/ Consigliere Erdogan: Gli USA non hanno chiuso lo spazio aereo per...

Consigliere Erdogan: Gli USA non hanno chiuso lo spazio aereo per prevenire gli attacchi degli aerei turchi in Siria

 

Il Pentagono, tuttavia, aveva escluso Ankara da un meccanismo di coordinamento del volo per evitare di beneficiare della sorveglianza aerea e dei dati di ricognizione.


Gli Stati Uniti non hanno intrapreso azioni per chiudere lo spazio aereo nel nord della Siria e impedire agli aerei turchi di effettuare attacchi in quella zona, secondo Gülnur Aybet, consigliere del presidente Recep Tayyip Erdogan in materia di sicurezza.

 
In risposta ad una domanda della giornalista della CNN, che ha menzionato i recenti annunci di Washington sulle misure restrittive aeree per Ankara, la funzionaria ha sottolineato che l'aviazione del suo paese ha già effettuato missioni contro le posizioni curde.
 
"Bene, in questo momento, come puoi vedere, stiamo effettivamente attaccando, anche dall'alto", ha detto Aybet.

 
In precedenza, il Pentagono aveva escluso la Turchia dal cosiddetto ordine di assegnazione di missioni aeree che i membri della coalizione antiterroristica guidata dagli Stati Uniti impiegano per operare nei cieli siriani.
 
La misura rende impossibile ad Ankara l'accesso ai dati di sorveglianza e ricognizione raccolti dalla coalizione, rendendo difficile lo svolgimento delle operazioni aeree. Tuttavia, il Dipartimento della Difesa non ha menzionato esplicitamente alcun divieto di volo.
 
"Se non sei nell'ordine di assegnazione, è molto difficile coordinare i voli in quella zona", ha spiegato Carla Gleason, portavoce del Pentagono, citata da Anadolu.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa