Banca Mondiale: Il Covid-19 potrebbe portare 60 milioni di persone all'estrema povertà

Banca Mondiale: Il Covid-19 potrebbe portare 60 milioni di persone all'estrema povertà

I progressi del mondo nell'eliminazione della povertà sono destinati a subire una grave battuta d'arresto a causa dell'epidemia di Covid-19, costringendo più persone a sopravvivere con meno di $ 1,90 al giorno, ha affermato la Banca mondiale nel suo recente rapporto.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"La pandemia e la chiusura delle economie avanzate potrebbero spingere fino a 60 milioni di persone nella povertà estrema - cancellando gran parte dei recenti progressi compiuti nella riduzione della povertà", ha dichiarato il presidente del gruppo della Banca mondiale David Malpass. Secondo lui, la crisi senza precedenti potrebbe spazzare via fino a tre anni di progressi nell'area.
 
La pandemia si sta diffondendo nell'economia globale, che è destinata a cadere in una profonda recessione e contrarre fino al cinque percento quest'anno, ha affermato l'istituzione con sede a Washington.
 
Il mese scorso, la banca ha dichiarato che il caos economico provocato dal virus potrebbe causare il primo aumento della povertà globale dal 1998, quando si verificò la crisi finanziaria asiatica. Anche sotto la migliore stima della banca, circa 49 milioni di persone cadranno in estrema povertà, che ci quantifica con il  vivere con meno di $ 1,90 al giorno a persona.
 
Per aiutare a combattere il virus mortale, la Banca mondiale ha offerto finanziamenti per programmi di emergenza in 100 paesi. Nella "più grande" risposta alla crisi nella storia del Gruppo bancario, il programma ha sbloccato $ 160 miliardi in sovvenzioni e sostegno finanziario per un periodo di 15 mesi, nonché la sospensione dei pagamenti bilaterali del servizio del debito. La maggior parte dell'aiuto finanziario andrà all'Africa sub-sahariana, poiché si prevede che la regione sarà la più colpita in termini di aumento della povertà estrema.
 
La maggior parte delle istituzioni finanziarie internazionali ha già lanciato allarmi per l'impatto devastante della pandemia di coronavirus, con alcune previsioni che indicano che il prodotto interno lordo globale (PIL) potrebbe scendere di quasi il 10 percento. In precedenza le Nazioni Unite avevano avvertito che il virus poteva anche innescare una carenza alimentare globale, mentre la sua agenzia del lavoro prevede che 195 milioni di posti di lavoro potrebbero essere persi in tutto il mondo.
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti