Coronavirus, il governo può e deve sforare il deficit per l'emergenza sanitaria

Coronavirus, il governo può e deve sforare il deficit per l'emergenza sanitaria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Kartana


Esiste una norma europea che consente in caso di calamità naturali o emergenze varie di aumentare il deficit. Conte non pervenuto, intento a spartirsi le nomine con Renzi. Gualtieri muto. Chi ha parenti o amici che lavorano nella sanità sa perfettamente che c è carenza fortissima di medici, infermieri, tecnici e ausiliari.

La sanità dal 2011 ha avuto un taglio di 37 miliardi. In cambio abbiamo regalato decine di miliardi alle aziende. Se perfino Vincenzo Visco scrive su il sole 24 ORE di otto giorni fa che occorre tagliare gli incentivi alle aziende e destinarli alla sanità significa che il colmo è raggiunto.

Quel che devono fare i parlamentari sensibili al bene pubblico è chiedere innanzitutto al Governo di sforare il deficit causa emergenza, destinare non meno di 20 miliardi alla sanità, costringere le aziende sanitarie a stabilizzare e internalizzare tutti i precari e bandire altri concorsi.


 È ora che dopo 26 anni lo Stato si riappropri delle proprie funzioni e investa in servizi sanitari, edilizia sanitaria, potenziamento del personale e ruolo pubblico della sanità. Qualcosa si è fatto con il decreto milleproroghe in termini di stabilizzazione e vi è poi una norma in base al quale due miliardi dell'avanzo di bilancio dell'Inail viene destinato ad edilizia sanitaria. Ma non basta, occorre diminuire drasticamente la spesa sanitaria privata accreditata e potenziare fortemente il pubblico.

Tutti i governi degli ultimi 26 anni hanno disatteso il precetto costituzionale della salute come bene pubblico. Occorre ritornare ai valori del SSN della partigiana Tina Anselmi che nel 1978 rese universale la sanità.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti