/ Addio a Patriot e F-35. La Turchia accoglie a braccia aperte l'S-...

Addio a Patriot e F-35. La Turchia accoglie a braccia aperte l'S-400 e i caccia russi

 
 

Washington non smette di cercare di sedurre la Turchia con le sue armi. Ankara resiste perché l'accordo con Mosca è già stato siglato. La parte turca ha preferito i sistemi di difesa antiaerei russi S-400 ai Patriot statunitensi. Prevedibile, dato che la Russia ha fatto un'offerta molto più seducente.

 

Ovviamente gli Stati Uniti non vogliono perdere un alleato importante quanto la Turchia e cercano di convincerla a stare dalla sua parte, ma allo stesso tempo non può offrire ad Ankara un trattamento adeguato.

 

La Turchia desidera proteggere il suo spazio aereo, quindi deve acquisire un'arma più efficace possibile al prezzo più conveniente offerto dal mercato. Questo è esattamente ciò che la Russia gli ha offerto. Mosca e Ankara hanno firmato un contratto di fornitura per i sistemi missilistici trasportabili S-400 nel 2017. Secondo i dati attuali, si tratta di un accordo del valore di 2.500 milioni di dollari.

 

È ovvio che il risultato non è stato gradito da Washington. Dopo l'accordo, gli USA hanno cominciato a parlare dell'incompatibilità dell'arma russa con i sistemi dell'Alleanza Atlantica. All'inizio di aprile il Pentagono ha addirittura sospeso la fornitura di equipaggiamenti per aerei da combattimento F-35 dei quinta generazione alla Turchia come risposta alla decisione di Ankara.

 

Attraverso la politica del bastone e della carota, Washington ha deciso di persuadere la parte turca con la forza morbida e ha fatto una controproposta durante il recente round di negoziati a Washington, che ha avuto luogo il 15 aprile. Le consultazioni non hanno avuto successo, sebbene i turchi abbiano promesso di prendere in considerazione la proposta.

 

Ma lo stesso presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, aveva dichiarato il 5 aprile che non erano interessati ad acquisire i sistemi di difesa antiaerea Patriot, dato che la proposta della Russia era più favorevole ai loro interessi.

 

Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha dichiarato a sua volta che non cambieranno la loro decisione di acquistare l'S-400 russo nonostante le pressioni di Washington.

 

Cieli sigillati

 

"La ragione principale per cui la Turchia preferisce gli S-400 russi ai Patriot americani è che hanno un buon rapporto qualità-prezzo. Ricordiamo che i sistemi americani sono molto più costosi dei loro analoghi russi", ha dichiarato lo specialista militare russo Alexei Leonkov in un commento a Sputnik.

 

Il costo di una unità dell'S-400 - composto da otto lanciamissili, veicoli di comando e di supporto - raggiunge i 500 milioni di dollari, mentre il costo del Patriot parte da 2.000 milioni di dollari.

 

Inoltre, i sistemi antiaerei russi superano gli americani nelle loro caratteristiche tattiche e tecniche. I proiettili installati nell'S-400 hanno più capacità di trovare, seguire e colpire obiettivi, ha spiegato l'intervistato.

 

Ad esempio, l'arma russa è in grado di neutralizzare bersagli aerodinamici a una distanza fino a 400 chilometri e abbattere bersagli balistici entro un raggio di fino a 60 chilometri. Nel caso del MIM-104 Patriot, la portata dipende dalla versione del missile e oscilla tra 20 e 160 chilometri.

 

Inoltre, l'arma russa ti consente di inserire informazioni sull'elenco di bersagli nel tuo identificatore amico-nemico.

 

C'è la bufala sull'S-400 incompatibile con i sistemi della NATO e potrebbe iniziare a abbattere i suoi aerei. Ma l'esperienza dell'uso dei sistemi S-300 in Grecia - anch'essa membro della NATO - dimostra che queste armi non possono abbattere amici per sbaglio.

 

La Russia fornisce sistemi di difesa aerea con un'architettura aperta, vale a dire, sono condivisibili e possono interagire con i sistemi antiaerei dei paesi della NATO, ha affermato Leonkov.

 

La parte turca ha più probabilità di rinunciare all'idea di acquisire sistemi antiaerei statunitensi dopo che i primi S-400 entrano in servizio nelle loro Forze Armate - circa 2019 e 2020, ha detto.

 

Secondo l'esperto, se la Turchia insegna al suo personale militare come usare i sistemi russi, "non tornerà mai più all'idea di acquistare il Patriot”.

 

“Gli Stati Uniti vendono i suoi sistemi Patriot come un'arma esclusiva che non ha eguali e che può essere compatibile solo con le armi dei paesi amici.

Quest'ultimo è in realtà il suo svantaggio, ma gli Stati Uniti giocano questa carta per fare pressione su alcuni paesi. Ma dubito che ciò funzionerà nel caso della Turchia", ha spiegato Leonkov.

 

In questa situazione, l'unica cosa che gli Stati Uniti possono fare è abbassare il prezzo in modo significativo, ma questo non sarebbe un buon affare per Washington. Inoltre, è improbabile che la parte statunitense faccia un tale passo, perché altri utenti del sistema Patriot potrebbero iniziare a chiedere uno sconto.

 

Superiorità nell'aria

 

Allo stato attuale, la cooperazione tecnico-militare tra Mosca e Ankara si sta sviluppando ininterrottamente. Non si può escludere che, oltre ai sistemi di difesa aerea, la Turchia possa acquisire caccia Su-57, tenendo conto della situazione con l'F-35.

 

Mevlut Cavusoglu ha dichiarato il 10 aprile che Ankara comprerebbe aerei da altri paesi se gli Stati Uniti smettessero di vendere caccia F-35. Il ministro degli Esteri turco ha aggiunto che tra le alternative ci sono il Su-34 e il Su-57 della Russia.

 

La Russia sta preparando una versione del Su-57 per l'esportazione. La questione delle forniture di Su-57 ad altri paesi può essere sollevata solo dopo l'entrata in servizio delle forze aerospaziali russe, ha detto Leonkov. Cioè, una volta che l'esercito russo ha un certo numero di caccia Su-57, verrà presa in considerazione la possibilità di venderli all'estero.

 

"Se Ankara opta per un aereo russo, presto si renderà conto che sono migliori degli F-35, degli F-22 e di altri aeromobili di produzione nordamericana. L'F-35 ha molte caratteristiche negative, anche rispetto al combattente russo Su-35 - della generazione 4 ++ -. Non escludo la possibilità che gli F-35 della Turchia siano gli unici al suo servizio", ha affermato Leonkov.

 

La Turchia è un partner di livello tre del programma Joint Strike Fighter e uno dei principali produttori di vari pezzi per l'F-35. È entrata a far parte del programma nel 2002 e da allora ha già investito oltre 1.250 milioni di dollari.

 

Il paese prevede di acquistare fino a 120 velivoli di classe F-35A, ma ora che ci sono discrepanze con gli Stati Uniti, la partecipazione turca è in dubbio. L'uscita di Ankara dal progetto è teoricamente possibile, ma sarà un vero mal di testa.

 

Per Leonkov, se la Turchia esce dal progetto Joint Strike Fighter, è possibile che recupererà i suoi soldi attraverso un procedimento giudiziario.

 

L'intervistato ha ricordato la storia con gli elicotteri Mistral della Francia. Mosca pagò per loro, ma Parigi rifiutò di consegnarli. Tuttavia, la Russia è riuscita a recuperare i suoi soldi e la Turchia potrebbe fare lo stesso nel caso dell'F-35.

 

"Teoricamente l'F-35 può coesistere con il Su-57 all'interno della stessa Air Force, ma penso che i caccia Su-57 saranno l'invidia dei piloti dell'F-35", ha detto.

Fonte: Sputnik News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa