Vita ed eredità di Ebrahim Raisi, come ha ridefinito la politica iraniana

Vita ed eredità di Ebrahim Raisi, come ha ridefinito la politica iraniana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il ministro degli Esteri Hosein Amir-Abdolahian e altri due funzionari del paese persiano sono morti dopo che il loro elicottero si è schiantato sulle montagne dell'Iran nordoccidentale.

L'incidente è avvenuto dopo che il presidente Raisi e la sua delegazione al seguito sono tornati dall'inaugurazione di due dighe idrauliche al confine con l'Azerbaigian.

L'elicottero ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a causa delle difficili condizioni meteorologiche - tra le quali forte pioggia e fitta nebbia - che hanno reso difficili le operazioni di ricerca e soccorso.

Il relitto dell'elicottero è stato scoperto dalle squadre di soccorso di emergenza nelle prime ore di questa mattina nella fitta vegetazione dei boschi situati tra le città di Varzaqan e Jolfa, nella provincia dell'Azerbaigian orientale.

Chi era Ebrahim Raisi?

Ebrahim Raisi era nato il 14 dicembre 1960 nella città di Mashhad, nel nord-ovest dell'Iran. Negli anni è diventato una delle personalità politiche più influenti del paese, ricoprendo incarichi chiave come capo della magistratura, prima di diventare presidente.

Tra il 2004 e il 2014, Raisi è stato vicepresidente della Corte Suprema dell'Iran. Nel 2014 è stato nominato Procuratore Generale, carica che ha ricoperto fino al 2016.

In seguito, è stato nominato custode del santuario dell'Imam Reza, l'ottavo imam sciita, nella sua città natale di Mashhad, dove ha realizzato importanti lavori di ristrutturazione. La sua nomina più rilevante è avvenuta nel marzo 2019, quando il leader della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Seyed Ali Khamenei, lo ha nominato alla guida della magistratura iraniana.

Alla guida del sistema giudiziario iraniano, Raisi ha lanciato una campagna contro la corruzione e ha promulgato leggi per proteggere le donne dalla violenza domestica. La sua crescente popolarità gli ha aperto la strada alla vittoria alle elezioni presidenziali

Come ha iniziato la sua carriera politica?

Ebrahim Raisi, noto per i suoi studi islamici, è stato membro dell'Assemblea degli esperti della provincia del Khorasan meridionale, dove è stato eletto per la prima volta nel 2006. Nel 2016, è diventato vice leader di questo organo costituzionale responsabile della nomina del leader della rivoluzione islamica, posizione ricoperta dall'Ayatollah Jannati.

Raisi è diventato un nome familiare in Iran e nel mondo musulmano nel 2017, quando si è candidato alle elezioni presidenziali contro l’allora presidente Hasan Rohani. Arrivò secondo in quelle elezioni, con 15,7 milioni di voti rispetto ai 23,5 milioni di Rohani.

Tuttavia, nella sua seconda candidatura presidenziale nel 2021, Raisi è emerso come il vincitore decisivo, ottenendo 17,9 milioni di voti su 28,9 milioni espressi, affermandosi come una figura politica popolare. Raisi ha così assunto la guida del Paese per i successivi quattro anni, iniziando ufficialmente il suo mandato il 3 agosto 2021 come ottavo presidente dell'Iran.

In cosa è stato diverso il suo governo?

L'elezione di Raisi è arrivata in un momento di sfide significative per l'Iran, comprese le difficoltà economiche esacerbate dalle sanzioni guidate dagli Stati Uniti e dalle crescenti tensioni con Washington. La sua campagna elettorale si è concentrata sulla lotta alla corruzione e sull’alleviamento delle difficoltà economiche.

Dopo essere entrato in carica, Raisi ha elogiato i giovani come la risorsa più preziosa dell'Iran e la forza trainante dell'economia, e si è impegnato ad affrontare le loro principali preoccupazioni, come la disoccupazione. Inoltre, ha sottolineato la necessità di riformare il sistema burocratico, combattendo la corruzione e l’inerzia burocratica e promettendo di ridurre l’inflazione a un livello a una cifra aumentando la produzione.

Ha sostenuto gli sforzi diplomatici per neutralizzare l’impatto delle sanzioni occidentali e migliorare le condizioni di vita del popolo iraniano.

 Raisi, un convinto critico della presenza americana nella regione e della sua politica di imporre sanzioni alle nazioni indipendenti, aveva promesso di “non perdere un solo momento” per ottenere la revoca delle sanzioni.        

Ha assunto una posizione più ferma e pragmatica sulla politica estera dell'Iran, in particolare nei negoziati con gli Stati Uniti e le potenze europee per rilanciare l'accordo sul nucleare del 2015. Tuttavia, questi sforzi hanno nuovamente incontrato un ostacolo a causa della procrastinazione degli Stati Uniti nell'eliminazione delle sanzioni.

Il presidente poco prima che avvenisse l’incidente, aveva visitato una provincia dell'Azerbaigian orientale, dove lui e il suo omologo azero, Ilham Aliyev, avevano inaugurato due dighe costruite sul fiume Aras.

A bordo dell'elicottero precipitato c'erano anche il ministro degli Esteri iraniano Hosein Amir-Abdolahian, il governatore della provincia iraniana dell'Azerbaigian orientale e altri funzionari e guardie del corpo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti