Senato USA approva la vendita di F-35 e droni agli Emirati Arabi Uniti

Senato USA approva la vendita di F-35 e droni agli Emirati Arabi Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Senato statunitense rifiuta di bloccare la vendita di armi moderne agli Emirati Arabi Uniti, un paese che diventerà il primo stato arabo a ricevere i caccia F-35.

I senatori alla Camera Alta, a maggioranza repubblicana, hanno rifiutato di dare la loro approvazione, questa mattina, ad un emendamento democratico per bloccare la vendita di sofisticate armi americane, inclusi caccia F-35 e droni, tipo MQ-9 Reaper, agli Emirati Arabi Uniti (EAU), come riportato dai media statunitensi.

Prima della sessione di voto al Congresso degli Stati Uniti, il presidente uscente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva minacciato di porre il veto a qualsiasi sforzo del Senato o della Camera dei rappresentanti a maggioranza democratica per bloccare il trasferimento. di armi, pianificato nel contesto della normalizzazione dei legami degli Emirati Arabi Uniti con il regime israeliano, nel quadro dei cosiddetti “Accordi di Abraham”.

I due voti procedurali non sono riusciti a ottenere la maggioranza dei 100 membri del Senato, interrompendo così gli sforzi per frenare la vendita di caccia avanzati F-35 e di droni Reaper agli Emirati Arabi Uniti.

In primo luogo, il disegno di legge è stato respinto da 48 senatori repubblicani, ai quali si sono aggiunti due legislatori democratici; mentre 46 hanno votato a favore del blocco della suddetta vendita di armi.

Nel secondo turno, quello finale,  con 49 voti favorevoli e 47 contrari, i senatori statunitensi hanno respinto la proposta di impedire la vendita di armi avanzate al Paese arabo.

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell, a sostegno di questo rifiuto, ha affermato che la risoluzione che cerca di bloccare la vendita di armi era ben al di sotto dei due terzi del sostegno che sarebbe stato necessario per superare un veto presidenziale.

"È un po' sconcertante suggerire che un gesto di protesta senza la possibilità di ottenere una maggioranza [presidenziale] a prova di veto sia un uso improprio del tempo prezioso del Senato", ha detto McConnell ai media locali.

I sostenitori della vendita hanno descritto gli Emirati Arabi Uniti come uno dei principali partner statunitensi nella regione dell'Asia occidentale, mentre i contestatori hanno criticato Abu Dhabi per il suo ruolo nel sanguinoso assalto dell'Arabia Saudita allo Yemen.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti