Di chi è la colpa per l'attacco all'ospedale pediatrico di Mariupol?

Di chi è la colpa per l'attacco all'ospedale pediatrico di Mariupol?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La verità dietro questo incidente deve ancora essere determinata, ma gli osservatori dovrebbero essere estremamente cauti nel prendere tutto ciò che i media mainstream affermano come un dato di fatto. Piuttosto, dovrebbero avere abbondante scetticismo verso tutto ciò che l'Occidente guidato dagli Stati Uniti e i loro delegati ucraini affermano perché le dinamiche militari-strategiche sono sempre state decisamente contro Kiev, quindi c'è motivo di credere che i fascisti siano diventati abbastanza disperati da fare l'apparentemente impensabile.

L'Occidente guidato dagli Stati Uniti e i suoi delegati a Kiev hanno condannato a gran voce quello che affermano essere stato un attacco della Russia contro l'ospedale pediatrico di Mariupol, sfruttando questo ultimo evento come pretesto per esercitare ancora più pressione sulla Grande Potenza eurasiatica. Ciò include rinnovati appelli da parte di alcuni per una cosiddetta "no-fly zone" che rischia pericolosamente di provocare la terza guerra mondiale che il presidente Putin ha evitato per un pelo attraverso il tempestivo inizio della sua operazione militare speciale in Ucraina. Il primo vice rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, nel frattempo, ha twittato: "Così nascono le Fake news. Abbiamo avvertito nella nostra dichiarazione del 7 marzo che questo ospedale è stato trasformato in un presidio militare dai radicali. È molto inquietante che le Nazioni Unite diffondano queste informazioni senza verifica”.

Non è chiaro esattamente cosa sia successo e chi sia la colpa, ma diverse possibilità sembrano essere le più probabili. In primo luogo, non è realistico credere che la Russia avrebbe deliberatamente attaccato l'ospedale. Il presidente Putin è stato chiaro nel suo articolo della scorsa estate "Sull'unità storica di russi e ucraini" che si tratta di due popoli fratelli. Le cifre ufficiali delle vittime riportate dalla Russia della scorsa settimana sono in gran parte attribuibili al suo principio di condurre una guerra pulita in base alla quale vengono intrapresi tutti gli sforzi per limitare le vittime civili e i danni collaterali. Le forze armate russe (RAF) sono state messe in pericolo mentre neutralizzavano direttamente quelle armi pesanti che le forze nazionaliste fasciste di Kiev hanno dispiegato irresponsabilmente nelle aree residenziali invece di colpirle da lontano e rischiare vittime civili.

La denazificazione della società ucraina non può essere realizzata in modo sostenibile attaccando deliberatamente i civili e le loro infrastrutture per timore che la popolazione disperata diventi ancora più suscettibile alla narrativa fascisti in risposta. Sarebbe quindi controproducente per la Russia uccidere madri, piccoli e bambini non ancora nati, quindi nessuno dovrebbe dare credito alle false affermazioni propagate dai Media Mainstream Occidentali (MSM) guidati dagli Stati Uniti secondo cui la RAF ha appena commesso un tale crimine di guerra. L'operazione speciale ha lo scopo di liberare il paese dal giogo fascista che gli è stato imposto dall'esterno dopo il colpo di Stato della Rivoluzione Colorata "EuroMaidan" del 2014 sostenuto dagli Stati Uniti, seguito a settimane di terrorismo urbano nel paese.

Basandosi su questa visione, non si può escludere in questa fase che una delle munizioni a guida di precisione della Russia possa aver accidentalmente virato fuori rotta poiché è impossibile aspettarsi che ogni attacco colpisca sempre perfettamente il suo obiettivo militare. È ancora troppo presto per determinare se sia successo, ergo perché Polyansky ha chiesto la verifica dell'incidente, ma quel possibile scenario in ogni caso non costituirebbe il cosiddetto "attacco deliberato" che il MSM rivendica. Gli osservatori dovrebbero ricordare che la conduzione della guerra moderna da parte di Stati responsabili come la Russia è intesa per essere il più umana possibile, da qui l'uso di munizioni a guida di precisione, ma gli incidenti si verificano ancora. Ancora una volta, non è chiaro se sia quello cosa sia successo con questo incidente, ma dovrebbe comunque essere tenuto a mente.

La prossima possibilità da considerare è che le forze nazionaliste fasciste di Kiev a Mariupol abbiano militarizzato la struttura esattamente come ha affermato Polyansky, indipendentemente dal fatto che abbiano prima evacuato o meno coloro che si trovavano al suo interno. Gli scettici potrebbero deridere questa affermazione, ma in realtà c'è qualche sostanza fattuale a sostegno. Il 25 febbraio il presidente Putin ha rivelato che Kiev stava dispiegando armi pesanti nelle aree residenziali allo scopo di “far sì che i sistemi di attacco russi rispondessero al fuoco sparando sui quartieri residenziali. In sostanza, agiscono allo stesso modo dei terroristi in tutto il mondo: usano le persone come scudo, cercando di incolpare in seguito la Russia per le vittime civili”. "Tutte queste cose stanno accadendo su raccomandazione di consulenti stranieri, principalmente consulenti statunitensi".

Questa strategia immorale di sfruttare i civili come scudi umani continua nel presente ed è attivamente impiegata a Mariupol secondo il Centro di gestione della difesa nazionale russo. Ha denunciato che "le autorità ucraine hanno utilizzato risorse Internet e televisione per informare male i residenti di Mariupol sul rinvio dell'evacuazione a causa della presunta mancata osservanza del cessate il fuoco da parte russa. È una bugia totale e un tradimento della propria gente. In particolare, le truppe ucraine hanno aperto il fuoco contro le posizioni delle forze russe nel momento concordato per un corridoio umanitario. Queste provocazioni chiariscono che le autorità di Kiev stanno deliberatamente eludendo l'attuazione degli accordi e continuano le loro azioni criminali usando i civili come scudo umano”.

Il Centro di Gestione ha aggiunto che “a Mariupol, i neonazisti dei battaglioni di difesa territoriale stanno nuovamente utilizzando le tattiche di operazioni di combattimento dei terroristi. Usano i civili come scudo umano e schierano armi pesanti nei complessi residenziali e tengono i residenti all'interno con la forza”. Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha successivamente confermato che quello stesso giorno, "verso le 17:00 ora di Mosca, le forze della DPR [Repubblica Popolare di Donetsk] si sono confrontate con un'unità di nazionalisti armati ucraini in Victory Avenue a Mariupol. I militanti stavano spingendo più di 150 civili davanti a loro, usandoli come scudo umano”. Il Centro di coordinamento della risposta umanitaria inter-agenzia russa ha anche riferito che Kiev ha impedito ai civili di accedere al corridoio umanitario di Mariupol.

Inoltre, TASS ha citato la dichiarazione di Konashenkov di lunedì in cui affermava che "le persone si nascondono negli scantinati. Poiché nelle loro case non c'è elettricità e gas, devono cucinare i pasti sul fuoco per strada. I militanti li disperdono. I nazionalisti aprono il fuoco su tutti i civili che cercano di lasciare le loro case”, compresi quelli che portano avvertimenti come “Non sparate, i bambini sono qui!” Martedì, il capo del Centro di controllo della difesa nazionale russo, il colonnello generale Mikhail Mizintsev, ha rivelato che "rappresentanti ufficiali delle autorità di Kiev e dei sindaci delle città hanno ricevuto ordini severi di non consentire nemmeno un solo tentativo di evacuazione nella Federazione Russa", incluso da Mariupol. Ha anche affermato che "Tutte le decisioni principali (nel paese in questo momento) vengono effettivamente prese dai nazionalisti e dai loro complici".

Questi rapporti ufficiali aumentano la credibilità all'affermazione di Polyansky secondo cui i fascisti avrebbero trasformato l'ospedale in un presidio militare, il che sarebbe coerente con il loro impiego di civili come scudi umani e le violazioni sfrenate dei diritti umani dei propri cittadini, come è stato spiegato in precedenza. Questo a sua volta suggerisce che la Russia potrebbe aver colpito quella che all'epoca era veramente una struttura militare per legittima difesa, sebbene tale interpretazione degli eventi non sia stata confermata. C'è anche un'altra possibilità, che è certamente molto speculativa ma non può nemmeno essere scontata, ed è che tutto non è come sembra, per usare un eufemismo. Prima di procedere allo scenario finale, è importante ricordare al lettore le accuse ufficiali del governo degli Stati Uniti contro la Russia all'inizio di febbraio.

Il portavoce del Pentagono John Kirby all'epoca affermò che la Russia avrebbe organizzato un attacco sotto falsa bandiera contro il suo stesso popolo da pretesto per lanciare un intervento convenzionale in Ucraina. Secondo le sue dichiarazioni, "Come parte di questo falso attacco, crediamo che la Russia produrrà un video di propaganda con cadaveri e attori che dovrebbero rappresentare persone in lutto e immagini di luoghi distrutti, nonché attrezzature militari per mano dell'Ucraina o in Occidente, fino al punto in cui alcune di queste apparecchiature sarebbero state fatte sembrare fornite in Occidente... all'equipaggiamento dell'Ucraina". Fino a quel momento era tabù parlare pubblicamente di attacchi false flag, ma nientemeno che il Pentagono ha normalizzato tale discorso e quindi ha reso accettabile specularci.

Considerando la ritrovata legittimità del discorso false flag nel contesto dell'attuale conflitto, nessuno può escludere che le forze fasciste di Kiev possano aver attaccato l'ospedale di Mariupol (indipendentemente dal fatto che lo abbiano evacuato prima o meno) nel disperato tentativo di coinvolgere la Russia in crimini di guerra e anche per spingere la loro pericolosa proposta di "no-fly zone". Le false flag sono tattiche su cui nessuna parte ha il monopolio esclusivo, il che significa che qualsiasi parte può potenzialmente metterle in scena se ha la volontà e le risorse politiche. Visto quanto sia diventata disperata Kiev, come evidenziato dall'appello urgente del suo ministro degli Esteri per migliaia di mercenari stranieri l'altra settimana, c'è una certa logica nell’ipotizzare che abbia inscenato questo attacco in un modo simile a come il Pentagono ha falsamente ipotizzato che la Russia avrebbe potuto fare, persino utilizzando attori.

Dopotutto, il filmato che sta circolando in tutti i MSM e pretende di essere di quell'incidente è davvero "molto grafico", proprio come Kirby aveva previsto che sarebbe stato il video false flag della Russia. Le persone “a lutto” potrebbero anche essere "attori", proprio come aveva affermato che la Russia avrebbe fatto per i propri fini, anche se questa volta sarebbe Kiev a perseguire i suoi interessi strategici. Qualunque cosa possa essere presentata come presunta prova di un "attacco russo" potrebbe solo "essere fatta sembrare com'era" anche se, ancora una volta, non è esattamente come Kirby sosteneva che la Russia stesse progettando, anche se questa volta sarebbe Kiev ad aver organizzato questa false flag. Naturalmente, è diritto di tutti considerare questa speculazione come pura sciocchezza, ma dovrebbero anche condannare la simile speculazione di Kirby nell'interesse della coerenza.

Per essere assolutamente chiari, l'autore non sostiene apertamente che l'incidente dell'ospedale Mariupol sia stato un attacco sotto falsa bandiera orchestrato da Kiev e dai suoi finanziatori occidentali guidati dagli Stati Uniti, ma solo che questa teoria merita di essere accettata in tutta franchezza poiché le stesse persone affermano che la Russia fosse dietro probabilmente si aspettava anche che quel paese avrebbe organizzato il proprio attacco sotto falsa bandiera all'inizio del mese scorso, secondo il portavoce del Pentagono. Si tratta di una tattica che può essere utilizzata da chiunque abbia la volontà politica e le risorse, entrambe cose che Kiev ha in abbondanza, in particolare il supporto dei media globali per propagare una falsa narrazione.

Qualunque sia il caso, e il mondo potrebbe non saperlo mai con certezza dal momento che l'Occidente guidato dagli Stati Uniti ha interesse a propagare le sue affermazioni infondate e premature secondo cui la Russia è responsabile di una cosiddetta "atrocità", non c'è dubbio che questo incidente rappresenti una pietra miliare nella guerra d'informazione contro l'operazione speciale della RAF in Ucraina. È praticamente un copia e incolla di ciò che hanno affermato che la Russia stava facendo in Siria negli ultimi sei anni e mezzo, il tutto non è mai stato supportato da alcuna prova incontestabile ed è rimasto nel regno della speculazione provocatoria propagata per interesse a fini narrativo-strategici. Lo stesso sta accadendo in questo momento con l'incidente all'ospedale di Mariupol, quindi tutti dovrebbero rimanere vigili e non lasciarsi ingannare dalle notizie false dei MSM.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe