/ Elezioni midterm Usa, 8 candidati progressisti da tenere d'occhio

Elezioni midterm Usa, 8 candidati progressisti da tenere d'occhio

 


teleSUR
 

Le elezioni di medio termine degli Stati Uniti si terranno il 6 novembre. Quest'anno, diversi candidati progressisti hanno raggiunto il ballottaggio cambiando lo scenario elettorale. La maggior parte delle persone andrà alle urne martedì, tuttavia, in 37 Stati hanno già avuto inizio i processi di voto anticipato.

 

I due anni trascorsi dall'elezione del presidente Donald Trump hanno innescato un'indagine politica su ciò che il paese rappresenta e sui suoi valori nazionali. La retorica disumanizzante dell’estrema destra degli Stati Uniti ha spinto nuovi candidati a emergere, guidando e ispirando le persone ad affrontare problemi intransigenti, come le disuguaglianze di reddito, più che raddoppiate negli ultimi 30 anni; la guerra diventata uno stato interminabile che costa trilioni di dollari; il consolidamento dello strapotere delle corporations attraverso leggi che ne aumentano i privilegi; e la crescente criminalizzazione degli immigrati.

 

teleSUR ha compilato una lista di candidati che stanno rinvigorendo la sinistra del paese focalizzandosi sulla giustizia economica e l'uguaglianza sociale.

 

Alexandria Ocasio-Cortez

Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti - New York - 14° distretto



 

Alexandria Ocasio-Cortez, un fiero membro dei Democratic Socialists of America (DSA), ventinovenne originaria del Bronx, ha dimostrato che è possibile vincere tenendo fede ai valori che parlano a classi diseredate e disilluse senza nemmeno avere milioni di dollari. 

 

La sua piattaforma deriva dalla sua educazione ‘working-class’ e include università pubbliche gratuite, un sistema sanitario a pagamento unico (Medicare per tutti) e l'abolizione dell'U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE). Sostiene inoltre, a titolo apologetico, la comunità LGBTQ +, Black Lives Matter e una Palestina libera e indipendente.

 

L'ambiente ha un peso notevole nella sua agenda, riconoscendo le terribili conseguenze dei cambiamenti climatici per il mondo intero. In un recente intervento, Ocasio-Cortez ha invocato un passaggio totale qlle energie rinnovabili e ha anche caratterizzato il cambiamento climatico come una lotta nazionale che dovrebbe unire il paese su una scala comparabile ai tempi della guerra per spingere verso la creazione di posti di lavoro verdi, ricerca e progresso tecnologico.

 

Parlando ad un evento presso la sua università di Boston, a ottobre, ha esortato gli studenti "a diventare attivisti per la giustizia sociale, nonostante le avversità”, aggiungendo “non potevo più sopportare di essere senza speranza, quindi ho scelto di fare qualcosa”. Ocasio-Cortez parla a una generazione di persone politicamente ciniche che consideravano irrimediabilmente la politica come una legge naturale e immutabile. La scintilla che ha creato pronunciando la sua verità ha illuminato gli spazi vuoti della politica che una nuova generazione può iniziare a riempire.

 

Si prevede che vinca contro il candidato repubblicano Anthony Pappas alle elezioni generali del 6 novembre 2018 e, se lo farà, aggiungerà la sua voce a coloro che spingono per la giustizia economica e sociale nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti.

 

Julia Salazar

NY State Senate - New York - 18th District



 

Julia Salazar è membro di spicco del DSA e sta conducendo un'elezione incontrastata per il Senato dello Stato di New York. Per vincere la nomination ha fatto campagna per alloggi a prezzi accessibili - il suo distretto a North Brooklyn sta attualmente vivendo una crisi abitativa con persone della classe lavoratrice che lottano per vivere una vita dignitosa di fronte a rendite altissime; contro la criminalizzazione degli immigrati e, spingendo per i diritti di base come le patenti di guida, i diritti di voto statali e locali e l'accesso all'assistenza sanitaria indipendentemente dallo status giuridico; e per un’assistenza sanitaria di New York che garantisca l'accesso ai servizi sanitari a tutti, indipendentemente dal reddito.

 

"Gli Stati Uniti sono il paese più ricco del mondo, eppure siamo anche l'unico paese in cui milioni di persone non hanno accesso all'assistenza sanitaria di qualità perché non possono permettersi di pagare. Credo che l'assistenza sanitaria sia un diritto umano e che ogni persona meriti l'accesso alle cure di cui ha bisogno in ogni fase della vita", ha affermato Salazar.

 

Le elezioni statali sono importanti quanto le elezioni nazionali per una serie di motivi. Come affermato da Justice Brandeis della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1932, "gli stati sono i laboratori della democrazia". Ciò che accade in uno Stato può fornire sia un esempio praticabile che un'ispirazione per altri stati, spostando la ruota delle politiche progressiste verso obiettivi sociali ed economici giustizia.

 

Rashida Tlaib

Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti - Michigan - 8° distretto



 

Rashida Tlaib è in corsa senza opposizione, fatta eccezione per un candidato repubblicano iscritto (che non comparirà nel ballottaggio), per la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, e dovrebbe essere la prima donna palestinese-americana musulmana eletta in carica. È membro dei Democratic Socialists of America, e ha iniziato la sua carriera politica come rappresentante nella Michigan State House, dove sosteneva i suoi elettori a Detroit affetti da una crisi economica di proporzioni epiche, con interi quartieri sventrati in modo figurativo con una profonda perdita di popolazione, e letteralmente con case abbandonate e sventrate.

 

Spinge per la giustizia ambientale lavorando per ridurre l'esposizione al piombo nei quartieri a basso reddito e impedire che le scuole vengano costruite su siti tossici. Tra le sue priorità nazionali figurano la richiesta di un salario minimo di 15 USD a livello nazionale, che porterebbe un numero elevato di lavoratori a basso reddito a uscire dalla povertà. Appoggia anche un piano Medicare per tutti per dare immediatamente accesso all'assistenza sanitaria.

 

Andrew Gillum

Governatore dello Stato della Florida



 

Andrew Gillum è l'attuale sindaco di Tallahassee, in Florida, la capitale dello Stato. Candidato democratico a governatore della Florida contro il repubblicano Ron DeSantis. Se eletto, diventerebbe il primo governatore nero della Florida.

 

Spera di revocare le regressive leggi sulla giustizia penale degli anni '90. In particolare, propone una legalizzazione completa della marijuana, con entrate fiscali destinate a migliorare le scuole pubbliche della Florida. La Florida ha uno dei più alti tassi di incarcerazione nel paese e le riforme proposte da Gillum si concentrano sulla riabilitazione e il reinserimento.

 

La candidatura è attentamente monitorata anche perché la Florida, uno Stato altalenante con un'influenza eccessiva sulle elezioni presidenziali, ha subito profondi cambiamenti in termini demografici dopo le ultime consultazioni elettorali del 2016. I tassi di registrazione degli elettori latini in Florida sono cresciuti rispetto alle ultime elezioni.

 

C'è una possibilità che il grande afflusso di portoricani in Florida, a causa di problemi economici nell'isola e la devastazione causata dall'uragano Maria, potrebbe cambiare la dinamica dei modelli di voto della Florida. I portoricani possono registrarsi per votare subito dopo aver preso residenza negli Stati Uniti. Tradizionalmente, gli elettori latinoamericani e ispanici in Florida sono stati in maggioranza repubblicani, ciò è cambiato dal 2006.

 

Ilhan Omar

Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti - Minnesota - 5° distretto



 

Ilhan Omar è la prima legislatrice somala-americana negli Stati Uniti. Ha prestato servizio nella Camera dei Rappresentanti del Minnesota e ora è candidata alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti sotto la bandiera del Partito Democratico. Omar affronterà la repubblicana Jennifer Zielinski

 

Si identifica come socialista democratica e la sua piattaforma include l'accesso garantito all'istruzione pubblica attraverso sovvenzioni e perdono di 1,7 miliardi di dollari USA in debito studentesco, accesso all'assistenza all'infanzia attraverso ampi benefici ‘Head Start’, ‘Medicare-for-all’ e sostegno ai lavoratori e alle famiglie della working-class attraverso un salario minimo di 15 dollari USA, rafforzando i diritti di contrattazione collettiva e un sistema fiscale progressista.

 

Ayanna Pressley

Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti - Massachusetts - 7° distretto



 

Ayanna Pressley è membro del Boston City Council, ma inizierà la sua nuova esperienza nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti nel gennaio 2019. Ha battuto Michael Capuano nelle primarie democratiche e non affronta alcun contendente alle elezioni generali.

 

Pressley è considerata progressista, proprio come Capuano prima di lei, ma è più rappresentativa dei dati demografici del 7° Distretto, un distretto per lo più di minoranze che descrive come "uno dei distretti più diversi del nostro Commonwealth, ma è anche uno dei più diseguali“.

 

La sua speranza è di creare soluzioni su scala nazionale che colmino tale lacuna attraverso assistenza medica per tutti, o incrementando il sostegno per l'abuso di sostanze, le cure materne o semplicemente promuovendo opzioni alimentari sane.

 

Ben Jealous

Governatore dello Stato del Maryland



 

Ben Jealous, ex capo della National Association for the Advancement of Coloured People (NAACP), è il candidato progressista a governatore del Maryland contro il repubblicano Larry Hogan. È noto per il suo attivismo e come voce di primo piano a sostegno della campagna presidenziale di Bernie Sanders.

 

Secondo Jealous, l'attuale governatore ha utilizzato fondi per l'istruzione per coprire altre spese statali. Ha spinto per la fine della crisi del debito studentesco, sottolineando che le generazioni passate potevano permettersi un'istruzione superiore. "Mio nonno ha pagato 200 dollari per frequentare la facoltà di giurisprudenza dell'Università del Maryland e strappare i miei genitori dalle case popolari di McCulloh Homes”.

 

Jealous sostiene Medicare per tutti e sottolinea la necessità di porre fine alle incarcerazioni di massa creando opportunità economiche, sviluppando competenze e mestieri, riformando le leggi sulla condanna, riformando la polizia e affrontando la crisi degli oppioidi.

 

Nonostante il Maryland sia uno stato fortemente democratico, e potendo contare sul sostegno di gran parte dell'establishment democratico, Jealous affronta un difficile percorso verso la residenza del governatore. Hogan è popolare ed è rimasto centrista in uno Stato che preferisce i moderati di entrambe le parti. Per questo, Jealous ha cercato di prendere le distanze dalla sinistra del suo partito, negando il socialismo e dichiarandosi un venture capitalist.

 

Sarah Smith

Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti - Washington - 9° distretto



 

Sarah Smith è una candidata progressista socialista democratica in lotta contro un altro democratico per un seggio nella Camera degli Stati Uniti, che rappresenta l'area di Seattle dello stato di Washington.

 

La sua piattaforma si concentra sulla giustizia economica attraverso l'assistenza sanitaria, affrontando il debito degli studenti, favorendo le piccole imprese rispetto alle grandi aziende, un salario minimo equo e alloggi a prezzi accessibili, tra le altre questioni importanti. Ha ricevuto l’endorsement di Ocasio-Cortez. 

 

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa