(Video). Il premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel: "La democrazia formale, dove le persone delegano tutto il potere, si è esaurita"

(Video). Il premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel: "La democrazia formale, dove le persone delegano tutto il potere, si è esaurita"

Il premio Nobel per la pace argentino ha partecipato alla nuova puntata di "Conversando con Correa" per parlare di dittature in America Latina, la lotta per l'emancipazione dei popoli, la teologia della liberazione, il marxismo, la pace e la democrazia

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


In questa nuova puntata di "Conversando con Correa", l'ex presidente dell'Ecuador ha intervistato Adolfo Pérez Esquivel, argentino, premio Nobel per la pace nel 1980 per il suo attivismo nella difesa dei diritti umani durante le ultime dittature militari d'America latina.


 

 
 
Esquivel, che ha approfondito la sua partecipazione mei movimenti sociali della regione basati sulla dottrina cristiana, fa riferimento alla disuguaglianza storica del continente: "Ci sono molti interessi, non solo i proprietari terrieri. Sono politiche continentali che vengono attuate, così come le dittature Non è che i militari siano impazziti subito. No, avevano un progetto ". 
 
Su questo, osserva che vi fu una formazione di "80.000 militari latini che passarono alla Scuola delle Americhe e alle accademie militari statunitensi". E invita ad una riflessione: "Dobbiamo chiederci perché oggi Washington sta installando basi militari in tutti i paesi". Secondo Esquivel, l'obiettivo della Casa Bianca resta quello che nessun paese nella regione resti sovrano. "Non appena appare un Fidel Castro, appare un Hugo Chávez, impazziscono" 
 
L'azione dei popoli
 
L'intervistato parla dell'ondata di proteste scoppiate di recente in diversi paesi dell'America Latina: "È la ribellione della gente e la gente dice" Basta! ". Con un costo elevato nelle vite, ma anche con forza e necessità di trasformazione ". E aggiunge: "I nostri popoli sono pazienti, ma non assenti. E sfortunatamente hanno una cattiva concezione della democrazia". 
 
L'analisi della società di Marx è importante (...) Non significa che verranno prese le armi, puoi combattere in un altro modo (...) La lotta argentina per i diritti umani contro la dittatura era nonviolenta
 
Esquivel si caratterizza per essere un difensore della teologia della liberazione, un lettura del cristianesimo nato in America Latina che si basa sulla lotta pacifica per i diritti dei movimenti popolari. Questa corrente aveva anche figure più estreme, come il sacerdote guerrigliero Camilo Torres, un membro dell'esercito di liberazione nazionale (ELN) della Colombia, ucciso nel 1966. 
 
A questo proposito, Correa ha ricordato le critiche a questo settore del cristianesimo, per essersi allontanato dal Vangelo e appoggiarsi alle idee marxiste. " Non dobbiamo accantonare il marxismo, dobbiamo vedere quelle cose che servono, perché l'analisi di Marx sulla società è importante", approfondisce l'argentino. Tuttavia, il leader ecuadoriano trova contraddizioni tra la teoria della lotta di classe e l'attivismo pacifico. "Sono forme, sguardi. Non significa che le armi saranno prese, puoi combattere in un altro modo", risponde Esquivel. 
 
E continua: "La lotta in Argentina dei diritti umani contro la dittatura è stata non violenta. Non abbiamo bisogno di armi per combattere. Gandhi ha detto qualcosa di molto interessante: 'Se continuiamo con occhio per occhio, finiremo tutti ciechi.'" 
 
Pace e democrazia
 
Il noto difensore dei diritti umani, che è stato detenuto in diversi paesi del continente per il suo attivismo, e persino torturato dalla dittatura argentina , lascia spazio per fornire alcune definizioni concettuali.
 
Dobbiamo trovare una qualche forma di partecipazione attraverso i consigli delle persone, che possono contribuire, esprimere la propria opinione, accompagnare e non semplicemente criticare il governo in carica.
 
"La pace è una dinamica di relazione permanente tra persone e popoli. È come comunichiamo, come ci rispettiamo", afferma. Allo stesso tempo, chiarisce: " Non c'è niente di più contrario alla pace della passività . Penso sempre alla pace come a una dinamica delle relazioni umane e alla relazione con la Madre Terra".
 
In base alle sue esperienze personali, riguardo alla democrazia spiega: "Questo sistema formale, in cui le persone delegano tutto il potere a coloro che ci governano, è esaurito", è messo in discussione. Allo stesso tempo sostiene che "democrazia significa giustizia ed uguaglianza per tutti" .
 
Per concludere, propone "di trovare una qualche forma di partecipazione attraverso i consigli dei popoli, che possono contribuire, esprimere la propria opinione, accompagnare e non semplicemente criticare il governo del giorno".
 
 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande di Giuseppe Masala Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande

Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande

Biden il "sovranista" di Antonio Di Siena Biden il "sovranista"

Biden il "sovranista"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti