/ Siria, 'Astana 8' porta l'accordo tra Iran, Turchia e Russia su p...

Siria, 'Astana 8' porta l'accordo tra Iran, Turchia e Russia su prigionieri e sminamento

 

Russia, Iran e Turchia, i tre garanti del processo di pace siriano, hanno approvato ad Astana la creazione di un gruppo di lavoro per lo scambio di prigionieri e lo sminamento della Siria.


"I paesi garanti hanno adottato una dichiarazione congiunta e hanno deciso di creare un gruppo di lavoro per lo scambio dei detenuti (in Siria)", ha riferito il direttore del dipartimento Asia e Africa del Ministero degli Affari Esteri del Kazakistan , Aidarbek Tumatov.
 
Le delegazioni di Mosca, Teheran e Ankara hanno concluso oggi ad Astana (capitale kazaka) l'ottavo round di colloqui di due giorni tra le autorità del governo siriano e l'opposizione.
 
Secondo Tumatov, i delegati riuniti in città hanno approvato una dichiarazione sul processo di sminamento delle strutture del paese arabo.
 
Da parte sua, il ministro degli affari esteri del Kazakistan, Kairat Abdrajmanov, ha riferito che i tre paesi garanti del processo hanno approvato un documento per effettuare operazioni di sminamento di monumenti storici e di altre parti del territorio siriano.
 
Le parti hanno inoltre convenuto che il Congresso nazionale di dialogo siriano si terrà il 29 e il 30 gennaio prossimo nella città russa di Sochi.

 
Il responsabile delle Nazioni Unite (ONU) per gli aiuti umanitari in Siria, Jan Egeland, si aspettava da Astana una cessazione delle ostilità in tutto il territorio siriano.
 
Le delegazioni di Russia, Iran e Turchia, insieme a quelle del governo siriano e dell'opposizione, hanno iniziato i negoziati lo scorso gennaio per trovare soluzioni pacifiche alla crisi siriana.
 
In questi dialoghi, Iran, Russia e Turchia hanno concordato di istituire quattro zone di sicurezza per rafforzare l'armistizio esistente dal 30 dicembre e porre fine agli scontri tra governo e forze di opposizione.
 
I paesi garanti hanno concordato di creare queste aree nella provincia di Idlib (nord-ovest), a nord della città di Homs (centro-est), a Ghouta Orientale (provincia di Damasco) e nel sud del paese.
 
La più vasta area copre l'intera provincia di Idlib e parte delle province di confine: il nord-est di Latakia (nord-ovest), l'ovest di Aleppo (nord) e il nord di Hama (centro), che comprende una popolazione di oltre un milione persone.
 
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa