Venezuela: il popolo vuole la pace e la Costituente

Venezuela: il popolo vuole la pace e la Costituente

Le destre applicano le teorie del "caos costruttivo" escogitate dal pensatore statunitense Brzezinski, recentemente defunto, "e che abbiamo già visto applicate in Libia, Siria"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabio Marcelli*


Guarimba è una parola apparentemente innocente che corrisponde a un gioco infantile, più o meno il nostro nascondino. Tale parola però in Venezuela ha assunto un significato sinistro e indica un fenomeno deteriore del quale la popolazione nel suo complesso, al di là dell'orientamento politico a favore o contro il governo di Nicolas Maduro, comincia ad essere stanca e a reagire mandando i guarimberos a farsi benedire.  Questi ultimi sono infatti quelle poche centinaia di dimostranti violenti che, in una parte molto limitata del territorio nazionale, solo undici municipi su circa 330, i   piu' ricchi, stanno tentando di mettere in scena una sorta di guerriglia urbana, con blocchi della circolazione, assalti a servizi pubblici, uso di esplosivi e ordigni incendiari contro le forze dell'ordine. Prove tecniche di guerra civile. Finanziate da coloro che sono interessati alla destabilizzazione del Venezuela bolivariano e pagano circa 350.000 bolivares (al cambio ufficiale più o meno 31 euro) coloro che partecipano alle manifestazioni violente, destinando somme ancora maggiori a coloro che lanciano pietre o molotov o bombe più o meno artigianali.


Risultato: 46 vittime nel 2014, in gran parte membri delle forze dell'ordine e passanti. E, per quanto riguarda la fase più recente delle guarimbas, cominciata qualche mese fa, circa 80 vittime, delle quali solo 7 sono state colpite dalla repressione poliziesca, e sui relativi episodi sono in corso inchieste giudiziarie per accertare eventuali eccessi nell'uso della forza. Un prezzo di sangue eccessivo e che il popolo venezolano, al di là delle sue simpatie politiche, è stanco di pagare . E che si aggiunge agli omicidi politici mirati, come quello di Robert Serra, il più giovane deputato latinoamericano e astro nascente del partito chavista, ucciso da tre paramilitari colombiani, che hanno confessato, mentre ancora restano impuniti i mandanti di questo delitto, con ogni probabilità da imputarsi ai settori estremisti della destra venezolana.


Questo osceno spettacolo viene filmato e fotografato a uso e consumo della stampa internazionale, cioè dei reporter scarsamente professionali, embedded negli hotel di lusso di Miami o delle Bahamas, ad ogni modo ben lontano dal teatro degli avvenimenti, che sui loro giornali mandano il messaggio falso e mistificatorio della finta guerra civile in atto. Il tutto a beneficio di coloro che vogliono togliere di mezzo il governo bolivariano di Nicolas Maduro per poter procedere indisturbati allo sfruttamento delle maggiori riserve petrolifere del mondo, pari a 300 miliardi di bari di petrolio, oggi in mano all'azienda pubblica PDVSA. Parliamo di personaggi come Tillerson, oggi capo del Dipartimento di Stato per conto di Trump e fino a ieri capo dell'Exxon Mobil, la multinazionale petrolifera che è pronta a tutto pur di mettere le mani sulle maggiori riserve di oro nero del mondo. Per ottenere il suo risultato, la destabilizzazione del Venezuela, gli Stati Uniti hanno investito 5 milioni di dollari che, tramite NED, USAID e CIA, affluiscono nelle case di finte ONG locali che pagano gli armamenti dei guarimberos. Parallelamente l'amministrazione Trump tenta, con scarso successo di isolare il Venezuela sul piano internazionale e su quello regionale, rilanciando la screditata OSA, che Fidel Castro ha ribattezzato giustamente a suo tempo il Ministero delle Colonie di Washington e che si è resa complice di ben 327 colpi di Stato o tentativi di colpo di Stato nel solo Ventesimo secolo.


Il tutto nell'applicazione delle teorie del "caos costruttivo" escogitate dal pensatore statunitense Brzezinski, recentemente defunto, e che abbiamo già visto applicate in Libia, Siria ed altrove, con il conseguente peggioramento della situazione mondiale della pace e della sicurezza a beneficio degli interessi petroliferi e di altro genere degli Stati Uniti e delle loro multinazionali. Ma pare difficile che il giochino possa riuscire in Venezuela, anche e soprattutto per la maturità del popolo, spesso in alcune sue parti giustamente critico nei confronti del governo, ma stanco di guerricciole e disordini nell'esclusivo profitto degli sfruttatori di sempre.


La proposta di Costituente lanciata dal presidente Maduro va presa sul serio e può costituire un'occasione per combattere efficacemente mali vecchi e nuovi del Venezuela (e non solo del Venezuela): criminalità, corruzione, burocrazia, privilegi, diseguaglianze, dipendenza dal modello estrattivista. Essa costituisce anche la risposta al fallimento dei dialoghi per la pace e la riconciliazione, dovuti all'abbandono del tavolo dei negoziati da parte dell'opposizione, dopo che erano state soddisfatte tutte le sue richieste, con il coinvolgimento di ex presidenti di vari Stati, di UNASUR e del Papa. Hanno abbandonato perché i settori estremisti che attualmente la controllano non vogliono la pace, il dialogo, la ricostruzione nazionale, ma vogliono la guerra civile e l'intervento straniero per dare a Exxon Mobil le risorse petrolifere del Venezuela. Ma il popolo venezolano non permetterà che ciò avvenga, non perché sia tutto affezionato a questo o quel governo, ma perché è giustamente affezionato al suo Paese e alla pace che non deve essere oggetto di trattativa fra fazioni contrapposte ma diventare l'obiettivo comune della gente, insieme alla rifondazione democratica dello Stato e dell'ordinamento.


link relativi ai finanziamenti statunitensi all'opposizione:

link http://www.avn.info.ve/contenido/wikileaks-deja-evidencia-que-eeuu-promueve-y-financia-fascismo-venezuela 
http://www.cubadebate.cu/noticias/2017/05/01/la-oposicion-venezolana-una-empresa-lucrativa/#.WUP8m8ZLe70
https://www.usaid.gov/venezuela
http://www.ned.org/region/latin-america-and-caribbean/venezuela-2016/ .


* Giurista, dirigente di ricerca dell’Istituto di studi giuridici internazionali del CNR e dirigente dell’Associazione dei giuristi democratici  


 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti