World Affairs/Terrorismo in Francia, eppure Assad avvertì gli europei: i terro...

Terrorismo in Francia, eppure Assad avvertì gli europei: i terroristi da loro creati si sarebbero rivoltati contro di loro

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

"L'occidente ed i paesi che sostengono l'estremismo e il terrorismo in Siria e nella Regione devono rendersi conto che questa minaccia crescente sta per colpire tutti. In particolare i paesi che hanno sostenuto il terrorismo e gli hanno permesso di svilupparsi."
 Dichiarazione del Presidente Bashar al Assad del 18-06-2014.

Questa riflessione del Professor Guige nasce dopo il barbaro assassinio di Samuel Paty, il docente decapitato a Parigi da un radicalizzato ceceno per aver mostrato in classe le vignette di Charlie Hebdo sul Profeta Maometto durante una lezione.

di Bruno Guige* - Post Facebook
 
 
Prolungata da un accanimento criminale di cui Erdogan è solo lo strumento, la guerra che si è svolta in Siria da dieci anni ha avuto 'effetto di un rivelatore chimico. Protagonisti imboscati di questo bagno di sangue, i governi degli USA, britannico, francese, turco, saudita e qatariota passeranno ai posteri per quello che sono: i boia di un popolo che non gli ha aveva fatto nulla. La tragedia siriana ha dissipato le loro finte sembianze. Ha esposto alla luce le loro strategie più ribelle. Ma la peggiore di tutte è stata quella di riciclare il terrorismo negli altri.
 
Come resistere alla nausea di fronte alla viscosità di questi politici che, ad ogni attentato sul suolo francese, si diffondono in condanne indignate di una violenza terroristica che hanno nutrito e incenso altrove? Ricordiamo che non molto tempo fa, il mainstream occidentale stava schierando la sua falsa dialettica per trasformare il ramo siriano di Al-Qaeda in una rispettabile organizzazione combattente. Ci era stato detto che il Fronte Al-Nosra, così si chiamava, sarebbe finito per ′′normalizzarsi". E bisognerebbe ricordare François Burgat su una rete pubblica, negoziare definitivamente con questa organizzazione destinata a far parte del ′′ futuro della Siria ".
 
Una sorta di mutazione genetica doveva valere all'organizzazione jihadista concorrente delll'ISIS-Daesh, per compenso per i suoi servizi resi contro Damasco, un vero brevetto di rispettabilità. Così la diplomazia occidentale faceva miracoli. Dal suo cappello da mago usciva da terroristi moderati, estremisti democratici, tagliatori di testa umanisti, mangiatori di fegato filantropi.
 
L 'operazione di riciclaggio del ramo siriano di Al Qaeda, infatti, si svolgeva nel momento in cui questa organizzazione confortava la sua egemonia politica e militare nella Siria settentrionale. Proponendosi di svolgere un ruolo importante dopo il previsto crollo dello Stato siriano, questo successo le valeva il favore delle potenze occidentali e regionali decise di abbattere l'ultimo Stato laico e progressista del Medio Oriente. Non importava allora il costo umano e il prezzo politico di questo consenso anticipato all'introduzione in Siria di un potere settario e mafioso. La caduta di Bashar Al-Assad è stato un gioco, si diceva, che ne valesse la pena.
 
Il terrorismo richiede il trucco per le esigenze della causa rendeva - e continua a rendere - servizi insperati alla grande coalizione contro la Siria sovrana. Questa connivenza degli Stati occidentali e delle monarchie petrolifere con i rifiuti adulterati di Al Qaeda firmava la reiscrizione simultanea dei due avatar del terrorismo takfirista nell'agenda strategica occidentale. La distruzione dello Stato siriano, obiettivo numero uno dell'asse Washington-Riyad-Parigi-Londra-Ankara-Doha, assistito dietro le quinte da Tel Aviv, era un fine che giustificava tutti i mezzi, e la prospettiva di un emirato estremista faceva chiaramente parte del piano.
 
Per farlo, le potenze straniere coalizzate contro l'ultimo governo nazionalista arabo si dividevano cinicamente i ruoli. Nella sua lotta senza pietà contro la Siria, gli assassini di Al-Qaeda potevano contare sui loro preziosi amici: la Turchia consegnava loro armi, Israele curava i feriti, il Qatar gli versava un assegno alla fine del mese, e il quotidiano 'Le Monde' li faceva sembrare chierichetti. Chi ricorda che nel 2014, quando il Fronte Al-Nosra prese il villaggio cristiano di Maaloula, questo quotidiano osava negare che gli estremisti uccidessero ogni civile, mentre si poteva vedere sulla BBC nello stesso momento il funerale religioso delle vittime di questa aggressione?
 
Era il momento in cui la cosiddetta ′′ coalizione internazionale ′′ in occasione dell'offensiva dell'ISIS a Palmira si asteneva dalllo sparare un proiettile, questo salvacondotto offerto ai terroristi che illustravano la perfetta duplicità dell'antiterrorismo proclamato a Washington e a Parigi. Tra la spinta dello pseudo-Stato islamico sull'asse Palmira-Damasco e quella del Fronte Al-Nosra sull'asse Aleppo Damasco, il sogno dei nemici di Bashar Al-Assad sembrava avverarsi. Ma questo era senza contare la resistenza del popolo siriano e la lealtà del suo esercito. La mobilitazione generale della teppaglia takfirista doveva costare un miliardo di dollari all'anno alle petrol monarchie del Golfo. Contrattando alle organizzazioni terroristiche tramite la CIA, questa manna non è stata sufficiente a provocare la caduta di Damasco.
 
Perché è stato anche senza contare la capacità del governo siriano di stringere le alleanze necessarie con partner affidabili. Per allentare l'abbraccio mortale degli sponsor del terrore, Damasco ha ottenuto il prezioso concorso di Teheran, Mosca e Pechino. In realtà non c'è mai stata una guerra civile in Siria: scatenata dalle potenze imperialiste, questa guerra è sin dall'inizio un conflitto internazionale di grande portata in cui si è formata una coalizione per sconfiggere la coalizione avversa. Sul teatro delle operazioni, ancora oggi, le uniche forze in presenza sono le bande armate sponsorizzate da un lato, accompagnate da alcune forze speciali occidentali; e le forze militari dello Stato siriano sostenute dai loro alleati russi, iraniani e libanese, dall'altra.
 
Di fronte a questa constatazione tutto il resto è letteratura. Le distinzioni tra ribelli ′′ democratici ", ′′ moderati ", ′′ laici ", ′′ islamici ′′ o ′′ jihadisti ′′ sono stupidità indicibili, il cui unico effetto è quello di gettare un velo pudico su una nebulosa terrorista la cui intenzione è perfettamente chiaro: imporre con la forza un potere settario e collaboratore dell'imperialismo. Se le potenze occidentali e regionali che hanno alimentato questo incendio avessero creduto ai cosiddetti ribelli moderati, non avrebbero riciclato il Fronte Al-Nosra, accreditato alla svolta del 2014 come potenziale successore del governo da abbattere, proibendo nel contempo di combattere il Daesh quando questa organizzazione affrontava l'esercito siriano.
 
Ancora oggi le migliaia di terroristi che controllano la tasca di Idlib appartengono all'ultimo avatar di Al Qaeda, Hayat Tahrir Al-Cham, sottoposto a infusione militare turca. Le rotative della propaganda hanno a lungo accreditato la favola di una guerra civile che oppone un regime sanguinario all'opposizione democratica. Ma tutti hanno compreso che la realtà del conflitto siriano, negli ultimi dieci anni, è la lotta che oppone un conglomerato terroristico sponsorizzato e un esercito nazionale che difende il proprio paese dall'invasione straniera.
 
Dal 2011, i successivi avatar della filiale semiclandestina della CIA che porta il nome di Al Qaeda hanno ospitato in Siria un flusso incessante di mercenari lobotomizzati, avidi di sfidare i miscredenti e gli apostati. Questa massiccia iniezione di fanatismo mortale ha prorogato una guerra che non finisce mai. Ma ha anche diffuso miasmi in tutto il mondo. Tornando come un boomerang, ha colpito ovunque. Bashar Al-Assad aveva avvertito gli europei che la loro duplicità si sarebbe rivoltata contro di loro. Ignorare questo teorema non finisce mai di presentare il conto.
 
*Analista politico, Cronista di politica internazionale, Docente di Relazioni Internazionali e Filosofia

(Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa