World Affairs/Washington ha pianificato di "rapire" o "avvelenare" Assange quan...

Washington ha pianificato di "rapire" o "avvelenare" Assange quando era nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. La denuncia del legale

 

Il governo americano ha pianificato di rapire o uccidere Julian Assange mentre era rinchiuso nell'ambasciata ecuadoriana a Londra, la dichiarato ieri davanti al tribunale di Londa il legale dell'editore di WikiLeaks durante l'udienza di estradizione


Fonte Articolo
 

L'avvocato di Assange Edward Fitzgerald ha riferito al giudice Vanessa Baraitser che gli Stati Uniti volevano che la morte del fondatore di WikiLeaks sembrasse un incidente e che le agenzie di intelligence statunitensi lavorassero con la società spagnola UC Global per spiare ampiamente Assange all'interno dell'ambasciata. 

 
"Considerate misure estreme "
 
Fitzgerald ha affermato che le registrazioni venivano raccolte ogni 14 giorni e consegnate ai servizi di intelligence statunitensi. La sorveglianza includeva anche filmati di Assange che incontrava il suo team legale, violando il rapporto avvocato-cliente.

 
"Ci sono state conversazioni sull'opportunità di prevedere misure più estreme, come il rapimento o l'avvelenamento di Assange nell'ambasciata", ha raccontato Fitzgerald alla corte. 
 
Gli avvocati di Assange hanno avvertito a lungo che il rapimento o la consegna straordinaria poteva essere messa come ipotesi sul tavolo per Washington se gli Stati Uniti fossero stati impossibilitati ad arrivare a lui in nessun altro modo.
 
 
 
La fonte del reclamo ascoltato in tribunale lunedì scorso è un informatore noto solo come "testimone due", responsabile dell'esposizione del proprietario dell'UC Global David Morales e del suo ruolo nell'operazione di sorveglianza per "il lato oscuro" , ovvero il governo degli Stati Uniti. Il testimone ha descritto gli americani come "disperati". 

Un suggerimento era che la porta dell'ambasciata poteva essere lasciata aperta, il che poteva farlosembrare un " rapimento" . Non sono state fornite molte informazioni sulla richiesta di avvelenamento.
 

Piano di "rapimento"?
 

Non è la prima volta che si afferma che gli Stati Uniti hanno preso in considerazione misure così estreme per catturare con Assange.

In una presentazione del 2019 sugli aspetti tecnici dell'operazione di sorveglianza, l'hacker tedesco Andy Muller-Maguhn, che aveva visitato Assange all'interno dell'ambasciata, ha affermato che il rapimento e l'avvelenamento erano opzioni per il governo degli Stati Uniti e che tutte le porte e finestre dell'ambasciata erano sorvegliate così da poter vagliare varie opzioni.

La sorveglianza è stata così intensa che le cimici sono state persino impiantati in un estintore e in un bagno che Assange ha usato, ha spiegato.
 
 
 
 
 
Lo scorso ottobre, durante un'audizione per chiedere un ritardo all'estradizione di febbraio, il team legale di Assange ha anche sostenuto che gli Stati Uniti avevano tentato di "rapire e danneggiare" il giornalista. Mark Summers QC ha anche sollevato il fatto che gli Stati Uniti si erano "intromessi" nelle conversazioni tra lui e i suoi avvocati, ma il giudice Baraitser ha negato la richiesta per aver più tempo.
 
"Potrebbero spararti"
 
Probabilmente la minaccia di morte non è stata lontana dalla mente di Assange da quando ha lanciato WikiLeaks nel 2006.
 
L'anno scorso, suo padre John Shipton ha rivelato di aver avvertito suo figlio che poteva essere ucciso per il suo lavoro. 
 
"Devi stare attento perché potrebbero spararti o spingerti giù da un ponte", gli ricordò Shipton.
Assange è stato trascinato via dall'ambasciata ecuadoriana di Londra nell'aprile 2019 e da allora è stato tenuto nella prigione di Belmarsh di massima sicurezza. Ha trascorso sette anni all'interno dell'ambasciata, temendo l'estradizione negli Stati Uniti, dopo aver saltato la cauzione in relazione a un caso di violenza sessuale svedese che secondo i suoi avvocati era politicamente motivato e successivamente abbandonato.
La tanto attesa udienza di estradizione degli Stati Uniti continuerà anche oggi, quando la difesa e l'accusa esamineranno i dettagli di un trattato di estradizione tra Regno Unito e Stati Uniti del 2003.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa