Bernie Sanders: No, non parteciperò al discorso di Netanyahu

Bernie Sanders: No, non parteciperò al discorso di Netanyahu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Bernie Sanders* - CommonDreams

Le seguenti sono le osservazioni pronunciate dal senatore Bernie Sanders (I-Vt.) lunedì 3 giugno 2024 in risposta all'invito rivolto al Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu a tenere un discorso a una sessione congiunta del Congresso degli Stati Uniti.

Signor Presidente,

ieri, in un'intervista a Fox News, il portavoce Mike Johnson mi ha accusato di “ripetere a pappagallo i discorsi di Hamas” e che io e altri “stiamo dalla parte di Hamas e degli ayatollah”.

Questa, ovviamente, è una menzogna assoluta. Come ho detto più volte, credo che Hamas sia un'organizzazione terroristica che ha commesso un atto atroce quando ha iniziato questa guerra attaccando Israele il 7 ottobre, uccidendo 1.200 uomini, donne e bambini innocenti e prendendo più di 200 ostaggi, molti dei quali sono ancora oggi tenuti in prigionia.

Inoltre, come ho affermato in numerose occasioni, ritengo che il leader di Hamas, Yahya Sinwar, sia un criminale di guerra e debba essere arrestato. Ora, non sono del tutto sicuro che questi siano i punti di forza utilizzati da Hamas.

Ma ciò che l'intervista della Fox ha colto nel segno è che credo sia un giorno molto triste per il nostro Paese che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu sia stato invitato - da leader di entrambi i partiti politici - a parlare a una sessione congiunta del Congresso degli Stati Uniti.

 

Israele, ovviamente, aveva il diritto di difendersi dall'orribile attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre. Ma non aveva, e non ha, il diritto di entrare in guerra contro l'intero popolo palestinese.

Signor Presidente, due giorni dopo l'inizio della guerra, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato: “Ho ordinato un assedio totale sulla Striscia di Gaza. Non ci sarà elettricità, né cibo, né carburante, tutto è chiuso. Stiamo combattendo contro animali umani e stiamo agendo di conseguenza”.

“Stiamo combattendo contro animali umani” - questa è la sua definizione del popolo palestinese - “e stiamo agendo di conseguenza”.

Signor Presidente, questo è ciò che ha detto il Ministro della Difesa israeliano e - tragicamente - è esattamente ciò che ha fatto il governo di destra ed estremista di Netanyahu.

E permettetemi di spiegare nei dettagli cosa significa esattamente e se qualcuno crede davvero che il Primo Ministro Netanyahu debba essere ospite d'onore del Congresso degli Stati Uniti e del popolo americano.

Signor Presidente, negli ultimi otto mesi Netanyahu e il suo governo estremista hanno ucciso più di 36.000 palestinesi e ne hanno feriti più di 82.000, ovvero il 5% della popolazione di Gaza. Il 60% di coloro che sono stati uccisi o feriti sono donne, bambini e anziani.

La macchina da guerra di Netanyahu ha condotto 1,7 milioni di persone dalle loro case - il 75% della popolazione di Gaza. Vorrei che il popolo americano riflettesse su questo. Pensate alla vostra comunità, pensate al vostro Stato, pensate a cosa significherebbe se il 75% - tre quarti - della vostra popolazione fosse cacciata dalle proprie case. E la maggior parte di queste persone sono povere e lasciano le loro case, senza sapere dove stanno andando, con nient'altro che quello che possono portare in mano. Pensate a questo incredibile livello di disperazione. Tre quarti della popolazione cacciata dalle proprie case, portando con sé pochi fagotti di vestiti, cibo o quant'altro.

Inoltre, il governo di Netanyahu ha danneggiato o distrutto oltre il 60% delle abitazioni a Gaza, lasciando più di un milione di persone permanentemente senza casa. Si sa che nei media e tra gli opinionisti si parla molto del “giorno dopo” la fine della guerra. Ma siamo chiari: per oltre un milione di persone non c'è un giorno dopo in cui possano tornare alle loro case, perché le loro case, le loro unità abitative, sono state distrutte.

E non è stato distrutto solo il patrimonio abitativo di Gaza, Netanyahu e il suo governo hanno distrutto le infrastrutture civili di Gaza, hanno cancellato i sistemi idrici e fognari e hanno negato l'elettricità alle persone che vivono lì.

Il Ministro della Difesa Gallant, nella sua dichiarazione che ho letto poco fa, ha dichiarato: “Ho ordinato un assedio totale sulla Striscia di Gaza. Non ci sarà elettricità”. Ebbene, hanno mantenuto la parola. Immaginate di vivere, mese dopo mese, senza elettricità e senza acqua potabile, e di vedere le acque reflue scorrere per le strade. Questa è la vita degli abitanti di Gaza in questo momento.

Il signor Netanyahu - il signore invitato dal signor Johnson e dalla leadership democratica qui presente - il signor Netanyahu e il suo governo hanno annientato il sistema sanitario di Gaza. Ho parlato con medici - medici americani - che sono stati lì e che parlano della distruzione sistematica del loro sistema sanitario. Ventisei ospedali sono stati messi fuori servizio e più di 400 operatori sanitari sono stati uccisi. Quattrocento operatori sanitari uccisi. In altre parole, a Gaza ci sono circa 80.000 feriti e centinaia di migliaia di malati. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, al 5 maggio c'erano centinaia di migliaia di casi di malattie respiratorie acute e diarrea, tra cui 110.000 bambini. Eppure, nonostante tutte le ferite causate dai bombardamenti, nonostante tutte le malattie causate dalla mancanza di acqua pulita, non c'è praticamente nessuna assistenza sanitaria disponibile per queste persone, perché il sistema sanitario è stato quasi completamente distrutto.

Sa, signor Presidente, a Gaza ci sono 12 università, dove i ragazzi possono ricevere un'istruzione. In effetti, la popolazione di Gaza e delle aree palestinesi prende molto sul serio l'istruzione. Ognuna di queste 12 università è stata bombardata, così come 56 scuole. Oggi, 625.000 bambini di Gaza non hanno accesso all'istruzione.

Vorrei chiedere al popolo americano di pensare a ciò che sta accadendo psicologicamente ai bambini di Gaza. Immaginate di trovarvi in un luogo dove i droni volano dappertutto, forse con armi, forse no. Gli edifici sono stati distrutti. I vostri parenti sono stati uccisi. Non hai acqua, non hai cibo, sei spinto da un posto all'altro. Che tipo di danni permanenti subirà praticamente ognuno di questi bambini. È un'esperienza orribile.

E forse, cosa più importante, quando pensiamo alla saggezza del fatto che Netanyahu sia stato invitato a rivolgersi a entrambe le Camere del Congresso - un onore, rivolgersi a entrambe le Camere del Congresso e al popolo americano - dovremmo ricordare che il suo governo, secondo praticamente tutte le organizzazioni umanitarie che operano a Gaza, ha bloccato - intenzionalmente - gli aiuti umanitari - cioè cibo, acqua e forniture mediche - dal raggiungere la gente disperata di Gaza, creando così, oltre a tutto il resto, le condizioni per la fame e la carestia.

Signor Presidente, le dirò, come probabilmente già sa, che bloccare gli aiuti umanitari e creare le condizioni per la carestia non è solo un atto di estrema crudeltà - usare la fame come atto di guerra - ma è una violazione del diritto statunitense e internazionale. È un crimine di guerra. Ecco cos'è.

E permettetemi di dire una parola su ciò che sta accadendo a Gaza in questo momento in termini di malnutrizione.

Secondo le Nazioni Unite, da metà gennaio almeno 30 bambini - 30 bambini - sono morti di fame.

Più di 93.000 bambini sotto i cinque anni sono stati sottoposti a screening per la malnutrizione; 7.280 sono risultati affetti da malnutrizione acuta, di cui 5.604 da malnutrizione acuta moderata e 1.676 da malnutrizione acuta grave.

Ma, soprattutto, questo è solo ciò che sappiamo. La realtà complessiva è probabilmente molto, molto peggiore, ma Israele ha impedito ai giornalisti e ai media di entrare nelle aree più disperate di Gaza.

Sa, signor Presidente, come tutti sappiamo, siamo in campagna elettorale. E vorrei dire al Presidente Johnson che quando parteciperete alle vostre cene di raccolta fondi con i vostri amici miliardari, e mangerete le vostre bistecche pregiate, le vostre aragoste e altri cibi meravigliosi, vi prego di ricordare queste immagini da Gaza.

Questa è una fotografia di un bambino a Gaza scattata da Getty.

Questa è la fotografia di un bambino e di sua madre scattata dalla Reuters. E si dubita fortemente che quel bambino sia vivo oggi.

Questa è una fotografia scattata da Al Jazeera.

E questa è un'altra fotografia scattata da Getty di un bambino che non riesco a immaginare sia vivo oggi.

Questi bambini e altre migliaia sono il risultato diretto delle politiche di Netanyahu - Netanyahu, l'uomo che il presidente Johnson ha invitato a parlare al Congresso.

No, signor Presidente, non sarò presente a quel discorso.

Cedo la parola. 

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*Bernie Sanders (I-Vt.) è stato eletto al Senato degli Stati Uniti nel 2006 dopo aver prestato servizio per 16 anni alla Camera dei Rappresentanti. Sanders si è candidato alle presidenziali del Partito Democratico sia nel 2016 che nel 2020 e rimane il membro indipendente del Congresso con la più lunga anzianità di mandato nella storia americana. Eletto sindaco di Burlington, Vermont, nel 1981, ha rivestito la carica per quattro mandati. Prima della sua elezione nel 1990 come membro at-large del Vermont al Congresso, Sanders ha tenuto lezioni alla John F. Kennedy School of Government di Harvard e all'Hamilton College di New York.

------ 

Acquistando il libro “Storia di una bambina farfalla di Gaza” da questo link, l'AntiDiplomatico e Edizioni Q doneranno i proventi al progetto "Adotta un Bimbo Farfalla di Gaza".



 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti