Caitlin Johnstone - Ciò che rende la propaganda occidentale la più efficace di ogni epoca

Caitlin Johnstone - Ciò che rende la propaganda occidentale la più efficace di ogni epoca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Caitlin Johnstone*


“Israele salva 4 ostaggi in un'operazione militare; i funzionari di Gaza affermano che decine di persone sono state uccise”, recita così un titolo del New York Times di sabato.

È un titolo molto strano anche se non si conoscono le tattiche propagandistiche utilizzate. La prima metà è molto chiara, mentre la seconda è incomprensibile e si legge come uno strano tipo di indovinello o un puzzle di parole.

Il New York Times si esibisce in questa bizzarra e criptica ginnastica linguistica per descrivere l'ultimo massacro israeliano a Gaza, che al momento attuale ha un bilancio di 236 morti.

Fin da subito possiamo notare qualcosa di strano in questo titolo con l'uso della parola “decine” per descrivere il numero di persone che si dice siano state uccise nel massacro. Lo stesso articolo del New York Times dice che “più di 200 persone sono state uccise nel centro di Gaza”, quindi il quantificatore corretto per il titolo sarebbe “centinaia”, non “decine”. Sarebbe come se un titolo dicesse che l'11 settembre sono state uccise “decine” di persone invece di “migliaia”; tecnicamente sarebbe corretto, poiché il numero di persone uccise era matematicamente parlando molte molte decine, ma darebbe ai lettori un'impressione sbagliata della letalità dell'incidente.

Si noti poi il bizzarro passaggio a metà del titolo dalla voce attiva, certa, a quella passiva, dubbia. Quattro ostaggi israeliani sono stati sicuramente salvati da Israele, mentre i funzionari gazani affermano che decine di persone sono state uccise.

Decine di cosa? Gatti? Polli? Israeliani?

Uccisi da cosa? Avvelenamento da salmonella? Incidenti stradali? Milizie congolesi?

Non c'è modo di capirlo dal titolo.

I mass media in generale e il New York Times in particolare sono noti per il loro linguaggio passivo: “Bambino palestinese cessa di respirare dopo aver incontrato un proiettile”, quando promuovono gli interessi dell'informazione israeliana, ma il fatto che si passi dal normale linguaggio umano a qualcosa che suona come un indizio che l'Enigmista lascerebbe a Batman all'interno dello stesso titolo è davvero significativo.

La cosa interessante è che nulla di ciò che hanno fatto i redattori del New York Times è tecnicamente una bugia. Ogni parola che hanno meticolosamente selezionato per il loro titolo è tecnicamente vera, ma è modellata in modo tale da distogliere l'attenzione del lettore dal fatto che Israele ha appena massacrato centinaia di esseri umani.

Avrebbero potuto scrivere con la stessa facilità “Israele uccide centinaia di palestinesi nell'attacco centrale a Gaza; 4 ostaggi salvati” e sarebbe stato altrettanto vero, ma l'attenzione del pubblico sarebbe stata attirata nella direzione opposta. Il New York Times non attira mai e poi mai l'attenzione dell'opinione pubblica in quella direzione; l'obliquità va sempre e solo in una direzione.

L'altro giorno abbiamo assistito a qualcosa di simile, sempre da parte del New York Times, quando ha riferito che Israele ha torturato i prigionieri palestinesi sodomizzandoli con barre di metallo roventi - a volte fino alla morte - ma ha nascosto questa informazione in fondo all'articolo, senza menzionarla nel titolo o nel sottotitolo.

Anche in questo caso, nessuno può tecnicamente accusare il New York Times di aver mentito; non ha riportato nulla che non fosse vero o non ha riportato nulla che fosse vero. Hanno solo sottovalutato drasticamente la vera storia nel loro rapporto per distogliere l'attenzione dei lettori dalla criminalità israeliana.

Molte persone scettiche nei confronti dei mezzi di comunicazione di massa ritengono correttamente che questi siano servizi di propaganda per l'impero statunitense, ma pensano erroneamente che questo significhi che devono mentire sempre. In realtà la macchina della propaganda imperiale è molto più sofisticata di così e molto più efficace.

Piuttosto che inventare bugie a tutto spiano e perdere tutta la credibilità presso il grande pubblico, i mass media si affidano generalmente a distorsioni come quelle sopra descritte, che alterano la percezione del pubblico senza mentire tecnicamente. Metteranno l'accento su aree che avvantaggiano l'impero, ometteranno fatti scomodi, useranno frasi ingannevoli, riporteranno acriticamente le affermazioni di funzionari governativi favoriti e diranno che le affermazioni di funzionari governativi sfavoriti sono fatte senza prove, citeranno notizie convenienti più e più volte e riporteranno le storie scomode solo una volta prima di lasciarle perdere nel flusso quotidiano delle notizie.

In realtà, nel mio lavoro cito spesso i mass media, perché molte informazioni utili e veritiere sulla criminalità dell'impero occidentale vengono fornite da organi come il New York Times. È solo che queste informazioni vengono de-enfatizzate e rapidamente rimosse dall'attenzione del pubblico dai propagandisti che gestiscono quegli organi, consentendo loro di dire tecnicamente la verità pur manipolando la narrazione generale di ciò che sta accadendo nel mondo.

Una volta ho incontrato una persona che ha descritto l'attenzione come “il re incompiuto della coscienza” e ricordo spesso queste parole per la loro accuratezza. L'attenzione è il re non coronato della coscienza perché i suoi movimenti dettano il modo in cui sperimenteremo il nostro mondo: ciò a cui penseremo, che noteremo, che vedremo, che ascolteremo o che percepiremo in altro modo, ma tendiamo a non darle molta importanza o a riconoscere la misura in cui la nostra vita è governata da essa.

In realtà, c'è poco di più cruciale per la nostra esperienza di vita dei movimenti della nostra attenzione. È qualcosa di così fondamentale che due persone che camminano sullo stesso prato nello stesso momento non ne avranno mai la stessa esperienza. Uno potrebbe vivere un prato con una piacevole brezza, un uccello che cinguetta su un albero, una cavalletta che attraversa il suo cammino e un cielo di una bellezza fenomenale, mentre l'altro potrebbe vivere il prato come uno sfondo distante e appena percepito per le sue preoccupazioni mentali per il futuro, le sue lamentele per il passato, le sue discussioni immaginarie con un membro della famiglia e una canzone orecchiabile che ha in testa.

Dopo la morte di una persona si parla spesso delle cose che ha fatto nella vita - i suoi successi, la sua eredità, quanti figli ha cresciuto, cosa ha fatto per lavoro - ma in realtà il tipo di vita che una persona ha vissuto non ha tanto a che fare con le cose che ha fatto quanto con il modo in cui si è mossa la sua attenzione. I movimenti dell'attenzione di una persona nel corso della sua vita sono davvero la sua vita, perché hanno determinato la sua esperienza del tempo trascorso su questo mondo. Quanto erano presenti ad esso. Quanta bellezza hanno sperimentato. Quanta energia mentale hanno sprecato in stronzate immaginarie. Cosa hanno notato. Cosa si sono persi.



La nostra percezione del mondo è dominata dai movimenti della nostra attenzione, il che significa che la nostra percezione del mondo può essere cambiata manipolando quei movimenti. I propagandisti lo capiscono, quindi passano il loro tempo a fare cose come dirci in continuazione che Vladimir Putin è un cattivo cattivo cattivo, mentre di tanto in tanto fanno un solo accenno, molto attenuato, a un singolo caso di criminalità israeliana, o parlare in continuazione del 7 ottobre, mentre minimizzano enormemente i massacri che Israele ha perpetrato sui palestinesi di Gaza ogni giorno da allora.

Questo fa sì che l'attenzione dell'opinione pubblica si sposti in direzioni che favoriscono gli interessi informativi dell'impero e si allontani da direzioni che danneggerebbero tali interessi informativi, il tutto senza dover dire vere e proprie bugie. La percezione del mondo da parte delle persone viene plasmata da questi abili propagandisti senza che esse si rendano conto di farlo.

È questo che rende la propaganda dell'impero occidentale molto più efficace di qualsiasi altra propaganda mai esistita altrove: il fatto che i suoi abitanti non sanno di esserne vittime. 


*Giornalista e saggista australiana. Pubblica tutti i suoi articoli nella newsletter personale: https://www.caitlinjohnst.one/

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti