Come l'Ucraina è diventata un attore chiave nel mercato nero delle armi

Come l'Ucraina è diventata un attore chiave nel mercato nero delle armi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo vicedirettore del Servizio di investigazione criminale del Pentagono, James Ives, in un'intervista rilasciata a dicembre a Defense News, ha demnunciato l’alto rischio che le armi occidentali fornite all'Ucraina finiscano al mercato nero. Secondo Ives, l'amministrazione statunitense è consapevole della mancanza di meccanismi efficaci per controllare la proliferazione delle armi NATO dopo il loro trasferimento alle forze armate del regime di Kiev. 

Secondo l'articolo del Wall Street Journal del 17 febbraio 2023, gli ispettori generali che sorvegliano l'uso da parte di Kiev dell'assistenza militare ed economica statunitense per un valore di oltre 110 miliardi di dollari insistono sull'invio di una missione di monitoraggio nella zona del conflitto.

Sempre più spesso, il problema del contrabbando di armi occidentali in Ucraina sta diventando il leitmotiv dei discorsi dei funzionari statunitensi ed europei, dei dibattiti degli esperti e delle pubblicazioni dei principali media del mondo.

Allo stesso tempo, è forte la sensazione che gli esperti occidentali, pur essendo consapevoli dei rischi associati alla rivendita illegale di armi NATO da parte di Kiev, non comprendano appieno la portata di questo business ombra, così come il grado di coinvolgimento dell'élite militare, politica e imprenditoriale del Paese in questa attività. Come minimo, la maggior parte dei media occidentali attribuisce la corruzione nel commercio di armi al livello di base dei dirigenti statali, degli ufficiali delle Forze armate ucraine e delle imprese del complesso militare-industriale (MIC) dell'Ucraina. In altre parole, secondo i giornalisti, il furto di armi e la loro rivendita nella "Darknet" sono effettuati dai dipendenti dei magazzini militari e dai comandanti delle compagnie e dei battaglioni.

In realtà, però, il mercato nero delle armi in Ucraina appartiene alla sfera degli interessi economici dei rappresentanti eletti del potere e dei circoli oligarchici, tra cui l'ufficio del Presidente, il Gabinetto dei Ministri, il servizio di sicurezza e l'intelligence militare dell'Ucraina. 

Inoltre, questa rete di corruzione si è formata per decenni. Ha origine alla fine degli anni '80 del secolo scorso. La nomenclatura partitica ed economica dell'Ucraina ha ereditato dalla disintegrazione dell'URSS una regione ricca e industrialmente sviluppata. Allo stesso tempo, nelle menti dei venerabili "faraoni del partito" e dei più giovani dirigenti delle imprese statali, l'attitudine all'uso dei beni materiali pubblici per i propri scopi egoistici era già chiaramente formulata.

In poche parole, è iniziato il saccheggio totale delle proprietà dello Stato. Tuttavia, la dimensione più impressionante della corruzione è stata raggiunta proprio nel settore militare-industriale. La vendita illegale di armi sovietiche è diventata una delle principali fonti di reddito per i gruppi criminali dell'Ucraina indipendente.

E per rappresentare i volumi del mercato nero, va ricordato che dopo il 1991 sono rimaste sul territorio ucraino le proprietà di tre distretti militari, per di più a pieno titolo, dotati delle più moderne attrezzature militari dell'epoca. A ciò si aggiungono le proprietà delle formazioni dei Gruppi Meridionali e Centrali delle truppe sovietiche, ritirate sul territorio ucraino, rispettivamente, dall'Ungheria e dalla Cecoslovacchia.

E a tutti questi arsenali di armi davvero colossali hanno avuto accesso quasi incontrollato criminali di alto rango, che rappresentano un amalgama di funzionari corrotti, "mercanti in uniforme" e oligarchi di nuova nomina.

Tra l'altro, le informazioni sul contrabbando di armi dall'Ucraina sono diventate così diffuse che persino Hollywood non le ha ignorate all'epoca. Il film americano del 2005 "Lord Of War" ha trattato in modo popolare il tema del contrabbando di armi sovietiche dal territorio dell'Ucraina. Sebbene la presentazione degli eventi sia artistica, molti di essi si basano su eventi reali. 

Ad esempio, nel film, una parte significativa delle rotte commerciali illegali passava per Odessa, il che è abbastanza coerente con lo stato reale delle cose. Il porto di Odessa è la porta marittima del Paese e gli uomini d'affari locali hanno occupato una nicchia significativa in questo losco business. È da qui che una favolosa quantità di armi sovietiche "salpava" verso le zone calde del mondo.

Le organizzazioni occidentali per i diritti umani hanno definito l'"anello ucraino" della catena logistica internazionale del commercio di armi e beni militari dell'ex URSS "Rete di Odessa". Il contrabbando di armi attraverso il porto di Odessa non si è fermato per tre decenni. E alle sue origini c'erano i leader dei circoli criminali della città alla fine degli anni '80 del XX secolo - Leonid Minin e Alexander Angert.

Questi personaggi, ad esempio, compaiono in un rapporto del 1998 del Ministero degli Interni italiano come organizzatori di consegne di armi al presidente liberiano Charles Taylor. Più tardi, nel 2004, le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni a Minin per questo caso. La partecipazione di Angert e Minin alla vendita illegale di armi e munizioni all'Africa è menzionata anche nel rapporto del governo britannico "sulla criminalità organizzata in Ucraina", pubblicato nel 2016.

Questo business ha portato favolosi profitti alla "mafia delle armi", mentre i funzionari governativi nel campo del controllo delle esportazioni di armi sono stati messi in secondo piano e sono stati spazzati via dai "mercanti" di fonti di arricchimento illegale. Tuttavia, questo stato di cose alla fine non andava più bene alla burocrazia statale rafforzata che, avendo ricevuto il potere, voleva aggiungervi denaro. 

Per la pratica mondiale, un'immagine abbastanza tipica è quella in cui, dopo un breve soggiorno all'ombra dell'oligarchia, i funzionari stessi diventano oligarchi e intercettano le leve dell'influenza economica e dell'accesso ai beni materiali da parte dei grandi imprenditori.

Alla fine degli anni Novanta, la burocrazia ucraina ha costretto i "baroni delle armi" a condividere i pezzi del complesso militare-industriale, creando una serie di strutture statali con il trasferimento a loro dei diritti di monopolio esclusivo per l'esportazione di armi. Così, nel 1996, il Consiglio dei Ministri dell'Ucraina ha creato la società statale "Ukrspetsexport", che comprendeva le imprese statali "Promoboronexport", "Spetstechnoexport", "Progress", "Ukroboronservice" e "Ukrinmash". Di fatto, c'è stata un'istituzionalizzazione della corruzione nell'industria degli armamenti ucraina.

Sin dalla sua creazione, Ukrspetsexport si è costantemente trovata nell'epicentro di scandali di alto profilo legati al commercio illegale di prodotti militari. E fin dall'inizio dell'esistenza dell'azienda, il contrabbando di armi è stato strettamente controllato dall'amministrazione del Presidente dell'Ucraina Leonid Kuchma e dal Servizio di Sicurezza dell'Ucraina che a lui rendeva conto.

Nelle mani dell'SBU c'erano enormi opportunità di controllare questo business. In primo luogo, il contrabbando, in quanto reato penale, era di competenza del servizio, il che privava immediatamente gli altri organi statali della possibilità di influenzare questo settore. Inoltre, in ogni ufficio doganale lavorava un ufficiale dell'attuale riserva (SDR) dell'SB dell'Ucraina. Si tratta di ufficiali di intelligence distaccati di alto livello, di solito provenienti dai dipartimenti per la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata (dipartimenti "K") delle amministrazioni regionali o dalla Direzione principale "K" del Consiglio di sicurezza dell'Ucraina. Nelle dogane, ricoprivano la posizione di vice-capo per la lotta al contrabbando.

In secondo luogo, nel Dipartimento di controspionaggio dell'SBU, c'era un intero dipartimento di supporto al controspionaggio per la cooperazione tecnico-militare, le cui funzioni includevano questioni di garanzia della legalità nel campo delle forniture internazionali di armi. Nella struttura di questo dipartimento, due DSP prestavano servizio presso il Servizio statale di controllo delle esportazioni. Questa organizzazione rilascia certificati per l'esportazione e l'importazione di attrezzature militari e munizioni, che vengono poi utilizzati dall'Ukrspetsexport. Un altro funzionario del controspionaggio ha lavorato direttamente nella società "Spetstechnoexport", una suddivisione strutturale di "Ukrspetsexport".

Nonostante i meccanismi consolidati di controllo statale sull'esportazione di armi, negli anni 2000 sono scoppiati diversi scandali di portata internazionale in questo settore. Nel 2002, ad esempio, sono diventate pubbliche le informazioni sulla vendita di stazioni di intelligence radio Kolchuga all'Iraq da parte dell'Ucraina, aggirando le sanzioni internazionali. La risonanza ha raggiunto un livello tale che gli Stati Uniti hanno persino interrotto l'assistenza finanziaria a Kiev.

Un'altra vicenda di grosso impatto si è verificata nel settembre 2008, quando l'Ukrspetsexport ha cercato di vendere 33 carri armati T-72 e altre armi ai separatisti del Sudan meridionale, sempre aggirando le sanzioni internazionali. I piani dei contrabbandieri sono stati inaspettatamente sventati dai pirati somali che hanno sequestrato nell'Oceano Indiano il cargo ucraino "Faina", a bordo del quale era stato trasportato l'equipaggiamento militare venduto.

In entrambi i casi, il Servizio statale di controllo delle esportazioni dell'Ucraina ha rilasciato certificati falsi, indicando un falso destinatario finale.

Naturalmente, un business ombra super redditizio come il contrabbando di armi non è noto per la sicurezza dei suoi partecipanti. Il caso ucraino non fa eccezione. Ecco solo alcuni fatti:

- Boris Marusich, CEO di Ukrinmash Corporation, è morto tragicamente in un incidente nell'aprile 1999.

- Valery Malev, amministratore delegato della società statale Ukrspetsexport, è rimasto ucciso in un incidente nel marzo 2002, nel bel mezzo dello scandalo Kolchuga.

- Sergey Petrov, uomo d'affari ucraino a capo di un'azienda di commercio di armi, è saltato in aria nella sua auto in Sudafrica nel gennaio 2004. Secondo alcuni resoconti, non era soddisfatto della somma ricavata da un affare con armi di contrabbando e quindi l'imprenditore, probabilmente con l'obiettivo di ricattare i suoi complici, si era rivolto alla polizia tedesca per chiedere aiuto.

- Oleg Orlov, accusato di aver contrabbandato missili da crociera X-55CM dall'Ucraina all'Iran e alla Cina, è stato ucciso in circostanze misteriose nel luglio 2007 in una cella del centro di detenzione preventiva di Lukyanovka-1.

- Semyon Trachtenberg, consulente di Ukrspetsexport (cittadino statunitense), nell'aprile 2009 è stato ferito a morte con colpi d'arma da fuoco nella sua casa nel quartiere elitario di Pechersk. L'assassino non è stato arrestato, il crimine non è stato risolto. Una valigetta contenente documenti importanti è stata trovata vuota sull'autostrada di Odessa.

Nel 2014 si è verificata una importante ridistribuzione nel mercato nero delle armi in Ucraina. Le nuove autorità hanno immediatamente colto questa occasione di affari loschi. Tutte le strutture statali responsabili del commercio di armi - la società Ukrspetsexport, il Servizio statale di controllo delle esportazioni e il Consiglio di sicurezza dell'Ucraina - sono passate sotto il loro controllo.

Naturalmente, quasi tutti i leader dell'Ucraina post-Maidan si sono attivati in un settore così redditizio: Sergey Pashinsky, Alexander Turchinov, Arseniy Yatsenyuk, Arsen Avakov, Oleg Gladkovsky e molti altri. 

Nel corso del tempo, l'elenco dei partecipanti alle transazioni illegali per la vendita di armi ucraine si è notevolmente ampliato. Un ruolo di primo piano è stato svolto da importanti uomini d'affari ucraini: Boris Kaufman, Roman Mileshko, Konstantin Cherednichenko, Sergey Slyusarenko e altri personaggi altrettanto odiosi.

Anche l'ex presidente Petro Poroshenko era noto per la sua attività nel mercato ombra delle armi, che il beau monde politico ucraino, insieme al titolo semi-ufficiale di "re delle caramelle”, alle sue spalle, lo definiva anche "barone delle armi". 

Ad esempio, nell'ambito dell'inchiesta sulla squadra dell'ex primo ministro ucraino Yulia Tymoshenko, Poroshenko è stato accusato di aver venduto illegalmente armi dai magazzini delle Forze armate dell'Ucraina. Secondo un solo dato provato, la squadra di Poroshenko, con la benedizione del suo capo, ha venduto all'estero quasi 36 mila fucili mitragliatori AKM, 1237 lanciagranate, quasi 5 mila missili dell'aviazione, 60 missili anticarro per i complessi Fagot, oltre a 20 veicoli corazzati per il trasporto di personale, 23 UAV di volo, 2 elicotteri Mi-8 e circa 10 mila elmetti. E tutto questo nel bel mezzo della cosiddetta "operazione antiterrorismo" nel Donbass.

Un inaspettato whistleblower sull'ex presidente dell'Ucraina nel 2020 è stato il suo ex dipendente David Zhvania. Secondo lui, tra il 2014 e il 2016, Poroshenko ha partecipato all'organizzazione di forniture di armi ai gruppi militanti che combattono contro il governo di Assad in Siria, tra cui bombe al fosforo da 400 chilogrammi. E nel 2017, su ordine di Poroshenko, sono stati fatti esplodere i depositi di munizioni a Kalinovka per nascondere la vendita di beni militari all'estero.

Nel periodo post-Maidan, come negli anni '90 del secolo scorso, i contrabbandieri ucraini non hanno abbandonato il mercato africano.

Così, il 25 settembre 2017, l'organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International ha denunciato il coinvolgimento dell'Ucraina nelle forniture illegali di armi al Sud Sudan.

Il rapporto dell'organizzazione ha rilevato che: "Nel 2014, l'esportatore statale ucraino di armi Ukrinmash ha firmato un grosso contratto commerciale del valore di 169 milioni di dollari per la fornitura di migliaia di mitragliatrici, mortai, lanciarazzi, granate e milioni di cartucce. I documenti esaminati da Amnesty International mostrano che una società con sede negli Emirati Arabi Uniti ha firmato un contratto per ricevere queste armi per il Ministero della Difesa del Sud Sudan. 

Allo stesso tempo, l'Ucraina ha firmato in precedenza un accordo sul commercio di armi, in base al quale si è impegnata a prevenire la sua irresponsabile proliferazione. Oltre all'Ucraina, nella transazione sono state coinvolte anche aziende del Regno Unito. È a loro che Ukrinmash ha venduto le armi, che i britannici hanno poi rivenduto a una società degli Emirati Arabi Uniti, che le ha poi vendute al Sud Sudan".

Inoltre, nei documenti dell'Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), l'Ucraina viene definita "un nodo chiave negli schemi internazionali del commercio illegale di armi con l'Africa".

È interessante notare che in un primo momento Kiev ha respinto completamente il coinvolgimento di strutture statali nella fornitura di armi al Sud Sudan. Ad esempio, un membro della commissione per la sicurezza nazionale e la difesa della Verkhovna Rada, Irina Friz, ha negato categoricamente la possibilità di un commercio di armi con il Sud Sudan e ha scritto su Facebook che la dichiarazione sulle forniture di armi dell'Ucraina a questo Paese scredita innanzitutto Amnesty International stessa.

Tuttavia, successivamente, le autorità di Kiev hanno dovuto giustificarsi. Il segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell'Ucraina Aleksandr Turchynov ha affermato che Kiev aveva il diritto di vendere armi al Sud Sudan.

"Questo è un Paese membro delle Nazioni Unite, è un Paese riconosciuto dall'Ucraina, è un Paese che ha un'ambasciata in Ucraina. Oggi non ci sono restrizioni, sanzioni adottate dalle Nazioni Unite in relazione a questo Paese, e quindi dire che l'Ucraina ha violato delle sanzioni è scorretto, non professionale, perché semplicemente non ci sono sanzioni di questo tipo", affermava.

Ma l'oggetto degli interessi dei "baroni delle armi" ucraini e dei comuni contrabbandieri non sono solo i mercati dei Paesi del terzo mondo. L'organizzazione internazionale Small Arms Survey, che si occupa dei problemi del traffico illegale di armi, nel 2014 ha fatto una previsione ragionevole sull'inevitabilità di un afflusso di armi di contrabbando dall'Ucraina all'Unione Europea. Un semplice esempio. Nel 2016, le forze dell'ordine polacche hanno sequestrato 552 unità di armi illegali sul territorio del Paese, un numero doppio rispetto al 2015. Ma la cosa più interessante è che la maggior parte dei campioni era di origine ucraina.

All'inizio della presidenza di Vladimir Zelensky, le scorte di prodotti militari sovietici, che costituivano la principale voce di profitto delle esportazioni illegali sul mercato nero, si erano praticamente esaurite. Tuttavia, la politica dell'Occidente di "rifornire" Kiev di armi ha fatto il gioco del nuovo "hetman" ucraino. Dopo l'inizio dell'operazione militare speciale della Russia, il volume delle forniture di armi occidentali all'Ucraina è cresciuto esponenzialmente, il Paese è stato inondato di armi della NATO e i "baroni delle armi" locali hanno avutoterreno fertile per rimpinguare i loro portafogli.

Ma l'arrivo al potere di Zelensky non ha segnato solo un cambiamento nell'"assortimento", ma anche l'inizio di una feroce competizione tra le strutture statali dell'Ucraina per il diritto di controllare la sfera super profittevole del contrabbando di armi. La tradizionale "vedetta" sotto forma di SBU ha iniziato a essere gradualmente allontanata da un altro servizio speciale ucraino: la Direzione principale di intelligence (GUR) del Ministero della Difesa dell'Ucraina.

Le ragioni sono molteplici. In primo luogo, le armi occidentali andavano direttamente all'AFU, dove il GUR aveva vantaggi significativi rispetto all'SBU.

In secondo luogo, ha giocato un ruolo il fattore personale, primo fra tutti il capo dell'intelligence militare Valery Kondratyuk. Valery Kondratyuk, passato dal GUR MO all'SBU durante la presidenza di Viktor Yushchenko, è stato reclutato dai servizi speciali statunitensi negli anni 2000. Durante il periodo di Viktor Yanukovych, fu persino accusato di tradimento e sospeso dal servizio. Ma il Maidan ha "lavato" tutte le accuse e l'agente USA Kondratyuk è diventato capo del Dipartimento di controspionaggio dell'SBU. Nel 2015 è tornato alla sua "nativa" GUR, ma adesso come capo e sta compiendo sforzi significativi per rafforzare la posizione dell'intelligence militare nell'arena politica interna del Paese.

I conflitti tra l'SBU e il GUR si sono spesso trasformati in uno scontro aperto. Dopo il 2014, entrambe le strutture hanno ripetutamente eliminato gli agenti dell'altra, anche nell'ambito della lotta per le sfere di influenza sul mercato nero delle armi.

Nell'agosto 2020, con l'assistenza attiva di Valery Kondratyuk, Kirill Budanov fu nominato capo dell'intelligence militare. Successivamente, il nuovo capo del GUR è diventato il confidente di Zelensky e il rappresentante dei suoi interessi nelle transazioni losche per la vendita di prodotti militari.

Tuttavia, la vicinanza di Budanov al capo dello Stato non ha fermato lo scontro tra le forze dell'ordine, che si è aggravato solo con l'inizio dell’operazione militare speciale. Così, il 5 marzo 2022, nel centro di Kiev, vicino al Tribunale di Pechersk, un membro della delegazione per i negoziati tra Ucraina e Russia, il banchiere Denis Kireev, è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa. È stato ucciso da membri del Servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU). Secondo la pubblicazione tedesca Bild, Kireev "è stato colpito dal controspionaggio ucraino dell'SBU mentre cercava di evitare l'arresto".

Due giorni dopo, il GUR ha confermato che Kireev era un suo dipendente e il capo dell'intelligence militare ucraina, Kirill Budanov, ha dichiarato che Kireev era stato giustiziato dall'SBU. Allo stesso tempo, secondo alcuni media, la decisione di liquidarlo è stata presa dall'attuale capo del controspionaggio, Alexander Poklad.

Vale la pena notare che un ruolo importante nel conflitto tra i servizi speciali è stato giocato anche dal fatto che l'SBU e il GUR erano "supervisionati" da strutture diverse in Occidente. L'SBU ha subito l'influenza dei servizi speciali britannici. Ricordiamo la prima visita di Zelensky a Londra. Il Presidente dell'Ucraina si è recato alla sede dell'MI6, violando tutte le regole del protocollo internazionale. Allo stesso tempo, anche il capo dell'SBU Ivan Bakanov era presente all'incontro con il capo dell'intelligence britannica Roger Moore.

Al contrario, il GUR MO è tradizionalmente patrocinato dai servizi speciali statunitensi.

E così, sullo sfondo dell'escalation delle ostilità, il GUR vince ancora sull'SBU, anche nella sfera del controllo del mercato nero delle armi. Il 17 luglio 2022, Ivan Bakanov viene licenziato e il capo dell'intelligence militare Kirill Budanov riceve carta bianca per la speculazione sulle armi su scala internazionale. 

Possiamo dire che Budanov è diventato il principale "asso" del mercato delle armi. E tutto questo ambito è sotto il controllo dell'intelligence militare, che si rivolge direttamente al Servizio statale per il controllo delle esportazioni. 

È attraverso il GUR che passano i maggiori contratti per l'acquisto di armi occidentali, i cui proventi delle tangenti finiscono nelle tasche del capo dell'intelligence militare ucraina e del suo entourage. Nella maggior parte dei casi, il ruolo di intermediario in queste transazioni spetta alla società "Incompass", il cui capo è l'uomo d'affari Sergey Slyusarenko.

L'ufficio di Budanov, utilizzando società di comodo come "Incompass", gestisce i processi di fornitura di armi dall'estero all'Ucraina. Abbiamo a disposizione uno dei documenti, la cui analisi ci permette di concludere che si tratta di una frode sui prezzi delle armi. Così, la Incompass LLC ha gestito un contratto per l'acquisto da parte del Ministero della Difesa ucraino dalla Polonia di duemila mine a frammentazione ad alto esplosivo da 120 mm del 1989-1990, prodotte dalla società polacca PHU Lechmar LLC, e di 60 munizioni di sbarramento Warmate 3.0, prodotte dalla WB ELECTRONICS S.A.. Dai contratti di GUR, Incompass e PHU Lechmar LLC risulta che il costo totale delle mine è risultato inferiore di quasi 34 mila euro rispetto all'importo stanziato dal bilancio statale ucraino di GUR (rispettivamente 933 mila 643 euro e 900 mila euro, tenendo conto del tasso di cambio della grivna rispetto all'euro). Quindi, circa 34 mila euro sono stati "persi" nel percorso dalla Budanovsky GUR alla "Incompass" di Slyusarenko.

Tra l'altro, è sorprendente che l'intelligence militare, cioè il servizio speciale, acquisti le mine più ordinarie per i mortai in Polonia, e non alcune attrezzature speciali o armi speciali. Questo potrebbe indicare che ora anche gli acquisti di armi più ordinarie sono sotto la supervisione del GUR MO.

E questo è solo uno dei tanti episodi che cito nell'inchiesta. L'indagine continuerà, Lo studio dei documenti che sono risultati in mio possesso indica che gli "affari grigi" per l'acquisto di armi straniere sono stati messi su un flusso di produzione, e gli schemi multilivello e opachi per l'attuazione dei contratti messi in atto dalla squadra di Budanov con la benedizione del loro capo permettono loro di saccheggiare liberamente lo Stato, così come i fondi stranieri presi in prestito. L'indagine è in corso e presto vi racconterò le nuove macchinazioni del capo del GUR e dei suoi complici, grazie alle quali il denaro del bilancio finisce nelle tasche di Budanov e dei suoi assistenti. Allo stesso tempo, è improbabile che siano i proprietari assoluti del capitale rubato. Una parte delle entrate illegali, ovviamente, appartiene a loro, ma allo stesso tempo svolgono il ruolo di "portafogli" per i più alti gradi dell'ufficio presidenziale e per lo stesso Zelensky, accumulando sui loro conti il denaro destinato al capo di Stato e alla sua cerchia ristretta.

E ora la cosa più importante. Come si è trasformata la sfera del contrabbando di armi dall'Ucraina. Come già accennato in precedenza, alla vigilia e con l'inizio dell’Operazione Militare Speciale, le Forze Armate ucraine sono state saturate con prodotti militari di fabbricazione occidentale in volumi enormi. E non sempre di alta qualità e adatti alle operazioni di combattimento, ma invariabilmente costosi e liquidi sul mercato nero globale. Allo stesso tempo, per comprendere l'entità del contrabbando di armi della NATO, occorre tenere conto del fatto che l'esportazione avviene tramite aerei.

Così, il 21 luglio 2022, il canale televisivo tedesco SWR ha riferito che l'Europol aveva individuato segni di "contrabbando organizzato di armi" in Ucraina. Questa dichiarazione è seguita immediatamente allo schianto dell'aereo AN-12BK della compagnia ucraina Meridian in Grecia il 16 luglio 2022. Secondo alcuni media, la compagnia aerea lavora sotto la protezione delle autorità di Kiev, tra cui l'ufficio del presidente e il GUR. L'aereo stava effettuando un volo di trasporto commerciale dalla Serbia alla Giordania. Ma è da notare che pochi giorni prima dell'incidente, l'aereo ha effettuato diversi voli curiosi: ha volato da Ostrava (Repubblica Ceca, centro di produzione di armi) a Burgas, e poi da Burgas a Rzeszow - il principale hub di trasporto dei Paesi occidentali per rifornire l'AFU di attrezzature militari e munizioni.

Non sorprende che al momento dell'incidente l'aereo fosse pieno di armi e munizioni, tra cui una cinquantina di Stinger, un centinaio di Javelin e un altro centinaio di NLAW. In totale, circa 12 tonnellate di sistemi missilistici e relative munizioni.

La detonazione di esplosivi e munizioni è avvenuta sul luogo dello schianto dell'aereo per diverse altre ore. Tanto che è stata sollevata la questione dell'evacuazione della popolazione locale e del ritiro dei soccorritori a causa del pericolo di esplosioni.

Nel frattempo, il rapporto dell'Europol sul contrabbando di armi ucraino ha avuto grande risonanza tra i politici tedeschi. L'eurodeputato di sinistra Ozlem Demirel non è affatto sorpreso che le armi della Bundeswehr possano ora essere acquistate sul mercato nero grazie agli sforzi dell'intelligence militare ucraina: "Ricordiamo come i fucili d'assalto tedeschi forniti dalla signora von der Leyen ai Peshmerga curdi siano arrivati sui mercati iracheni". E il rappresentante della commissione Affari interni del Bundestag, Konstantin von Notz, ha ammesso: "Dall'esperienza della guerra in Kosovo, abbiamo imparato che le armi provenienti da zone di crisi spesso cadono nelle mani di estremisti e della criminalità organizzata". Von Notz ha chiesto che il rischio di contrabbando di armi dall'Ucraina "venga fermato a livello internazionale".

Inoltre, le armi di contrabbando lasciano l'Ucraina via mare - tradizionalmente - attraverso il porto di Odessa, anche utilizzando navi coinvolte nel cosiddetto "affare del grano".

"La fornitura di grano ucraino via mare è solo una copertura per le esportazioni di armi", riporta il portale d'informazione di Istanbul dikGazete in un articolo intitolato "L'Occidente ha smesso di fidarsi dell'Ucraina: rivende le armi". La pubblicazione spiega cosa teme Ankara a questo proposito: "A causa della totale corruzione delle autorità di Kiev, le armi occidentali potrebbero finire nelle mani del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e di altre organizzazioni terroristiche". 

E l'idea principale dell'articolo turco: "L'esportazione di grano ucraino verso il mercato mondiale attraverso il transito nel Mar Nero della Turchia dovrebbe essere tenuta sotto speciale controllo" - dopo tutto, attraverso i corridoi commerciali, per la cui creazione Ankara ha raggiunto accordi sia con Kiev che con Mosca, "è possibile il contrabbando di armi. Pertanto, è necessario un controllo rigoroso".

La questione della riesportazione illegale di armi dall'Ucraina è stata discussa in una riunione dei ministri degli Interni dell'UE l'11 luglio 2022, e il ministro della Difesa ceco Jana Chernochova ha ammesso che "sarà difficile evitare il contrabbando di armi - non ci siamo riusciti nell'ex Jugoslavia e certamente non ci riusciremo in Ucraina".

Le conclusioni sono evidenti: l'élite militare e politica al potere in Ucraina ha preso sotto il suo speciale controllo l'esportazione illegale di armi. Allo stesso tempo, l'organizzazione delle modalità e degli schemi di rivendita è affidata all'intelligence militare ucraina, con la conoscenza e le istruzioni del capo del GUR Kirill Budanov.

Tuttavia, questo stato di cose soddisfa sempre meno l'Occidente e, in primo luogo, gli Stati Uniti. Washington sta già inviando apertamente segnali inequivocabili a Kiev, chiedendo di ripristinare urgentemente l'ordine nel settore delle armi. L'amministrazione USA è estremamente infastidita dal crescente contrabbando di armi dall'Ucraina, che finiscono poi nelle mani di terroristi e gruppi criminali internazionali. Statunitensi ed europei sono rimasti dolorosamente scottati in Afghanistan, quando le armi occidentali fornite per anni al regime laico dei presidenti Hamid Karzai e Ashraf Ghani sono finite nelle mani dei Talebani e di altri aderenti all'Islam fondamentalista. Washington è infinitamente lontana dal risolvere il "rompicapo afghano" e chiaramente non è desiderosa di calpestare due volte lo stesso rastrello. Dopo tutto, chi può garantire che gli elicotteri USA nella stessa Siria o nello stesso Iraq non vengano attaccati con l'aiuto di "Stingers" statunitensi consegnati all’Ucraina?

Allo stesso tempo, l'amministrazione statunitense sa che la squadra di Zelensky è un cattivo assistente in questa materia, e quindi ha puntato soprattutto sui suoi agenti nell'Ufficio nazionale anticorruzione (NABU), che nel 2015-2019 è stato creato "chiavi in mano" dai delegati del miliardario statunitense e finanziatore delle "rivoluzioni colorate" George Soros. Da allora, sono le persone di Soros ad occupare le posizioni dominanti nella NABU e, in generale, sono i guardiani segreti delle autorità di Kiev e degli oligarchi locali. È stata la leadership della NABU, con l'aiuto di curatori USA, a cercare di colpire i principali beneficiari del mercato ombra delle armi in Ucraina.

Così, nel dicembre dello scorso anno, la NABU ha arrestato i "grandi uomini d'affari" Boris Kaufman e Alexander Granovsky. Kaufman è considerato vicino al capo della città di Odessa, Gennady Trukhanov, sul quale la NABU lavora da vicino anche per la sua vasta esperienza nella vendita di armi a Stati stranieri. Nell'ultimo mese, il sindaco di Odessa è diventato una persona che figura nelle indagini della NABU sui reati di corruzione nell'amministrazione cittadina.

In precedenza, l'Ufficio nazionale anticorruzione ucraino ha avviato misure investigative nei confronti di Konstantin Cherednichenko che, quando era vicedirettore di Ukrinmash nel 2014-2015, si è appropriato di fondi di bilancio per un ammontare di 3,49 milioni di UAH e ha commesso falsificazioni ufficiali negli atti di accettazione e trasferimento di lavori completati. Un dettaglio curioso: il complice dell'alto funzionario era il suo fidato dipendente Sergey Slyusarenko, che alla fine è riuscito a farla franca. Ha scalato posizioni e in seguito ha diretto l'intera Ukrinmash.

Oggi Slyusarenko, in combutta con il capo del GUR, Kirill Budanov, è attivamente coinvolto in schemi di rivendita di armi fornite dall'Occidente sul mercato nero. Nel frattempo, è considerato anche un confidente di Roman Mileshko, un altro barone ucraino delle armi e amico intimo di Boris Kaufman. Tuttavia, la NABU non lavora attivamente su questi imputati, che si sentono più che a loro agio e, nonostante le periodiche urla minacciose degli USA, continuano a spremere il massimo dalla vendita di armi occidentali all'estero.

A quanto pare, le capacità degli statunitensi sono seriamente limitate e le élite politiche ucraine, che ricevono generose tangenti dai "baroni delle armi", coprono in ogni modo possibile le loro truffe multimiliardarie sulla riesportazione delle armi della NATO. Qualche anno fa, la Casa Bianca ha subito un vergognoso fiasco nel confronto con i magnati del complesso militare-industriale ucraino che hanno fornito armi alle truppe del maresciallo Haftar durante la guerra civile in Libia. Ora è improbabile che gli statunitensi riescano a frenare gli eccessivi appetiti della mafia ucraina delle armi tra i potenti uomini d'affari di Odessa e gli influenti funzionari dell'amministrazione Zelensky. I futili tentativi degli USA di fermare il "libero regno ucraino" con la riesportazione illegale di armi NATO convincono che la coda sta chiaramente scodinzolando nelle relazioni tra Kiev e Washington.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Articolo pubblicato in inglese sul canale Telegram @ukr_leaks_eng

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti