Colombia, la polizia ha utilizzato simboli nazisti per rendere omaggio alla Germania

Colombia, la polizia ha utilizzato simboli nazisti per rendere omaggio alla Germania

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nei giorni scorsi in Colombia si è innescata una forte polemica dopo che un gruppo di agenti di polizia ha usato simboli nazisti durante un tributo alla Germania, in un evento chiamato Settimana dell'internazionalizzazione presso la Scuola di polizia Simón Bolívar, a Tuluá, nella Valle del Cauca.

Le immagini, condivise sugli account Twitter e Facebook dell'istituzione e successivamente rimosse, mostravano diversi uomini travestiti da Adolf Hitler. Alcuni portavano la svastica al braccio.

Sul suo account Twitter, l'attrice Margarita de Francisco ha condiviso una delle immagini e ha chiesto: potete spiegarmelo?

L’Organizzazione studentesca e giovanile dell'Universidad del Valle ha definito quanto accaduto come scandaloso, poiché si è reso “omaggio alla polizia e all'esercito nazisti”, come ha informato l’agenzia Prensa Latina. 

L’ambientalista Oscar Estupiñán ha affermato che si è realizzata “l’apologia del genocidio nazista, non solo contro il popolo ebraico, contro la Germania ma contro la stessa Colombia".

Secondo quanto riferisce Prensa Latina le ambasciate di Israele e Germania in Colombia hanno rilasciato un comunicato congiunto in cui lamentano l’utiizzo di simboli nazisti nella suddetta attività.

Lo scandalo generato ha provocato la reazione dei portavoce della Direzione Nazionale delle Scuole della Polizia di Stato, che hanno espresso in un comunicato la loro contrarietà per quanto accaduto e specificato che "si tratta di fatti che vanno contro la politica istituzionale di assoluto rispetto dei diritti umani".

Attraverso un video, il brigadiere generale Yackeline Navarro Ordóñez, direttore nazionale delle Scuole di Polizia nazionali, ha espresso il suo rifiuto per quanto accaduto e ha annunciato che il direttore della scuola di Tuluá è stato immediatamente rimosso dall'incarico.

“In modo sbagliato e inconsulto, oggi è stata svolta un'attività educativa sulla storia universale presso la Scuola di Polizia Simón Bolívar, situata nel comune di Tuluá, Valle del Cauca, in cui gli studenti di questa caserma di polizia hanno ricreato scene allusive al periodo della Germania nazista. La Polizia di Stato respinge con la massima veemenza la decisione presa all'interno della scuola”, ha affermato.

“L'uso di emblemi nazisti e la caricatura dell'uniforme della polizia sono inaccettabili”, ha poi aggiunto il generale. 

Il dirigente politico progressista colombiano Gustavo Petro, leader della formazione Colombia Humana, ha commentato quanto accaduto tramite Twitter: “Il fascismo è sopravvissuto nella mentalità colombiana perché non c'è mai stata una catarsi di cosa significasse quando era al potere, come hanno fatto Germania e Italia.

Il fascismo è stato al potere in Colombia tra il 1946 e il 1953 grazie alla divisione liberale.

Quel fascismo che è stato concepito utilizzando il partito conservatore, ha scatenato un genocidio nel Paese, per fermare la "Rivoluzione di marzo" e si è mantenuto per decenni sotto forma di paramilitarismo del narcotraffico.

I partiti di estrema destra come quello al governo oggi lo applaudono più e più volte.

Per porre fine al genocidio e alla violenza, abbiamo bisogno di una società sensibile davanti alla morte e capace di costruire la democrazia”.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti