Ucraina: Muraev ha definito "stupide" le dichiarazioni del Foreign Office britannico

Ucraina: Muraev ha definito "stupide" le dichiarazioni del Foreign Office britannico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Londra ha avanzato il sospetto che il Cremlino stia non solo valutando un'incursione militare in Ucraina, ma anche "un'invasione e un'occupazione" in piena regola per "installare" al governo di Kiev "una leadership filorussa". Lo afferma in un comunicato nel quale si paventa come futuro "potenziale candidato" premier indicato dalla Russia "l'ex deputato ucraino Yevhen Murayev".

Il diretto interessato, ex vice presidente della Verkhovna Rada, ha definito poco professionale la dichiarazione del Ministero degli Esteri britannico secondo cui potrebbe diventare il leader del "regime fantoccio del Cremlino”, secondo quanto riferisce ‘Ukrainan Truth’. 

Yevhen Murayev definisce quanto asserito dal Regno Unito una “stupidità”. Ha inoltre ricordato che gli è stato "proibito l'ingresso in Russia per quattro anni". Muraev ha poi aggiunto che se avesse beni nel Paese vicino, "sarebbero congelati". Allo stesso tempo, il politico ha ribadito di "non aver mai avuto niente" in Russia. Da dicembre 2018 figura nella lista delle personalità sanzionate dalla Russia.

In merito al suo paese dice: “Guardate il programma che ho delineato. Abbiamo una visione diversa riguardo lo sviluppo del paese. L’Ucraina deve essere uno Stato forte e sovrano. Pertanto, è difficile immaginare che abbia avuto qualsiasi tipo di comunicazione con i russi. Credo che le informazioni che adesso vediamo non siano professionali. Spero in scuse”. 

Murayev è un esponente dell’opposizione già appartenente alla piattaforma ‘For Life’ (OPZZh) che poi ha lasciato per fondare la sua forza politica, Nashi. 

L’emittente britannica Sky News ha successivamente affermato che quanto affermato dal Foreign Office è frutto di informazioni ricevute dai servizi di intelligence statunitensi. 

In ogni caso non si è trattato dell’unica affermazione proveniente dal Regno Unito sull’Ucraina che ha suscitato polemiche: il ministro degli Esteri Liz Truss, parlando al think thank del Lowy Institute di Sidney ha affermato che l’Ucraina è sopravvissuta a molte invasioni “dai Mongoli ai Tartati”. 

Da Mosca, la portavoce del mistero degli Esteri di Mosca Maria Zakharova ha quindi messo in dubbio le capacità professionali del ministro britannico. 

Il ministero degli Esteri di Mosca ha poi aggiunto che la disinformazione proveniente dal Regno Unito rappresenta l’ennesima prova che i paesi NATO, guidati dagli anglosassoni, vogliono aumentare le tensioni. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo