Consiglio Internazionale dei Portuali: Bloccare navi con armi per Israele

Consiglio Internazionale dei Portuali: Bloccare navi con armi per Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Consiglio internazionale degli scaricatori di porto - IDC, maggioritario nei porti dei 5 continenti e con sede a Barcellona, ??chiede di non lavorare su navi che gestiscono merci di guerra destinate a massacrare civili e bambini in Palestina. Lo ha reso pubblico un recente comunicato diffuso dall'organizzazione internazionale che raggruppa la maggioranza dei lavoratori dello stivaggio.

Allo stesso modo, il Consiglio internazionale degli scaricatori di porto-IDC, "condanna fermamente il massacro che è in corso contro il popolo palestinese per mano di Israele e fa un appello urgente alla pace e al dialogo, rispettando gli accordi e le leggi internazionali che governano la zona una volta e per tutti ".

Come affermato in tale dichiarazione, si ricorda che “non possiamo restare a guardare senza alzare la voce di fronte a tali abusi sui civili e sui bambini. 

Allo stesso modo, condanniamo la detenzione illegale del collega leader sindacale Ashraf Al-War e ricordiamo che qualsiasi forma di protesta pacifica deve essere rispettata come diritto fondamentale. Senza andare oltre, oggi, 18 maggio, vi incoraggiamo a partecipare allo sciopero generale nel centro storico della Palestina, contro le politiche di pulizia etnica del governo israeliano nel quartiere di Sheikh Jarrah, a Gerusalemme; per gli attacchi alla Moschea di al-Aqsa e per i selvaggi bombardamenti che sta subendo la Striscia di Gaza. Incoraggiamo anche gli stati, membri o meno delle Nazioni Unite e che potrebbero avere una certa influenza sul processo di pace in Palestina e Israele,

L'organizzazione IDC “invita tutti i lavoratori portuali a mostrare la loro solidarietà, dimostrata tante volte in tanti conflitti. Non possiamo permetterci di essere complici di questa violenza da navi da lavoro che gestiscono merci belliche destinate a massacrare civili e bambini ”. E ribadiscono con enfasi: “Non permettiamo che ciò macchi il nostro nome o offuschi le nostre coscienze. È nelle lotte e nelle sconfitte che si impara a essere solidali e ad avere empatia per i gruppi che subiscono disuguaglianze e abusi. L'unico modo per vincere questa guerra è con la solidarietà e l'empatia di tutti ”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia