25 anni di Rivoluzione Bolivariana - 2 febbraio 1999: nascita del chavismo

25 anni di Rivoluzione Bolivariana - 2 febbraio 1999: nascita del chavismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Atilio Boron - teleSUR

Sono passati 25 anni dell'insediamento del Presidente Hugo Rafael Chávez Frías nel 1999. Nessuno poteva sapere, nemmeno lo stesso Chávez, che quello sarebbe stato il momento fondante di un nuovo ciclo progressista e democratico che, con le sue conquiste e nonostante alcune frustrazioni, avrebbe cambiato per sempre la storia dell'America Latina e dei Caraibi, estendendosi prima a gran parte del Sud America e poi all'America Centrale, al Messico e ai Caraibi.

Chávez è stato sia l'ispiratore che il protagonista di un ciclo politico-ideologico che avrebbe ottenuto uno dei trionfi più trascendentali della storia della Nostra America: la sconfitta dell'ALCA, il progetto annessionista nordamericano abortito in gran parte dalla leadership di Chávez al Vertice delle Americhe di Mar del Plata del novembre 2005, dove riuscì a inglobare in questa autentica crociata antimperialista i governi di Néstor Kirchner e Luis Inacio Lula da Silva e a ottenere la cauta acquiescenza di governi più esitanti di fronte alla barbarie dell'impero, presente nella persona di George Bush Jr. ma irresistibilmente attratto dall'incomparabile carisma di Chávez.

È commovente ancora oggi ricordare quell'atto eroico in Argentina e ancor più la cerimonia di giuramento di Chávez nel 1999. Egli si presentò con fermezza e sicurezza davanti a Rafael Caldera, un uomo della Quarta Repubblica che ascoltò con compunzione e rassegnazione l'insolito (e, potremmo aggiungere, premonitore) giuramento di Chávez: "Giuro davanti a Dio, al Paese e al mio Popolo che su questa Costituzione moribonda attuerò e promuoverò le trasformazioni democratiche necessarie affinché la Repubblica abbia una Magna Carta adeguata ai nuovi tempi".   

Rendiamo il nostro più profondo omaggio a questo patriottico fratello latinoamericano che si è imbarcato nel titanico compito di ricostruire un Paese devastato dall'imperialismo, dalla dipendenza e dal colonialismo culturale, facendo del Venezuela una Repubblica Bolivariana degna di questo nome. Con la forza di un uragano tropicale, ha installato la questione dell'imperialismo nell'immaginario popolare latinoamericano, un tema precedentemente relegato a una ristretta cerchia di politici e intellettuali messi all'angolo ai margini della sfera pubblica. Inoltre, ha salvato dall'oblio nientemeno che la monumentale figura di Simón Bolívar, lasciandoci un'eredità teorica e ideologica fondamentale per affrontare le lotte necessarie alla conquista della seconda e definitiva indipendenza dei popoli della Nostra America.

Pertanto, in questo venticinquesimo anniversario della sua prima assunzione della presidenza: gloria e onore a Chávez! Fino alla vittoria sempre, Comandante Eterno! Chávez vive, la lotta continua!

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti