“Assange libero. Il giornalismo non è un crimine”. Cartelloni pubblicitari a Roma, Milano e Torino

“Assange libero. Il giornalismo non è un crimine”. Cartelloni pubblicitari a Roma, Milano e Torino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riceviamo e pubblichiamo

È solo disponendo di dati veri ed autentici che possiamo esercitare scelte consapevoli e giudicare le azioni che i governi compiono in nostro nome. 

Julian Assange, nell’interesse pubblico, ha svelato informazioni veritiere su crimini di guerra, torture e corruzione. Informazioni che i governi volevano tenere nascoste attraverso lo scudo del segreto di Stato, usato abusivamente per coprire i reati e lasciare impuniti i colpevoli. 

Per le sue scelte coraggiose, Assange ha perso la libertà da oltre 11 anni, e ora sta per essere estradato negli USA, dove rischia una pena di 175 anni in isolamento in ADX Florence, prigione di massima sicurezza in cui sono detenuti i criminali più pericolosi ed efferati come il re del narcotraffico, El Chapo.  Ecco come viene punito un giornalista investigativo per aver osato indagare sui crimini di Stato.

Noi ci opponiamo a questa condanna a morte: difendiamo la vita di Assange e il nostro #DirittoDiSapere!  

La nostra iniziativa – l’installazione di cartelloni pubblicitari in tre città d’Italia – porta il messaggio semplice ed efficace “Assange libero. Il giornalismo non è un crimine” direttamente in strada, dove tutti noi, durante una semplice passeggiata o un viaggio in auto potremo essere colpiti da questo messaggio forte e chiaro. Abbiamo bisogno del vostro aiuto perché questa campagna di sensibilizzazione vi diventi realtà: per favore, fai una donazione e aiutaci a diffondere l’iniziativa.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti