Scott Ritter (Ex ufficiale marines Usa): "Perché dobbiamo tifare che vinca Putin"

Scott Ritter (Ex ufficiale marines Usa): "Perché dobbiamo tifare che vinca Putin"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




Con la traduzione di Nora Hoppe vi riproponiamo la traduzione dell'intervento di Scott Ritter, ex ufficiale dei marines Usa, alla trasmissione "Dialoghi su Radio Komsomolskaya Pravda".


Abbiamo caricato i sottotitoli su Youtube e poteti selezionarli:


Di seguito il testo del suo intervento:

L'intero esercito americano era unicamente concentrato sull'andare in guerra con l'Unione Sovietica. Tutto ciò che abbiamo fatto è stato focalizzato su quel compito. Quindi, per quanto le cose siano brutte oggi - e sono brutte, non lo sto minimizzando - non è poi così brutto come allora. L'America non sta spendendo ogni singolo giorno ad allenarsi per andare in guerra con la Russia. Questa è già una cosa positiva.

Penso che la grande differenza tra allora e oggi sia che quando ci stavamo addestrando per combattere l'Unione Sovietica, rispettavamo l'Unione Sovietica. Temevamo persino l'Unione Sovietica. Era una mentalità ben diversa da quella che esiste oggi.

Ma quando l'Unione Sovietica crollò, gli Stati Uniti videro la Russia come un nemico sconfitto. E penso che chiunque abbia vissuto il decennio del 1990 sappia cosa significava. Abbiamo cercato di distruggere la Russia. Abbiamo cercato di controllarvi politicamente e abbiamo cercato di sfruttarvi economicamente. Non avevamo più paura della Russia.

Quando Boris Eltsin si è fatto da parte e Vladimir Putin ha preso il sopravvento, questo ha cambiato un po' la dinamica. Perché ora la Russia aveva un leader che non avrebbe permesso che fosse trattata come un nemico sconfitto. Ha fatto in modo che la Russia si alzasse in piedi da sola.

Ma il fatto è che la Russia era molto debole quando Vladimir Putin ha preso il potere per la prima volta, e la Russia è stata debole per molti anni dopo. E noi ne abbiamo approfittato. Ad esempio, l'espansione della NATO è stata un segno della debolezza russa. L'interferenza degli Stati Uniti e di altre nazioni negli affari interni della Russia e, ad esempio, il nostro desiderio di controllare l'opposizione politica della Russia significava che non rispettavamo la Russia.

Continuavamo a dire che vogliamo che la Russia sia una società democratica, ma non si può essere una società democratica quando l'opposizione è controllata da potenze straniere. Quindi la situazione che abbiamo oggi è che gli Stati Uniti continuano ad agire come se la Russia fosse debole, continuano ad agire come se fossimo la potenza dominante. E abbiamo la Russia che finalmente si alza sulle proprie gambe, forte, indipendente e che dice: basta!

Il conflitto in Ucraina è una tragedia orribile – non voglio minimizzarlo. La morte e la distruzione vanno oltre ogni immaginazione Ma non è la stessa cosa della Guerra Fredda. Ci stavamo addestrando ogni giorno per uccidere i sovietici. Oggi stiamo usando gli ucraini come proxy per questo scopo. Uno dei motivi è perché stiamo iniziando a temervi… stiamo iniziando a rispettarvi. E, di conseguenza, non siamo disposti a combattervi. Quindi usiamo gli altri per combattere.

E puoi ringraziare una sola persona per questo: Vladimir Putin. La Guerra Fredda è stata guidata da conflitti ideologici. Ma, quando iniziò la Guerra Fredda, l'Unione Sovietica era una potenza molto forte. Non li abbiamo controllati. Li abbiamo affrontati. C'è una differenza tra questo scenario e ciò che esiste oggi per quanto riguarda la Russia. Quando l'Unione Sovietica crollò, i decisori di Washington D.C. decisero che non avrebbero mai più potuto lasciare che la Russia si sollevasse per replicare il potere dell'Unione Sovietica.

Se si guarda al decennio degli anni '90, l'America stava cercando di distruggere la Russia. L'America ha cercato di distruggere la Russia economicamente. Non conosco i numeri esatti, ma oltre 20 trilioni di dollari di ricchezza russa sono stati portati fuori dal paese da questo capitalismo di cui la gente parla. E abbiamo cercato di controllare politicamente la Russia. Possedevamo il vostro presidente - il presidente Eltsin era di proprietà degli Stati Uniti. La prova erano le elezioni del 1996, l'abbiamo comprata per lui.

Se si guardano "gli esperti" di oggi negli Stati Uniti, Michael McFall, per esempio, un nome che dovrebbe essere ben noto ai russi, all'ex ambasciatrice, Fiona Hill, e ad altri. Queste sono persone che sono venute alla ribalta intellettuale nel corso del 1990. Persone come me, Roland LeJoy, che era il mio generale quando facevo le ispezioni, e tutti gli altri ufficiali che erano lì... abbiamo studiato l'Unione Sovietica. Vi ho detto che eravamo vostri nemici, ma vi abbiamo studiato perché credevamo che bisogna conoscere il proprio nemico. Bisogna capire il proprio nemico. Michael McFall e Fiona Hill invece non studiano la Russia. Non vogliono conoscere la Russia. Il loro intero approccio era come dominare la Russia, come sfruttare la Russia, e questa è una differenza.

Quindi, quando Vladimir Putin ha alzato in piedi la Russia, il resultato non è stato un conflitto ideologico. C'era risentimento. C'era rabbia. C'era frustrazione per il fatto che avevamo avuto la Russia dove li volevamo per 10 anni nel 1990. E improvvisamente la Russia ci è scivolato via.

E quindi ora l'obiettivo è quello di far tornare la Russia al punto in cui era nel 1990. Questa è la politica degli Stati Uniti, far sì che la Russia smetta di essere questo forte paese indipendente e che la Russia torni e sia una sorta di colonia, un servitore dell'egemone americano.

Gli Stati Uniti hanno visto l'espansione della NATO - in particolare l'espansione della NATO in Ucraina e Georgia - come un elemento chiave per indebolire la Russia, per creare una Russia debole che possiamo poi abbattere e prendere il controllo. Ed è qui che siamo oggi. Gli Stati Uniti stanno dietro ciò che sta facendo l'Ucraina? Assolutamente. Il nostro obiettivo è la sconfitta strategica della Russia. Il nostro controllo dell'Ucraina è assoluto. Capite questo: se gli Stati Uniti smettessero di sostenere l'Ucraina oggi, la guerra finirebbe domani.

Se gli Stati Uniti dietro l'attacco dei droni al Cremlino? Potremmo non averlo ordinato, ma lo abbiamo facilitato. Lo abbiamo reso possibile grazie al nostro sostegno al governo ucraino.

Sono ora tornato in Russia. Non ci sono stato per oltre 30 anni. E uno dei motivi per cui sono venuto in questo tour, è stato quello di vedere in prima persona, senza pregiudizio, la realtà della Russia di oggi. Negli Stati Uniti c'è questa idea che la Russia sia debole, che la Russia sia sull'orlo del disastro.

Gli Stati Uniti, lavorando con gli ucraini, hanno un piano strategico per creare un Maidan di Mosca. Questo è il loro obiettivo. Per fare pressione sulla Russia attraverso sanzioni economiche consentendo agli ucraini di danneggiare militarmente la Russia in Ucraina, l'effetto combinato è progettato per ridurre la fiducia nel governo russo e generare disordini politici interni in modo che ci possa essere una rivolta a Mosca che potrebbe rimuovere Vladimir Putin dal potere. Questo è l'obiettivo strategico.

Ora, sono qui solo da pochi giorni. Ho ancora molti giorni e sono grato per questa opportunità. Penso che dovrei, in questo momento, ringraziare Alexander Zaryanov per avermi permesso di venire qui. Penso che tutta la Russia dovrebbe ringraziarlo, ad essere onesti, perché Questa è una fantastica opportunità per imparare, vedere, e ho intenzione di riportarlo negli Stati Uniti per cambiare l'atteggiamento del popolo americano.

Ma ti dirò un paio di cose che ho notato finora. Se l'America pensa che le sanzioni distruggeranno l'economia russa, si sbaglia di grosso. Quello che ho visto finora è una vivace economia russa. Potrebbe non essere perfetto, ma è vibrante. Sta crescendo. Non si sta restringendo.

E vedo anche persone che amano il loro Paese. Non è un amore superficiale. Non è l'amore per quello che in America chiameremmo "il soldato del sole" - qualcuno che è patriottico solo quando splende il sole. Vedete lo spirito del popolo russo ovunque: a Mosca... quando ero a San Pietroburgo, quando ero a Irkutsk, quando ero a Novosibirsk, tutti erano concentrati sul Giorno della Vittoria. E questo dimostra l'apprezzamento che il popolo russo ha per coloro che hanno servito il loro paese, per coloro che hanno salvato il loro Paese. Questo è importante perché bisogna chiedersi: cosa stanno cercando di salvare? Perché dovrebbero sacrificarsi così tanto? Perché la storia dimostra che quando gli eserciti sono chiamati a compiere l'estremo sacrificio, se non credono in ciò per cui stanno sacrificando le loro vite, spesso scelgono di abbandonare le armi e scappare.

Ma questi qua stanno combattendo per la Russia di Tolstoj, il russo di Puskin, Dostoevskij, Cechov. Combattevano per il russo di Lenin, il russo di Stalin. Combattevano per le bellissime scatole di lacca nera che catturano l'arte. Combattevano per Aivazovsky, il pittore. Combattano per il loro suolo. Combattano per la Russia e l'Anima russa.

E questo è quello che dirò agli americani, è che non si può sconfiggere l'Anima russa. Non bisogna temere l'anima russa. Bisogna voler essere amico dell'Anima russa. E questa è la cosa importante.

In America in questo momento, abbiamo la russofobia. È una malattia che sta distruggendo la nostra relazione. Il mio obiettivo è quello di creare un vaccino per questa malattia introducendo o reintroducendo il popolo americano all'Anima russa. Che non ne avranno paura. In realtà vorrebbero diventare amici con esso.

Penso che chiunque segua la geopolitica oggi capisca il significato della Cina. Hanno una popolazione molto grande e hanno un'economia costruita per essere un motore per servire non solo questa popolazione, ma il mondo. Negli ultimi 10 anni, hanno speso da 7 a 10 trilioni di dollari per lo sviluppo, lavorando per avere uno sviluppo internazionale attraverso la Belton Roads Initiative e altri. E quindi la Cina deve essere presa sul serio. La politica degli Stati Uniti è sempre stata quella di tenere separate Russia e Cina. Ma con la nostra arroganza, abbiamo usato le stesse tattiche contro la Russia, e abbiamo minacciato di usare le stesse tattiche contro la Cina. In Russia, le sanzioni economiche, il conflitto militare per procura si indebolisce. Facciamo la stessa cosa con la Cina. Abbiamo minacciato le sanzioni, e ora stiamo minacciando un conflitto per procura con Taiwan per indebolire la Cina. E quindi quello che abbiamo fatto, invece di creare un quadro politico che li tiene separati, abbiamo creato qualcosa che spinge Cina e Russia insieme.

Ora stiamo vedendo cosa succede quando si ottiene il nesso delle enormi risorse della Russia – energia, minerali, altri – combinate con l'immenso motore economico della Cina, e le si mette insieme, ed è imbattibile. Penso che passerà alla storia come uno dei più grandi errori politici commessi nell'ultimo secolo.

Ma guardate dove ha portato l'Europa. L'Europa ha aderito alla politica americana. L'Europa si è lasciata sottomettere alla volontà politica americana. E guardate l'economia europea di oggi. Non sta crescendo, si sta restringendo. Quando si pensa all'influenza globale dell'Europa, a volte si può cogliere in termini di forma economica del G7, le sette economie più avanzate del mondo. Se si confronta il G7 con, per esempio, i BRICS, che è una nuova forma economica, Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa, e sta crescendo. Argentina, Iran, Arabia Saudita, Egitto, altre nazioni vogliono aderire. Voi comprendete l'insignificanza dell'Europa oggi nell'economia mondiale.

Penso che ciò che abbiamo qui sia la perfetta rappresentazione del conflitto tra la singolarità dell'America e la multipolarità che Russia e Cina stanno perseguendo. E ogni speranza che gli Stati Uniti avevano di mantenere il loro status di egemone mondiale, penso, finisce quando Russia e Cina si uniscono in un contesto economico e poi attirano il resto del mondo a unirsi a loro. Diciamo questo, l'ultima cosa che volete dagli Stati Uniti è che stia per cadere a pezzi, perché sarebbe la situazione più pericolosa che il mondo possa mai affrontare. Perché stare per cadere a pezzi significa che è una questione esistenziale per gli Stati Uniti, la fine degli Stati Uniti. E abbiamo armi nucleari, e non lasceremo che ciò accada. Penso che sia molto difficile psicologicamente per gli americani considerarsi il numero due o il numero tre. Penso che potremmo accettare di essere uguali, ma è meglio dell'artificialità di essere il numero uno in un mondo che non ci rispetta o non ci vuole come numero uno. A parità di condizioni, è abbastanza buono.

Penso che gli Stati Uniti abbiano una base scientifica molto forte, una base di ricerca. Siamo un leader tecnologico, ma penso che non possiamo dimenticare che una delle cose che ci ha reso leader è stato quando stavamo lavorando insieme al mondo e ci hanno riconosciuto come leader. Sono venuti da noi per queste innovazioni tecnologiche. Siamo diventati il fornitore di questa innovazione tecnologica. Ma cosa succede quando sei il leader tecnologico che fa la tua reputazione fornendo tecnologia e poi dici: "No, non potete avere la nostra tecnologia in Russia. Vi sanzioneremo. No, Cina, non potete avere la nostra tecnologia. No India, non potete avere la nostra tecnologia". Queste sono già economie avanzate. Ma restano passivi lì e dicono: "Oh, non possiamo avere la vostra tecnologia?" O cercano invece di sviluppare la tecnologia da soli? Penso che sia quello a cui stiamo assistendo oggi. In Cina, stanno recuperando così tanti livelli. In Russia, stanno recuperando, ma in alcuni luoghi ci stanno superando. E quindi penso che la nostra ignoranza nel cercare di mantenere lo sviluppo scientifico negando l'accesso a parti del mondo abbia creato una competizione che sta sfidando il nostro status di leadership nella tecnologia e nella ricerca e sviluppo.

Non so cosa voglia il governo russo. Come definiscono la vittoria? Qual è la vittoria per la Russia? Posso dire questo, qualsiasi situazione che permetta all'Ucraina come esiste attualmente e configurata di continuare ad esistere crea un cancro che mangerà la Russia per sempre. Ed è quello che vogliono gli Stati Uniti. Quindi ora la domanda è: la Russia permetterà a questo cancro di vivere? La Russia ha la capacità militare di sconfiggere l'Ucraina, anche con tutta l'assistenza che la NATO sta fornendo. La domanda è: la Russia ha la volontà politica di farlo? Questa è una domanda per il governo russo.

Più a lungo questa guerra si trascina, peggio è per la Russia. Perché l'Occidente ha un'enorme capacità industriale. E se l'Ucraina non sarà sconfitta dalla Russia quest'anno, l'Occidente lo percepirà come debolezza da parte della Russia. E faranno gli investimenti necessari per costruire la nostra capacità industriale per continuare a nutrire l'esercito ucraino. C'è una finestra di opportunità per la Russia quest'estate prima che la capacità industriale dell'Occidente si impegni in modo significativo. Se la Russia può sconfiggere strategicamente l'Ucraina in questo periodo di tempo, il cancro sarà morto. Gli Stati Uniti smetteranno di perseguire questa politica. La Russia avrà la possibilità di ridefinire il suo rapporto di sicurezza con l'Europa. Ma se la Russia non vince questa guerra quest'estate, e le permettono di trascinarsi nel prossimo anno. Diventa una domanda più difficile.

La domanda è: allora la Russia può vincere la guerra? E questa diventa una domanda senza risposta. In questo momento gli Stati Uniti stanno parlando di inviare 31 carri armati Abrams in Ucraina. 31. Non c'è un professionista militare al mondo che pensa che sia un numero serio. Cosa succede se la Russia non vince questa guerra? Cosa succede se l'anno prossimo l'America invierà 300 carri armati. Cosa succede se l'America decide di inviare caccia F-16? Il gioco cambierebbe. Quindi sì, penso che se la Russia non vince questa guerra, l'America raddoppierà le sue forze. Manderemo sempre di più, sempre di più, perché sentiremo "l'odore della debolezza". E quando sentiamo l'odore della debolezza, andremo fino in fondo.

Non ci importa nulla del popolo ucraino. Non ci interessa l'Ucraina. Siamo disposti a lasciare che perdano tutti i soldati che vogliono perdere, perché tutto ciò che ci interessa è la sconfitta strategica della Russia. Non credo che gli Stati Uniti vi manderanno mai i loro soldati, perché la Russia ha armi nucleari. Questa è una domanda completamente diversa. È facile per noi che gli ucraini uccidano i russi. Non c'è alcun rischio per noi! Ma mettere truppe americane sul terreno in Ucraina per combattere le truppe russe è un invito a un disastro, un disastro nucleare. Giusto, ma poniamoci questa domanda fondamentale. Se la Russia perde l'Ucraina, se l'Ucraina passa all'Occidente, questa è una minaccia esistenziale per la Russia. Ma se gli Stati Uniti perdono l'Ucraina, non sarebbe niente di che. Abbiamo trascorso 20 anni in Afghanistan, e poi ce ne siamo andati di scatto. Se la Russia decide di vincere questa guerra in Ucraina, ce ne andremo di scatto.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti