World Affairs/"Come i nazisti. Peggio dei nazisti". Ex operatore dei droni mili...

"Come i nazisti. Peggio dei nazisti". Ex operatore dei droni militari USA ricorda le atrocità del suo lavoro e condanna l'assassinio di Soleimani

 

Brandon Bryant ex operatori dei droni militari statunitensi ritiene che "nulla è cambiato" da quando ha lasciato il lavoro nel 2011


Brandon Bryant, un ex operatore di droni dell'aeronautica statunitense, ha nuovamente criticato i bombardamenti con velivoli senza pilota lanciati dall'esercito americano, che accusa di fare cose "come i nazisti, peggio dei nazisti", come ha ribadito in  un'intervista al media britannico The Sun.


Bryant, che ora ha 34 anni, ha lasciato il suo lavoro nel 2011 dopo aver partecipato per cinque anni a missioni di bombardamento mirate in Pakistan, Iraq e Afghanistan con droni gestiti dacontrollo remoto. Lo stesso anno abbandonò le forze militari, a Bryant  fu diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico . Nel 2013, già denunciò le pratiche statunitensi davanti a un gruppo di esperti delle Nazioni Unite e persino davanti al relatore speciale sulla promozione e protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali nella lotta al terrorismo.

Ora l'ex operatore ha nuovamente espresso il suo sdegno per l'operazione degli Stati Uniti contro il maggiore generale Qassem Soleimani, capo della potente Forza Quds dei corpi della guardia rivoluzionaria islamica dell'Iran, che è stato ucciso il 3 gennaio scorso in un attacco lanciato da un aereo senza pilota che ha sparato missili contro il suo convoglio, viaggiando vicino all'aeroporto di Baghdad.

"Quando ho letto per la prima volta di Soleimani, ho pensato: 'Non può essere, non potrebbero essere così stupidi'", ha dichiarato Bryant. "Non è cambiato nulla, non hanno ascoltato", ha aggiunto l'ex operatore di droni, che ha definito l'attacco "illegale". "Non abbiamo imparato le lezioni del passato. Stiamo ancora facendo cose, non come i nazisti, ma peggio dei nazisti , perché dovremmo conoscerli meglio", sottolinea l'intervista.

Bryant confessa che l'immagine di un bambino sul suo schermo continua a perseguitarlo fino ad oggi. Come ha spiegato, dopo aver lanciato un missile contro un edificio in cui si trovava il suo obiettivo, ha notato che un bambino è apparso sullo schermo correndo verso l'edificio. Lo disse al suo superiore e agli altri funzionari, ma risposero che era un cane mostrando la loro indifferenza per ciò che accadde.

L'ex operatore di droni ha già  ammesso  che vive tormentato dalla sua partecipazione a questi attacchi e che ricorderà sempre come ha visto morire una delle sue prime vittime. Alla fine del suo lavoro, gli è stato consegnato un foglio con statistiche che contenevano la cifra di 1.626 persone uccise da questi attacchi di droni. Bryant si è scusato con le famiglie delle vittime dei bombardamenti aerei statunitensi a cui ha partecipato.

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa