Volete il MES per nascondere che non avete fatto niente

Volete il MES per nascondere che non avete fatto niente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Giorgio Cremaschi

La campagna di Confindustria, PD, Berlusconi, Renzi e mass media a favore del ricorso al MES è una nuova dimostrazione della pochezza e della cialtroneria della nostra classe dirigente, compresa quella parte di essa che si oppone all’utilizzo di questo strumento.

È bene ricordare che il MES è il meccanismo salva stati, istituito dalla UE per “aiutare”la Grecia al prezzo di feroci politiche di austerità. Ricorrere ai prestiti di questo meccanismo, seppure per ricevere a interessi favorevoli soldi destinati alla sanità, significa dichiarare che il proprio stato è in crisi di debito. Questa è la regione per cui un noto populista come il ministro dell’economia Gualtieri finora si è opposto a chiedere i 37 miliardi, in realtà diluiti in 5 anni, del MES. E lo stesso hanno fatto tutti i suoi colleghi europei, escluso pare quello di Cipro.

Perché se è vero che quei prestiti sono a tasso agevolato, tutti i ministri dell’economia temono che il ricorso ad essi farebbe correre il rischio del rialzo di tutti gli altri tassi di i teresse che paga il paese. Ti sei rivolto all’usuraio? Allora vuol dire che non puoi pagare, questa la brutale logica dei mercati finanziari.

Tuttavia in Italia la discussione sui 37 miliardi del MES è ancora più falsa.

Chi li vuole ha proposto come spenderli?

I 250 sindaci di area PD che ora li chiedono sanno cosa farne nelle loro città?

Quante assunzioni di medici, infermieri, tecnici?

Quante terapie intensive?

Quanti servizi ospedalieri?

Quanti ambulatori per medici di base, quante ambulanze e mezzi di soccorso e protezione?

Quanti tamponi e, nel futuro, vaccini?

E infine questi soldi vanno alla sanità pubblica o anche a quella privata? Ecco, se si chiede il MES si dovrebbero avere già pronti i suoi piani di spesa, invece non c’è nulla di tutto questo.

D’altra parte M5S, Salvini e Meloni che si oppongono all’utilizzo del prestito, hanno proposte sulla sanità e su come finanziarle? Nulla di tutto questo. E d’altra parte il governo di unità nazionale della pandemia, quello composto dalla conferenza stato regioni che in realtà prende tutte le decisioni; questo governo unitario che ha mostrato la sua scandalosa impreparazione di fronte alla strada prevista seconda ondata, che programmi ha per la sanità pubblica? Non si sa nulla.

Durante i due mesi nei quali l’Italia ha fatto finta che il virus non ci fosse più, lo scontro apparente è stato tra i negazionisti esaltati dai mass media, e un palazzo che raccomandava prudenza, ma non faceva niente. Ora, scomparsi nella vergogna i no mask, lo scontro torna ad essere tra sovranisti reazionari ed europeisti liberali, che decidono assieme su come non difenderci dal Covid, ma poi fanno finta di litigare sul ricorso al MES.

E intanto si dà tutta la colpa alla movida dei giovani. O alle aule scolastiche.
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti