E-mail esclusive mostrano come i 'Caschi bianchi' cercassero di reclutare Roger Waters con denaro saudita

E-mail esclusive mostrano come i 'Caschi bianchi' cercassero di reclutare Roger Waters con denaro saudita

Pochi giorni fa, durante un concerto, il cantante aveva accusato la controversa organizzazione di fare propaganda per i jihadisti.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le email, pubblicate sul blog di Grayzone Project dal giornalista Max Blumenthal, hanno rivelato come il controverso gruppo di attivisti siriani 'Caschi Bianchi' abbiano cercato di spingere il co-fondatore dei Pink Floyd, Roger Waters con denaro dall'Arabia Saudita.


 
In una email dell'ottobre 2016, Roger Waters è stato invitato a un'attività di raccolta fondi organizzata da un miliardario saudita per onorare il lavoro dei 'Caschi bianchi'.
 
La leggenda del rock è stata assicurata che, aderendo alla missione dell'organizzazione, avrebbe potuto aiutare "a far sentire la voce agli eroi pacifici della Siria".
 
Pochi giorni prima del suo recente concerto a Barcellona, ??Waters è stato contattato nuovamente per sostenere i'Caschi bianchi', questa volta da un fotoreporter francese affiliato che l'ha descritta come una "potente rete siriana". L'attivista ha chiesto di unirsi a Waters sul palco del suo concerto e di trasmettere un messaggio ai "bambini della Siria".
 
Una "falsa organizzazione"
 
Il famoso musicista ha respinto entrambe le richieste e, al contrario, ha pubblicamente denunciato i 'Caschi bianchi' durante il suo recente concerto a Barcellona. L'ex leader dei Pink Floyd ha approfittato di un break in azione per lanciare una filippica contro i 'Caschi bianchi'. Secondo l'opinione di Waters, è una "falsa organizzazione" che si dedica a fare propaganda a favore di "jihadisti e terroristi".
 
Parlando Grayzone, Waters ha invitato le celebrità che avevano già sostenuto questa organizzazione a riconsiderare il loro sostegno al gruppo. "Non li biasimo per essersi bevuto questo a prima vista, sembrava plausibile che i Caschi bianchi fossero brave persone che facevano cose buone, ma ora sappiamo che stanno cercando di incoraggiare l'Occidente a bombardare illegalmente la Siria".
 
Il cantante ha dichiarato a Blumenthal che era giunto alla conclusione che si tratta di "un'organizzazione malvagia finanziata da persone che sperano di ottenere vantaggi dall'espulsione di Bashar al Assad, perché una volta che se ne sarà andato, sarà in grado di rubare i beni di un Stato fallito."
 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti