Cosa potrebbe comportare la proposta di cessate il fuoco dell’UE fatta dai “tre grandi”?

Cosa potrebbe comportare la proposta di cessate il fuoco dell’UE fatta dai “tre grandi”?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I “tre grandi” arrivano a Kiev

I Primi Ministri francese, tedesco e italiano sono arrivati a Kiev giovedì dopo un notevole cambiamento nella narrazione dei media occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM) riguardo all’operazione militare speciale della Russia in corso in Ucraina. La “pornografia della vittoria”, in cui si fantasticava che il loro Stato cliente stesse vincendo la guerra per procura della NATO contro la Russia, è scomparsa in modo evidente ed è stata sostituita da valutazioni molto più realistiche sull’imminente vittoria di Mosca nella battaglia per il Donbass. Zelensky ora teme apertamente che gli alleati occidentali facciano pressione sul suo Paese per indurlo a fare concessioni per porre fine al conflitto, soprattutto dopo che una rapida sequenza di eventi ha appena dato forza alle sue preoccupazioni.

Negoziati segreti, giochi di colpe e concessioni territoriali

Innanzitutto, pochi giorni prima dei commenti del leader ucraino, la CNN ha riferito che l’Occidente stava già definendo alle sue spalle i dettagli di un potenziale cessate il fuoco. Poco dopo che Zelensky ha condiviso le sue preoccupazioni, Biden lo ha incolpato di non aver ascoltato le informazioni statunitensi che avrebbero avvertito che la Russia si stava preparando per l’operazione speciale, il che implica che il leader ucraino e non quello americano è da biasimare per qualsiasi territorio che alla fine sarà costretto a cedere. Il giorno dopo, il Segretario Generale della NATO ha dichiarato che Kiev deve chiedersi quanto territorio è disposta a concedere per la pace, seguito all’inizio della settimana da un articolo di Politico che esorta gli Stati Uniti a negoziare proprio su questo.

Il popolare account Twitter di Visegrad 24 roportando del viaggio a Kiev aveva ipotizzato che i “tre grandi” dell’UE avrebbero cercato di “esercitare pressioni affinché venisse accettato un accordo di pace ‘Minsk 3’, rinunciando a un maggior numero di territori”. Dato che questi leader sono arrivati nella capitale ucraina proprio giovedì, è opportuno chiedersi che cosa potrebbe comportare la loro presunta proposta di cessate il fuoco, soprattutto considerando il fatto che la rapida sequenza di eventi che ha preceduto la loro visita suggerisce fortemente che essi si siano effettivamente recati lì per lo scopo previsto da Visegrad 24. Prima di farlo, però, è importante rivedere brevemente lo stato degli affari strategico-militari in quel Paese.

Il gioco finale previsto da Mosca

La vittoria della Russia nella battaglia per il Donbass sembra inevitabile, l’unica domanda è quando avverrà. È anche importante notare che il ministro degli Esteri Lavrov ha dichiarato alla fine del mese scorso che la liberazione dell’intero territorio di queste due repubbliche recentemente indipendenti è una “priorità incondizionata” per il suo Paese, il cui significato sarà presto ripreso quando si ricorderanno gli altri obiettivi della Russia in questo conflitto. Inoltre, anche le regioni di Kherson e Zaporozhye dell’ex Ucraina meridionale sono state liberate e hanno già annunciato l’intenzione di riunirsi alla loro Patria storica, mentre quasi metà della regione di Kharkhov è stata liberata e probabilmente si unirà a loro.

Per quanto riguarda gli obiettivi di Mosca nel conflitto, essi riguardano: la piena liberazione del Donbas; la smilitarizzazione e la denazificazione della nuova Ucraina; la garanzia della neutralità costituzionale dell’ex Repubblica sovietica. Il primo sarà probabilmente completato al più tardi entro la fine dell’estate; il secondo è stato ufficialmente raggiunto distruggendo il suo complesso militare-industriale alla fine di marzo, mentre rimane ufficiosamente non realizzato a causa dell’afflusso di armi occidentali; il terzo ha visto simbolicamente il famigerato Battaglione Azov sconfitto nella sua città natale, sebbene altri fascisti rimangano nell’Ucraina russa e i suoi libri scolastici continuino a promuovere la storia revisionista fascista; e l’obiettivo finale non ha ancora visto alcun progresso.

Il quadro generale

Il contesto più ampio in cui si sono svolti gli affari strategico-militari in Ucraina, mentre la Russia persegue i suoi obiettivi in quel conflitto, è che l’UE è sprofondata in una massiccia crisi economica causata dal suo “disaccoppiamento” forzato dalla Grande Potenza eurasiatica sotto la pressione americana. Francia, Germania e Italia – i “Tre Grandi” dell’UE – devono urgentemente stabilizzare la situazione per evitare che la conseguenza a lungo termine di questa crisi sia la perdita di competitività globale a favore dell’Asia che è già in corso, ma che potrebbe accelerare nei prossimi anni. Dal punto di vista americano, mentre alcune forze vogliono continuare la guerra per procura a tempo indeterminato, altre come Kissinger sollecitano una rapida risoluzione.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale ritiene che il risultato da lui proposto sia l’unico modo per evitare che la Russia cada sotto l’influenza della Cina, una previsione che non è oggettivamente accurata se si considera che l’India ha decisamente scongiurato questo scenario, ma che può comunque ispirare un senso di urgenza nel porre fine al conflitto per mantenere una parvenza del vecchio paradigma di equilibrio di potere attraverso il quale l’Occidente ha operato per secoli. Tenendo presente il precedente rapporto della CNN, il biasimo di Biden nei confronti di Zelensky e la convinzione del capo della NATO che Zelensky debba concedere un po’ di territorio come parte di un accordo di pace, è quindi molto probabile che i “Tre Grandi” abbiano spinto per un cessate il fuoco mentre erano a Kiev.

Speculazione sul cessate il fuoco

Questo non garantisce automaticamente che la notizia venga riportata, né che vengano rivelati dettagli anche se la notizia di questa proposta dovesse trapelare, ma solo che c’è un’alta probabilità che questo sia stato il vero scopo della loro visita. Sebbene il contenuto non potrà mai essere conosciuto con certezza, è comunque possibile fare alcune congetture istruttive su ciò che potrebbe comportare, tenendo presente lo stato degli affari strategico-militari in Ucraina, gli obiettivi della Russia e le preoccupazioni economiche dell’Europa. Quelle che seguiranno sono, ovviamente, congetture sul possibile cessate il fuoco che i “Tre Grandi” potrebbero avere presentato a Zelensky durante il loro viaggio a Kiev, il che ovviamente non significa che lui o la Russia lo accetteranno.

La “priorità incondizionata” della Russia per la pace

In ogni caso, non c’è dubbio che la Russia debba assolutamente soddisfare la sua autodefinita “priorità incondizionata” di liberare l’intero Donbass prima di prendere in considerazione la revisione di un eventuale cessate il fuoco. Poiché si tratta di un fatto compiuto che molto probabilmente sarà raggiunto al più tardi entro la fine dell’estate, l’unica questione è il mezzo con cui ciò avverrà. Oltre all’ovvio mezzo militare che Mosca sta attualmente impiegando, una possibilità, per quanto debole, è che Zelensky si lasci convincere dagli incentivi economici postbellici promessi dai “Tre Grandi” (come il reindirizzamento di parte dei beni esteri rubati dalla Russia verso la ripresa del Paese) a ritirarsi dal Donbass senza replicare lo scenario di Mariupol.

Se accetta, è possibile che entrambe le parti in conflitto accettino di congelare la lunga linea di controllo che attraversa il fronte orientale e meridionale da Kharkov a Kherson, ma se non lo fa, il Donbass dovrà essere liberato con mezzi militari. In ogni caso, il punto è che la Russia potrebbe prendere in considerazione un cessate il fuoco al momento della piena liberazione della regione, ma sicuramente non prima. Questo scenario porta naturalmente a chiedersi come Mosca potrebbe realizzare gli altri obiettivi che non sono ancora stati completamente raggiunti, come garantire la smilitarizzazione, la denazificazione e la neutralità costituzionale dell’ex Repubblica Sovietica.

Smilitarizzazione e denazificazione

Per quanto riguarda il primo punto, è possibile che l’Occidente accetti di onorare gli accordi di armamento esistenti con Kiev, ma di non stipularne altri dopo il raggiungimento del cessate il fuoco. Le armi pesanti straniere potrebbero quindi essere gradualmente ritirate presso i Paesi di origine, in fasi successive, nel corso dei negoziati per un accordo di pace globale. Questo patto potrebbe anche includere un accordo per non ricostruire il complesso militare-industriale della nuova Ucraina, in cambio del mantenimento di alcuni armamenti leggeri e della “protezione” da parte di soggetti interessati alla sicurezza come Stati Uniti, Regno Unito, Polonia e Turchia nel caso in cui scoppiasse un altro conflitto. Questo potrebbe essere un compromesso sufficiente a soddisfare gli obiettivi di Kiev e Mosca.

Sarà invece più difficile raggiungere un accordo sul fronte della denazificazione, dal momento che Kiev e i suoi alleati non riconoscono nemmeno questo obiettivo come legittimo. Tuttavia, il processo del Battaglione d’Azov alle Repubbliche del Donbass, simile a quello di Norimberga, potrebbe rappresentare una vittoria simbolica per Mosca, anche se ciò non risolverebbe i suoi problemi nella nuova Ucraina. Sebbene non sia possibile per la Grande Potenza eurasiatica eliminare in tempi brevi questa minaccia nella sua interezza con mezzi militari, essa può comunque tentare di ricorrere a mezzi diplomatici per indurre l’Occidente a fare pressione su Kiev affinché ripristini i diritti dei russofoni, sciolga quelli che i suoi procuratori considerano “battaglioni nazionalisti” e restituisca la verità storica nei suoi libri di testo.

Spiegazione della proposta di pace a tappe

Naturalmente, il diavolo si nasconde nei dettagli e la Russia dovrà essere creativa per perseguire questo obiettivo con mezzi diplomatici, ma non c’è dubbio che sia importante per garantire in modo sostenibile i suoi interessi di sicurezza nazionale a lungo termine dopo l’inevitabile conclusione del conflitto (quando mai avverrà). Una possibilità è un processo graduale nell’ambito dei negoziati per un accordo di pace globale, proprio come è stato proposto per la smilitarizzazione del Paese. Mentre la Russia potrebbe giustamente diffidare dell’approccio graduale e sospettare che i suoi avversari stiano solo guadagnando tempo per riarmarsi prima di riavviare il conflitto, c’è qualcosa di intelligente che i “Tre Grandi” potrebbero proporre per addolcire questo possibile aspetto dell’accordo.

Si tratta dell’attuazione modificata del loro “disaccoppiamento” forzato dalla Russia, in base al quale ridurrebbero la percentuale di importazioni di energia vogliono eliminare gradualmente entro le date già dichiarate ma rinvierebbero la percentuale esistente a una data successiva. L’UE e la Russia ne trarrebbero reciproco vantaggio, dal momento che persino un parlamentare polacco ha recentemente ammesso che il blocco ha imposto troppe sanzioni, e per di più troppo in fretta, prima ancora che i suoi leader avessero il tempo di riflettere a fondo. Dal punto di vista dei loro interessi economici, si tratterebbe di una proposta di costruzione della fiducia reciprocamente vantaggiosa, che potrebbe convincere Mosca.

Lo stesso si può dire per quanto riguarda l’obiettivo finale della Russia di garantire la neutralità costituzionale della nuova Ucraina. La NATO ha già scartato l’ipotesi di un’imminente adesione poco dopo l’inizio del conflitto, per cui è possibile che abbia finalmente imparato la lezione e sia quindi più propensa a fare pressione sul proprio mandatario affinché attui le riforme richieste da Mosca. In tutto questo, gli osservatori non dovrebbero dimenticare che la Turchia sta lavorando attivamente per mediare un accordo per un “corridoio di grano” con la Russia e Kiev, che potrebbe essere incluso nella proposta di cessate il fuoco ipotizzata dai “Tre Grandi”, al fine di renderlo un pacchetto completo che abbia il massimo impatto se accettato da entrambi.

Ostacoli e opportunità

Per quanto promettente possa sembrare sulla carta questa proposta di cessate il fuoco, ci sono alcuni ostacoli molto pratici che potrebbero renderne difficile l’attuazione. In primo luogo, la fazione più guerrafondaia delle burocrazie militari, d’intelligence e diplomatiche permanenti degli Stati Uniti (“deep state”) potrebbe sabotare questo processo tramandocon Kiev un attacco con armi chimiche, false flag, o semplicemente ordinando ai neonazisti loro alleati, che hanno praticamente trasformato Zelensky in un “ostaggio di palazzo”, di minacciarlo se dovesse prendere in considerazione l’idea di accettare la proposta di cessate il fuoco dei “Tre Grandi”. Va da sé che Mosca potrebbe anche non essere interessata se presto raggiungerà un’importante svolta militare.

A parte che, tuttavia, la Russia potrebbe almeno ripensare la liberazione del Donbass, sia con i mezzi militari che si aspetta di continuare a impiegare a tal fine e sia nell’improbabile eventualità che Zelensky sia convinto a ritirarsi dalla regione senza replicare lo scenario Mariupol in cambio di generosi incentivi economici da parte dell’UE. Per addolcire questo possibile accordo da parte sua, la Russia potrebbe invertire la sua nuova posizione verso l’ingresso dell’Ucraina nell’UE a condizione che venga gradualmente smilitarizzata secondo la proposta graduale suggerita in questa analisi. L’accordo eliminerebbe le preoccupazioni di Mosca sull’adesione di Kiev.

Meccanismi di verifica multilaterale

La smilitarizzazione e la neutralità costituzionale della nuova Ucraina potrebbero essere più facili da raggiungere con mezzi diplomatici rispetto alla denazificazione, che è molto più difficile se si considera che coinvolge anche processi socio-politici che non possono essere completati con mezzi puramente diplomatici o militari, tanto meno a breve termine. Tuttavia, considerando l’importanza primaria di questa questione per garantire gli interessi di sicurezza nazionale a lungo termine della Russia, è improbabile che il Cremlino scenda a compromessi, anche se potrebbe accettare una proposta graduale verificata attraverso meccanismi multilaterali a cui partecipino i suoi rappresentanti insieme ad altri come parte di un accordo di compromesso per la fine del conflitto.

I colloqui precedenti tra Mosca e Kiev a Istanbul hanno riguardato la questione dei “garanti della sicurezza” dell’Ucraina postbellica, che potrebbero in prospettiva partecipare ai meccanismi multilaterali di verifica della smilitarizzazione e della denazificazione dell’ex Repubblica sovietica. La sua inevitabile neutralità costituzionale dovrebbe essere data per scontata perché la Russia possa accettare di partecipare a queste strutture, ma, come scritto in precedenza, la NATO potrebbe sostenere questo risultato, soprattutto se alcuni dei suoi membri sono gli stessi “garanti della sicurezza” richiesti da Kiev. Inoltre, la modifica dell’attuazione delle sanzioni anti-russe da parte dell’UE potrebbe indurre Mosca a prendere seriamente in considerazione questo pacchetto di accordi.

Considerazioni conclusive

Per concludere, nessun lettore deve avere la falsa impressione che quanto scritto in questa analisi sia garantito, né che rifletta il finale preferito dall’autore. Piuttosto, si deve ricordare che si tratta semplicemente di una previsione di scenario che specula sul contenuto di quella che potrebbe essere la proposta di cessate il fuoco che i “Tre Grandi” dell’UE hanno portato con sé a Kiev, dopo i forti accenni in tal senso da parte degli organi di stampa nelle ultime settimane. Lo scopo della pubblicazione di questo articolo è quello di generare una discussione rispettosa sulla possibilità di porre fine al conflitto ucraino attraverso la diplomazia e sui compromessi che tale risultato potrebbe comportare per tutte le parti.

(Articolo pubblicato in inglese su One World - Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti