/ Scontro USA-Iran. Olanda e Germania sospendono le loro missioni i...

Scontro USA-Iran. Olanda e Germania sospendono le loro missioni in Iraq a causa delle tensioni nella regione

 

La misura arriva poco dopo gli Stati Uniti hanno ordinato l'uscita dell'Iraq di tutti i suoi "dipendenti governativi non di emergenza".


I Paesi Bassi e la Germania hanno sospeso le loro missioni in Iraq, oggi, a causa delle crescenti tensioni nella regione. A riportarlo è Deutsche Welle, che cita fonti dirette del ministero della Difesa tedesco.
 
Secondo un portavoce ministeriale, Berlino avrebbe ricevuto segnalazioni di possibili attacchi sostenuti dall'Iran, anche se ha aggiunto che al momento non ci sono state "minacce concrete" alle truppe tedesche e che il programma di addestramento potrebbe riprendere in futuro.
 
Secondo i media, circa 60 soldati tedeschi sono di stanza a nord di Baghdad per addestrare le forze di sicurezza irachene. Altri cento soldati si trovano nelle regioni curde del nord del paese.
 

I Paesi Bassi si uniscono alla Germania
 
Poco dopo, anche i Paesi Bassi hanno seguito la decisione della Germania e hanno deciso una minaccia alla sicurezza per sospendere la sua missione che fornisce assistenza alle autorità irachene, riferisce l'agenzia Reuters.
Il personale militare olandese sta attualmente contribuendo a formare le forze irachene nella città di Erbil. Il media non ha specificato la natura di tale minaccia.
 
All'inizio della giornata, gli Stati Uniti hanno ordinato la partenza dell'Iraq di tutti i loro "impiegati del governo non di emergenza". In una dichiarazione, è stato raccomandato di "lasciare l'Iraq con trasporti commerciali il più presto possibile" e "evitare le strutture degli Stati Uniti" nel territorio del paese, tra gli altri consigli.
 
Il 7 maggio scorso, il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha fatto una visita lampo senza preavviso in Iraq con l'obiettivo di mostrare il suo sostegno al governo iracheno al momento della crescente tensione con l'Iran. Pompeo aveva dichiarato che Washington ha dati che dimostrano che Teheran prevede di perpetrare "imminenti" attacchi contro le forze armate statunitensi schierate in Iraq.
 
 
Fonte: Deutsche Welle - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa