Tunisia : fuga dal carcere di Mornaguia di 5 terroristi

Tunisia : fuga dal carcere di Mornaguia di 5 terroristi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Fustaneo


In Tunisia si infittisce il mistero sulla fuga avvenuta all’alba dello scorso 31 ottobre di cinque detenuti sotto stretta sorveglianza a causa della loro pericolosità e della loro implicazioni in atti terroristici di matrice integralista islamica: erano detenuti nella prigione civile di Mornaguia, la più sorvegliata del paese.

Il presidente tunisino Kaïs Saïed ha parlato mercoledì scorso di complicità interne e di “un’operazione pianificata da mesi”.

A seguito dell’evasione tutte le forze armate, compreso l’Esercito nazionale si sono mobilitati per le ricerche e le frontiere del paese sono state messe in sicurezza.

Non potevano a questo punto cadere delle teste, di fronte a quello che per modalità e pericolosità dei personaggi coinvolti, è stato un vero e proprio smacco allo stato tunisino: Il ministero degli Interni ha infatti licenziato due alti funzionari, il direttore del carcere e il direttore dell'Intelligence.

Il Presidente Kaïs Saïed in un video, durante un incontro con il suo ministro degli Interni, Kamel Feki ha affermato che "Quello che è successo non è accettabile, è un fallimento per le forze di sicurezza e per alcuni individui e devono essere perseguiti - aggiungendo che c’è il desiderio da parte di alcuni soggetti di-danneggiare lo Stato, collaborando con i movimenti sionisti e altre parti dell’interno del paese".

Tra i fuggitivi c’è Ahmed Melki, 44 anni, soprannominato “il somalo”, coinvolto in illustri omicidi di politici dell’opposizione, rivendicati da estremisti islamici.

Arrestato nel 2014, era il principale accusato dell’omicidio, il 25 luglio 2013, del deputato di sinistra Mohamed Brahmi. È stato anche coinvolto nell’assassinio, il 6 febbraio 2013, a Tunisi, dell’oppositore di sinistra Chokri Belaid .

Tali omicidi scossero talmente il palese e crearono proteste e manifestazioni di piazza così veementi, da innescare una crisi politica e costringere il governo guidato dal partito islamista Ennahda alle dimissioni.

Tra i prigionieri evasi figura poi, anche Rayd Touati, che secondo fonti della sicurezza ha preso parte ad alcuni degli attacchi terroristici più violenti che hanno scosso la Tunisia negli ultimi dieci anni.

La fuga, che tutto fa pensare fosse preordinata e condotta con la complicità di personale corrotto all’interno del carcere e con appoggio esterno, fa riaffiorare brutti ricordi nell’opinione pubblica tunisina, memore del vortice di attentati di matrice terroristica che sconvolsero il paese a partire dal 2011.

I cinque evasi si sarebbero subiti messi all’opera portando a termine nella giornata di venerdì 3 novembre, una rapina ai danni di una banca di Boumhel (governatorato di Ben Aruous): secondo quanto annunciato infatti dalla Guardia Nazionale l’identità dei presunti autori della rapina, coinciderebbe con quella dei terroristi in fuga.

A fronte di quanto accaduto, considerata la pericolosità delle persone coinvolte, il ministro degli Interni ha rassicurato di aver "sensibilizzato" tutte le sue unità per "intensificare le ricerche con l'obiettivo di arrestarle il prima possibile", invitando tutti i cittadini a segnalare alla polizia ogni informazione utile a individuarli.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti