Banca mondiale: il COVID-19 ha spinto alla povertà 100 milioni di persone

Banca mondiale: il COVID-19 ha spinto alla povertà 100 milioni di persone

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il COVID-19, ha spinto 100 milioni di persone alla vulnerabilità o alla povertà, mentre, negli ultimi decenni, si è registrato un costante calo delle statistiche relative alla povertà, come riferito ieri dal presidente della Banca Mondiale (WB ), David Malpass.

Nello sviluppare la sua posizione, l'alto funzionario ha sottolineato che, per andare avanti di nuovo dopo questa crisi sanitaria ed economica, è importante garantire l'accesso ai vaccini e accelerare il processo di immunizzazione.

"Serve una cooperazione globale, che includa la partecipazione del settore privato, per alleviare il debito dei Paesi più poveri del mondo e finanziare investimenti che favoriscano la crescita " , ha ribadito Malpass.

Purtroppo Malpass non ha menzionato il fatto che proprio questo modello di sviluppo, il capitalismo, ha spinto alla povertà 100 milioni di persone.

Le sue ricette sono peggiori della malattia, se proprio bisogna addossare al Covid-19 ogni responsabilità.

Se permane questo modello di sviluppo le disuguaglianze non faranno altro che aumentare. Tra l'altro, se dopo la pandemia il mantra mondiale è la salvaguarda dell'ambiente a spese dei comuni cittadini, saranno proprio le popolazioni dei paesi in via di sviluppo a dover subire le conseguenze.

In quanto in alcuni paesi di certo non hanno le capacità infrastrutturali per una riconversionee cologica delle loro economie.

Clima, Covid o altre pandemia bisogna seguire altre strade, sicuramente non il liberismo, per non creare altri 100 milioni di poveri.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra