Confine afghano. Il commento di Teheran dopo gli scontri con i Talebani

Confine afghano. Il commento di Teheran dopo gli scontri con i Talebani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro dell'Interno iraniano Ahmad Vahidi ha dichiarato che "al momento non ci sono problemi" al confine con l'Afghanistan e che il valico è aperto al traffico dopo i negoziati con i leader talebani.

Commentando gli scontri mortali di sabato tra guardie di frontiera iraniane e combattenti talebani, Vahidi ha precisato: "C'è stata una sparatoria al confine da parte delle guardie di frontiera afghane e, naturalmente, la nostra risposta è stata data in modo appropriato".

Due guardie di frontiera iraniane e un combattente talebano sono stati uccisi durante uno scontro a fuoco il 27 maggio.

Domenica notte, il comandante delle forze di terra dell'esercito iraniano, generale di brigata Kioumars Heidari, ha avvertito che la Repubblica islamica cambierà approccio se l'Afghanistan non rispetterà le norme internazionali e i principi di buon vicinato.

"Se lo stato confinante rispetta le norme sui confini internazionali, in cambio osserveremo [i principi del] buon vicinato e mostreremo rispetto reciproco", ha detto Heidari durante una visita nella provincia sud-orientale del Sistan e del Baluchistan.

Tuttavia, ha sottolineato che Teheran perseguirà un approccio diverso se i talebani continueranno con le loro provocazioni.

Il vicecapo della polizia nazionale iraniana, Qassem Rezaei, che ieri si è recato anche lui in Sistan e Baluchestan, ha rivelato che ci sono prove che i talebani abbiano avviato gli scontri.

"In qualità di corpo militare e di sicurezza, abbiamo piani per difendere e proteggere i confini in modo che il popolo iraniano possa vivere in piena sicurezza", ha affermato Rezaei.

Tuttavia, il notiziario afghano  TOLO News ha citato i residenti della provincia di Nimroz i quali sostengono che le truppe iraniane hanno aperto il fuoco per prime.

Mentre le tensioni al confine si sono calmate, il primo ministro ad interim dell'Afghanistan, Mawlawi Abdul Kabir , ha confermato che Kabul desidera "buone relazioni basate su buone intenzioni" con tutti i suoi vicini.

I video pubblicati sui social media dai talebani hanno offerto una visione ravvicinata della scaramuccia di sabato, mostrando i miliziani islamisti che utilizzano un veicolo dell'esercito americano armato di una mitragliatrice M240.


Dopo il disastroso ritiro dall'Afghanistan a seguito di un'occupazione ventennale, l'esercito americano ha lasciato almeno 7,12 miliardi di dollari in attrezzature militari, inclusi aerei, veicoli, armi, munizioni e hardware per le comunicazioni.

Nel settembre del 2021, i talebani hanno scoperto due grandi scorte di armi lasciate nascoste dalle forze statunitensi nelle città di Mazer-e-Sharif e Herat.

I depositi contenevano centinaia di migliaia di proiettili, armi, missili e parti di ricambio per elicotteri e sarebbero stati lasciati nel paese come parte di un piano di emergenza nel caso in cui le truppe statunitensi fossero state ridistribuite nel paese, secondo un rapporto dei media britannici.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti