palestinese o un conflitto tra Cina e Stati Uniti a causa della situazione politica sull'isola di Taiwan - a cui Pechino considera parte integrante dell '"unica Cina" - ma l'accuratezza con cui prevedeva alcuni scenari attuali risulta inquietante. 
 
Tensioni con la Cina
 
Gli autori del rapporto hanno correttamente anticipato le possibili tensioni tra Cina e Stati Uniti, sebbene non abbiano suggerito che ci sarebbe stata una guerra commerciale. "Il crescente nazionalismo in Cina e le paure negli Stati Uniti di una Cina che è diventata un concorrente strategico emergente potrebbero alimentare una relazione sempre più contratsnte", si legge  il rapporto.
 
 
Crisi nordcoreana
 
Per quanto riguarda la Corea del Nord, gli autori del documento predissero una crisi che "probabilmente raggiungerà un punto critico nei prossimi 15 anni". Gli esperti indicarono che Pionyang e l'Iran avrebbero sviluppato missili balistici intercontinentali molto prima del 2020 e annunciarono che questo scenario avrebbe "aumentato il costo potenziale di qualsiasi azione militare degli Stati Uniti contro di loro o i loro alleati".
 
Allo stesso tempo, queste previsioni non sembrano molto sorprendenti , da allora il presidente George W. Bush aveva qualificato la Corea del Nord come parte dell'Asse del Male insieme a Iraq e Iran già nel 2002. La Cina, a sua volta, nel 2004 già è era la seconda economia mondiale, con una crescita del PIL che ha raddoppiato quella degli Stati Uniti.
 
"Rendere di nuovo grandi gli Stati Uniti"
 
Il rapporto non prevedeva l'arrivo di Donald Trump al potere, ma alcuni fenomeni chiave del suo mandato, come l'idea dell'eccezionalità americana,  il movimento "America first"  e "Make America Great Again") mentre l'influenza globale di Washington diminuiva con il rafforzamento di altre potenze.
 
Alterare le alleanze
 
Gli esperti avevano anche "alleanze e relazioni drammaticamente alterate con l'Europa e l'Asia", in particolare il peggioramento dei legami statunitensi con l'Europa, una tendenza osservata negli ultimi anni. Secondo il rapporto, gli stati europei potrebbero preferire l'UE alla NATO, oltre a rafforzare la cooperazione con l'Asia. "Ad esempio, un'alleanza UE-Cina, sebbene ancora improbabile, non è più impensabile", si legge nello studio.
 
Creazione di un califfato
 
Il rapporto non fa previsioni sull'ascesa dello Stato islamico, ma ha anticipato le circostanze che hanno causato l'ascesa del califfato terroristico. Hanno visto giusto quando hanno scritto della diffusione dell'Islam radicale e di uno scenario immaginario sulla creazione di un califfato. 
 
"L'espansione dell'Islam radicale avrà un impatto globale significativo entro il 2020, riunendo gruppi etnici e nazionali diversi e forse persino creando un'autorità che trascende i confini nazionali", si legge.
 
Gli analisti hanno predetto che Al Qaeda, il gruppo jihadista dominante nel 2004, sarebbe stato sostituito da gruppi più decentralizzati che avrebbero usato Internet per captare giovani musulmani alienati.
 

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti