Chris Hedges - Come si sviluppa la censura antipalestinese negli Stati Uniti

Chris Hedges - Come si sviluppa la censura antipalestinese negli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dylan Saba, avvocato di Palestine Legal, ha parlato della censura di coloro che difendono i diritti dei palestinesi e condannano il genocidio di Israele a Gaza.


di Chris Hedges* - Schreerpost

 

I furgoni che girano per i campus della Columbia University e dell'Università di Harvard elencano pubblicamente i nomi e mostrano i volti degli studenti che hanno firmato una lettera in cui si chiede all'università di tagliare i legami con Israele. Questi furgoni sono ora parcheggiati davanti alle case degli studenti. Un altro furgone si trova all'Università della Pennsylvania e chiede al presidente dell'università Liz Magill di dimettersi, in seguito alle denunce che l'università ha favorito l'antisemitismo permettendo un festival pro-palestinese a settembre.

I principali donatori di queste università, tra cui il miliardario Marc Rowan, capo del gigante del private equity Apollo Global Management, che ha donato 50 milioni di dollari alla scuola di economia dell'Università della Pennsylvania, hanno annunciato di voler trattenere le donazioni e chiedere le dimissioni dei rettori delle università. L'importante studio legale Davis Polk ha revocato tre offerte di lavoro fatte a studenti sospettati di aver firmato la dichiarazione di Harvard e una dichiarazione simile alla Columbia University.

Queste molestie pubbliche sono solo un piccolo esempio della campagna diffusa per mettere a tacere chiunque denunci l'assedio di Gaza e chieda un cessate il fuoco. Centinaia di account dei social media sostengono che le maggiori piattaforme di social media del mondo - Facebook, Instagram, X, YouTube e TikTok - stiano censurando gli account o riducendo attivamente la portata dei contenuti pro-Palestina, una pratica nota come shadowbanning.

Importanti conferenze sul Medio Oriente sono state annullate. La Camera di Commercio Ebraica Ortodossa, ad esempio, è riuscita a fare pressioni sugli hotel Hilton affinché cancellassero l'evento della Campagna statunitense per i diritti dei palestinesi a Houston, in cui la deputata Rashida Tlaib doveva essere la relatrice principale, definendolo "una conferenza per sostenitori di Hamas" e "odiatori degli ebrei". La Camera sta conducendo una campagna per costringere Starbucks a chiudere i negozi e a licenziare migliaia di lavoratori "che sostengono Hamas" dopo che il loro sindacato ha pubblicato su X una dichiarazione di "Solidarietà con la Palestina". Ha lanciato un boicottaggio della catena di caffè con lo slogan: "Bere una tazza di Starbucks è bere una tazza di sangue ebraico".

Il Council on American-Islamic Relations (Cair) è stato costretto a cancellare il suo banchetto annuale ad Arlington, in Virginia, dopo aver ricevuto minacce di bomba. Le rare voci palestinesi che riescono a superare il blocco mediatico, come quella di Noura Erakat, avvocato palestinese-americano per i diritti umani, che è apparsa in diretta sulla CBS e sulla ABC, vengono spesso cancellate.  Erakat ha visto i segmenti in cui ha parlato rimossi dalle riproduzioni degli spettacoli online.

La fiera del libro di Francoforte è stata accusata di "spegnere" le voci palestinesi dopo che è stata annullata la cerimonia di premiazione di un romanzo della scrittrice palestinese Adania Shibli. Nel frattempo, i portavoce ufficiali e i politici israeliani, così come i sostenitori dell'assedio israeliano di Gaza, hanno ampio spazio per accusare chiunque si opponga al massacro dei palestinesi a Gaza da parte di Israele di essere apologeti o portavoce dei terroristi.  A discutere di questa censura è Dylan Saba, avvocato del Palestine Legal. Incaricato da un redattore del quotidiano The Guardian di scrivere sulla campagna per mettere a tacere le voci critiche nei confronti dell'aggressione israeliana, poco prima della pubblicazione del pezzo è stato informato che il giornale non lo avrebbe pubblicato.


Traduzione de l’AntiDiplomatico


*Giornalista vincitore del Premio Pulitzer, è stato corrispondente estero per quindici anni per il New York Times, dove ha ricoperto il ruolo di redattore capo per il Medio Oriente e per i Balcani. In precedenza, ha lavorato all'estero per The Dallas Morning News, The Christian Science Monitor e NPR. È il conduttore dello Show The Chris Hedges Report.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti