9 maggio. Combattiamo l'oblio, onoriamo la sacra memoria di chi ha liberato il mondo

9 maggio. Combattiamo l'oblio, onoriamo la sacra memoria di chi ha liberato il mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Nora Hoppe

La Giornata della Vittoria è dedicata a tutti coloro che hanno lottato e perso la vita nella Grande Guerra di Liberazione 1941-1945.

In seguito alla resa incondizionata dei nazisti l'8 maggio 1945, il 9 maggio 1945 il Comandante supremo in capo (Iosif V. Stalin) emanò il decreto per la celebrazione del Giorno della Vittoria:


La celebrazione del Giorno della Vittoria ha assunto diversi eventi nel corso del tempo: oltre alle varie marce, ci sono stati anche incontri cerimoniali, discorsi, conferenze, ricevimenti e fuochi d'artificio. Un evento importante aggiunto ai festeggiamenti nel 2012 è stato il "Reggimento Immortale" ("Bessmertnij Polk") - una massiccia processione civile nelle principali città, durante la quale i cittadini portano cartelli con le fotografie dei loro parenti che hanno partecipato alla Grande Guerra Patriottica: soldati, combattenti clandestini, combattenti della resistenza, lavoratori del fronte interno, prigionieri dei campi di concentramento, sopravvissuti agli assedi e figli della guerra. 

L'anno scorso, più di 1 milione di persone hanno partecipato alla marcia sulla Piazza Rossa di Mosca, mentre parate simili si sono svolte in altre città della Russia e all'estero.


Quest'anno la parata del Reggimento Immortale non si svolgerà per le strade per motivi di sicurezza a causa del conflitto in corso con l'Ucraina. Si tratterà invece di un evento online, che sarà trasmesso su varie reti mediatiche e canali televisivi e conterrà le fotografie degli eroi inviate al sito web dell'organizzazione dai loro parenti.


Per la maggior parte dell'Europa, l'8 maggio - "La Giornata della Vittoria in Europa" - ha segnato il giorno dell'accettazione formale da parte degli Alleati della Seconda Guerra Mondiale della resa incondizionata delle forze armate tedesche... ma nel corso degli anni le commemorazioni di questo evento sono state scarse. E le giovani generazioni conoscono sempre meno la storia della Seconda Guerra Mondiale e i grandi sacrifici compiuti soprattutto dal popolo sovietico, le cui vittime civili e militari ammontarono a circa 27 milioni (rappresentando un terzo di tutte le vittime della Seconda Guerra Mondiale; la perdita demografica totale dei popoli sovietici fu ancora maggiore...).

Invece... il 9 maggio viene celebrato in Europa come "Giornata dell'Europa" in onore della creazione dell'Unione Europea... perché un ministro degli Esteri francese propose un progetto intitolato "Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio (CECA)" proprio in quella stessa data del 1950 - una banale coincidenza.

Volodymyr Zelensky, desiderando ardentemente che anche l'Ucraina celebrasse la "Giornata dell'Europa", ha firmato un decreto per la sua istituzione l'8 maggio di quest'anno, affermando che: "Realizzando l'identità europea del popolo ucraino... decido di istituire la Giornata dell'Europa in Ucraina, che si celebra ogni anno l’8 maggio insieme ai Paesi dell'Unione Europea."

Quest'anno la polizia berlinese ha cercato di evitare che le commemorazioni della Giornata della Vittoria "venissero utilizzate in modo improprio per la propaganda bellica", imponendo una serie di divieti all'esposizione di bandiere russe e ucraine, di immagini di Putin e Zelensky, del nastro di San Giorgio, delle lettere "V" e "Z", di uniformi militari e dell'esecuzione di canzoni militari... tutte cose che considerava "potenziali minacce alla sicurezza".

Tuttavia, il tribunale amministrativo di Berlino ha rapidamente annullato il divieto di esporre qualsiasi cosa di ucraino nei monumenti sovietici. L'avvocato che rappresenta un'associazione ucraina (responsabile di molte manifestazioni di "solidarietà con l'Ucraina" a Berlino) ha portato il caso in tribunale e ha dichiarato al quotidiano tedesco Tagesspiegel: "Il tribunale amministrativo ha confermato la nostra opinione legale: 'Il divieto di esporre le bandiere ucraine è - secondo le parole del tribunale - manifestamente illegale'. Coloro che fanno uso del loro diritto fondamentale di dichiarare pubblicamente il loro sostegno alla nazione ucraina e alle sue vittime storiche nella sconfitta del nazionalsocialismo non sono un pericolo per la sicurezza pubblica."  L'associazione aveva scritto in un comunicato di essere "sconcertata" dal divieto - e dal fatto che i simboli ucraini sono stati "equiparati" a quelli russi: "Questo banalizza la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina e dimostra una profonda ignoranza nei confronti di coloro che stanno soffrendo." I colori azzurro e giallo della bandiera "sono diventati un simbolo internazionale di solidarietà e di difesa della libertà e della democrazia".

Così Berlino, che aveva perso la guerra contro i sovietici, onorerà l'odierno regime fascista ucraino in spregio a coloro che hanno liberato l'Europa dal nazismo.

Va da sé che i Paesi dell'Europa orientale non solo hanno vietato i simboli russi durante la Giornata della Vittoria, ma hanno anche smantellato con zelo i monumenti sovietici e praticato il revisionismo storico... tutto in nome della "libertà e della democrazia".

Quello a cui assistiamo è il riemergere del fascismo dal suo temporaneo "ritiro", ora vestito con un camuffamento zuccherato e dalle tinte pastello, creato dagli stilisti del neoliberismo per rendere questa ideologia più attraente per i consumatori disorientati e privi di etica e di conoscenza della storia, soprattutto quelli nell'Occidente, dove molti hanno mercificato i loro valori e messo la loro virtuosità nelle vetrine dei social media. Questo nuovo marchio di fascismo, con la sua facciata di "rettitudine e correttezza", è oggi più diffuso della sua versione storica perché è commercializzato con maggior successo e offre un balsamo sbrigativo a coloro che non hanno un'identità. Ma i suoi devoti vivono vite basate sulla menzogna e sull'inganno, vite senza passato, senza cultura, senza coscienza... e questo non è sostenibile a lungo termine, perché la loro ideologia privo d'aria è un'ideologia di putrefazione - è contro la vita.

Come riportato da Sputnik.kg, in una dichiarazione pubblicata dai rappresentanti permanenti di Kirghizistan, Russia, Azerbaigian, Armenia, Bielorussia, Bosnia ed Erzegovina, Kazakistan, Serbia, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan che si rivolgono all'OSCE, si chiede a tutti i Paesi di onorare la memoria dei combattenti contro il fascismo e il nazismo come nostro dovere collettivo. "Preservare la memoria storica della pagina più tragica della storia del XX secolo e dei terribili eventi di quegli anni è un nostro dovere comune. L'eroica impresa di milioni di persone che hanno dato la vita per combattere l'ideologia della superiorità razziale e della misantropia simboleggia la vittoria del bene sul male e non può essere consegnata all'oblio. Condanniamo con veemenza la distruzione e la profanazione dei monumenti ai liberatori, dei memoriali agli eroi e ai signori della guerra e dei luoghi di sepoltura dei soldati e degli ufficiali, indipendentemente dalla loro ubicazione e dalla loro origine nazionale o etnica", si legge nella dichiarazione.

Se condanniamo all'oblio i quasi 30 milioni di persone che si sono sacrificate per noi, noi esseri umani di oggi perderemo la nostra storia, le nostre radici, la nostra identità e la nostra civiltà...

Perciò il rituale attivo e ripetuto di ricordare quei nobili militanti ci dà un senso alla nostra vita, un orientamento e una prospettiva del nostro posto nella civiltà umana".

*   *   *

Le parole non possono descrivere effettivamente coloro che rimasero determinati nella loro lotta contro i nazisti...

Tuttavia, le due compilazioni di documenti filmati che seguono offrono uno sguardo allo straordinario spirito di queste persone nella loro vita quotidiana durante la grande lotta: lavorando insieme, mangiando insieme, scherzando insieme, combattendo insieme... e morendo - da soli:

 

*   *   *

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti