25 aprile 1945. Giorno dell'Elba: quando URSS e USA misero insieme l'ultimo chiodo nella bara del Reich

25 aprile 1945. Giorno dell'Elba: quando URSS e USA misero insieme l'ultimo chiodo nella bara del Reich

Oltre alla Liberazione dell'Italia dal nazifascismo, oggi ricorre anche il 75° anniversario dell'Elba Day, quando i membri di un plotone di ricognizione americano si incontrarono con i loro compagni del reggimento di fucili del Primo Fronte ucraino dell'URSS vicino alla città tedesca di Torgau.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Fonte articolo
 
La giornata dell'Elba è un evento molto importante nella storia della seconda guerra mondiale . Senza dubbio, quel giorno fu chiaro che la Germania nazista fu finalmente sconfitta e che non sarebbe più stato in grado di riunire le forze per contrattaccare. Inoltre, questo incontro significava che i nazisti, le cui forze principali da allora in poi erano divise, non avrebbero avuto altra scelta che arrendersi
 
L'incontro dell'URSS e dei soldati statunitensi sul fiume Elba è stato un evento cruciale nella fase finale delle attività militari delle forze alleate in Europa. La situazione al fronte in quel momento decisivo non fu facile. A metà aprile 1945 l'Armata Rossa aveva già lanciato l'operazione per prendere la capitale del Reich, Berlino. Per contrastare l'avanzata sovietica, la gestione militare nazista inviò rinforzi sul fronte orientale , dove c'erano già 214 divisioni, tra cui 34 divisioni di carri armati.


 
Nel frattempo, rimanevano ancora 60 divisioni sul fronte occidentale, tra cui cinque divisioni di carroarmati. Le forze alleate hanno attraversato il fiume Reno ad aprile nella Germania nazista occidentale e posero fine all'eliminazione del gruppo militare nella regione della Ruhr - la più grande area industriale e una delle aree più popolate del paese - . Le forze alleate liberarono Dresda, Magdeburgo e altre città tedesche.
 
Dopo il suo trionfo nella regione della Ruhr, era tempo di lanciare l'ultima fase dell'offensiva. Gli alleati occidentali avrebbero avviato un'offensiva verso le rive del fiume Elba, al centro del territorio della Germania nazista, dove era previsto l'incontro con le unità dell'Armata Rossa. Tuttavia, i progressi furono rallentati, poiché decine di migliaia di combattenti nazisti erano stati fatti prigionieri dalle forze statunitensi e britanniche.
L'Armata Rossa, da parte sua, stava avanzando con un certo ritardo perché i nazisti concentrarono più forze sul fronte orientale e diedero battaglia alle forze sovietiche. Tutte le azioni dell'Armata Rossa e degli eserciti degli altri alleati furono coordinate secondo gli accordi raggiunti durante la Conferenza di Yalta tra Stalin, Roosevelt e Churchill all'inizio del febbraio 1945.
 
Il fatidico giorno per i nazisti
 
Le unità della 69a divisione di fanteria della Prima armata americana e i membri della 58a divisione di fucili che faceva parte del primo fronte ucraino erano più vicini tra loro e, di conseguenza, furono i primi a incontrarsi vicino a Torgau. Inizialmente, alle unità dell'Armata Rossa era stato ordinato di fermarsi sulle rive dell'Elba, mentre le forze armate statunitensi avevano preso posizione sul fiume Mulde, a una distanza di 25 chilometri.
 
In realtà era difficile registrare tutti i contatti tra gli alleati occidentali e l'Armata Rossa . I primi soldati sovietici ad incontrare gli americani, sotto il comando del tenente Albert Kotzebue, furono il 1° tenente Grigori Goloborodko e il sergente Alexandr Olshanski e diversi altri militari. Poco dopo si unirono al tenente colonnello Alexandr Gordéyev. Questo è stato il primo incontro confermato tra gli alleati, ma non sarebbe stato ufficiale.
 
Lo stesso giorno, poco dopo, si tenne un altro incontro, con il tenente americano William Robertson e il tenente Alexandr Silvashko dell'armata rossa. Questo evento storico si è svolto sul ponte semidistrutto sul fiume Elba, nella città di Torgau. Entrambe le parti avevano immediatamente comunicato l'evento ai loro superiori. Il giorno successivo, fu scattata la leggendaria fotografia di Robertson e Silvashko che si abbracciavano.
 
La foto dei tenenti sovietici e americani che si stringono la mano sull'Elba nel giro di poche ore fu stata pubblicata su numerosi media in diversi paesi. Mosca, capitale dell'URSS, ha celebrato questo storico incontro, che ha segnato il fatidico giorno della Germania nazista, con 24 colpi di artiglieria. Le celebrazioni si sono svolte anche a Times Square a New York.
 
Come risultato dell'incontro tra l'Armata Rossa e gli eserciti degli alleati occidentali, i resti della Wehrmacht furono divisi in due, la parte settentrionale e la parte meridionale. Questo fatto indebolì la sua volontà di resistere e la privò della manovrabilità. Le forze naziste da allora in poi non avevano più un sistema di gestione unito, che ha accelerato il processo di dissoluzione delle forze armate della Germania nazista.
In altre parole, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica misero insieme l'ultimo chiodo nella bara del Terzo Reich, avvicinando l'arrivo anticipato del giorno della sconfitta della Wehrmacht .
 
Lo spirito dell'Elba
 
L'incontro sul fiume Elba nell'aprile 1945 divenne il simbolo della cooperazione tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica. È importante ricordare il contributo che i popoli dei due paesi hanno dato alla vittoria sul nazismo nella seconda guerra mondiale e fino ad oggi questo esempio serve come prova che gli Stati Uniti e la Russia possono cooperare tra loro.
 
In occasione del 50° anniversario della Giornata dell'Elba, nel 1995, al Cimitero nazionale di Arlington, vicino a Washington, DC, è stato inaugurato il monumento dello Spirito dell'Elba , dove ogni anno si svolgono cerimonie commemorative a cui partecipano veterani di entrambi gli Stati Uniti. nonché dall'ex Unione Sovietica, nonché diplomatici dalla Russia.
 
Le relazioni tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica sono state difficili. Tuttavia, la commemorazione del giorno dell'Elba ci ricorda che ci sono stati momenti in cui entrambi i paesi erano alleati. Sfortunatamente, dopo la guerra, i percorsi di Mosca e Washington si aprirono per ragioni ideologiche e le relazioni tra i due peggiorarono considerevolmente e portarono alla Guerra Fredda.
 
Ma anche oggi lo spirito dell'Elba mostra che i due paesi possono superare i loro disaccordi. Sebbene i sistemi economici e politici dell'Unione Sovietica e degli Stati Uniti fossero diversi, riuscirono a lasciare tutto alle spalle e combattere insieme allo scopo di porre fine alla malvagia esistenza del Terzo Reich . E lo fecero con la sconfitta incondizionata della macchina nazista nel maggio 1945.
 
Lo storico incontro tra soldati sovietici e americani sull'Elba ebbe un profondo significato simbolico. Il 25 aprile ricordiamo l'impresa dei soldati di entrambi i paesi nella loro instancabile lotta contro il nazismo e il fascismo. Ricordiamo le vittime subite dai due paesi. E infine, ricordiamo che Mosca e Washington, nonostante le complicazioni nelle relazioni bilaterali, possono cooperare in aree di interesse comune.
 
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti