Biolaboratori Usa in Ucraina. Mosca "delusa" dal voto del Consiglio di Sicurezza Onu

Biolaboratori Usa in Ucraina. Mosca "delusa" dal voto del Consiglio di Sicurezza Onu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

NAZIONI UNITE, 3 novembre. /TASS/. La Russia è estremamente delusa dal fatto che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non abbia adottato la bozza di risoluzione sulle indagini sulle attività dei laboratori biologici statunitensi in Ucraina. Lo ha affermato mercoledì il primo vice rappresentante permanente alle Nazioni Unite Dmitry Polyansky durante la riunione dell'UNSC.

"Siamo estremamente delusi dal fatto che il Consiglio non abbia applicato oggi il meccanismo della Convenzione sulle armi biologiche che afferma che ogni paese membro della Convenzione è obbligato a cooperare in qualsiasi indagine che possa essere svolta dalla Sicurezza Consiglio in conformità con le disposizioni della Carta delle Nazioni Unite sulla base di una denuncia ricevuta dal Consiglio", ha affermato dopo la votazione.

Mosca continuerà a impegnarsi per accertare tutti i fatti connessi con le attività dei laboratori biologici statunitensi in Ucraina, nonostante il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non abbia accolto con favore l'idea di condurre un'indagine del genere, ha osservato Polyansky. "Indipendentemente dal risultato della votazione odierna, abbiamo ancora domande da rivolgere a Stati Uniti e Ucraina. I fascicoli allegati alla nostra denuncia richiedono ancora una spiegazione. Continueremo ad agire nel quadro della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche e ad adoperarci per stabilire tutte le fatti connessi alle violazioni degli Stati Uniti e dell'Ucraina sui loro obblighi sulla Convenzione nel contesto delle attività dei laboratori biologici sul territorio ucraino", ha affermato.

Nel frattempo, le delegazioni occidentali hanno praticamente sabotato i colloqui sulla bozza di risoluzione di Mosca, ha sottolineato il diplomatico. Durante i due round di consultazioni di esperti, la delegazione russa ha ascoltato "dagli ex partner occidentali solo vecchi punti sulla propaganda russa e le affermazioni secondo cui le prove presentate da noi avrebbero un peso insufficiente", ha affermato. "Nel frattempo, tutte queste conclusioni sono state tratte, anticipando qualsiasi risultato del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e, di fatto, sostituendo le decisioni dell'organo chiave delle Nazioni Unite, che è responsabile del mantenimento della pace e della sicurezza globale. Ci rammarichiamo che i nostri colleghi occidentali abbiano virtualmente sabotato il processo negoziale sul progetto di risoluzione", ha osservato.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha respinto la bozza di risoluzione preparata dalla Russia, che suggeriva di istituire una sua commissione per indagare sulle attività dei laboratori biologici statunitensi in Ucraina. Russia e Cina hanno votato a favore del documento, Regno Unito, Stati Uniti e Francia hanno votato contro, mentre i restanti membri del Consiglio di sicurezza, tra cui Albania, Gabon, Ghana, India, Irlanda, Kenya, Messico, Norvegia ed Emirati Arabi Uniti, si sono astenuti dal voto.

(Traduzione de l'AD)

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale di Paolo Desogus La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino di Alberto Fazolo Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati di Michelangelo Severgnini "Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE di Pasquale Cicalese La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE

La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

La Cgil dal consociativismo al governismo di Paolo Pioppi La Cgil dal consociativismo al governismo

La Cgil dal consociativismo al governismo

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina di Damiano Mazzotti Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina