Sentenza Assange. USA 'delusi': "continueremo a chiedere la sua estradizione"

Sentenza Assange. USA 'delusi': "continueremo a chiedere la sua estradizione"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La reazione degli USA,  attraverso il suo Dipartimento di Giustizia, alla sentenza della Corte di Londra che ha negato l'estradizione di Julian Assange non suscita particolari sorprese. Accettarla significherebbe ammettere il suoi crimini di guerra, come dimostrato dai documenti pubblicati negli scorsi anni da WikiLeaks.

Gli Stati Uniti continueranno a cercare l'estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange, ha annunciato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti dopo che un giudice britannico ha stabilito che non dovrebbe essere estradato per affrontare accuse penali.

Secondo quanto riporta l'agenzia Reuters, il portavoce del dipartimento di Giustizia statunitense, Marc Raimondi ha dichiarato: “Sebbene siamo estremamente delusi dalla decisione finale della Corte, siamo lieti che gli Stati Uniti abbiano prevalso su ogni questione di diritto sollevata. In particolare, la corte ha respinto tutte le argomentazioni del signor Assange in merito a motivazione politica, reato politico, equo processo e libertà di parola. Continueremo a chiedere l'estradizione di Assange negli Stati Uniti”.

Resta, comunque, il punto che il rifiuto all'estradizione di Assange è stata motivata dalle sue condizioni psichiche, rischio suicidio.

Da una corte inglese di più proprio non ci poteva aspettare

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti