'Ero quasi paralizzato': Come George Floyd, palestinese racconta il momento in cui soldato israeliano gli ha messo ginocchio sul collo

'Ero quasi paralizzato': Come George Floyd, palestinese racconta il momento in cui soldato israeliano gli ha messo ginocchio sul collo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Un anziano palestinese ha dichiarato a Ruptly cosa si prova ad essere bloccato e soffocato da un soldato israeliano, dicendo che era quasi paralizzato dalla forza bruta usata. La sua detenzione ha scatenato l'indignazione dei media in tutto il mondo arabo.


 
Khairy Hanoun, 65 anni, vive a Tulkarm in una città palestinese di circa 62.000 persone, è andato a sostenere una manifestazione palestinese nel territorio della Cisgiordania occupato da Israele diversi giorni fa. 
 
Disarmato e con indosso la tradizionale vestizione araba, si è presentato alla manifestazione con in mano una bandiera palestinese.
 
Una volta lì, ha notato dei bambini che assistevano alla protesta, supervisionati da un gruppo di truppe israeliane armate. Mentre i minori si comportavano pacificamente, Hanoun ha cercato di convincere i soldati ad andarsene. “Ho cercato di intervenire per tenere lontani i bambini dai danni. Ho parlato con l'ufficiale, dicendogli: 'Questi sono bambini - non puoi puntare la tua arma contro di loro' ”, ha spiegato.
 
Spinto di lato da un soldato, l'anziano ha cercato di afferrare la cinghia della sua arma, in modo, ha detto, " per cambiare la direzione del bersaglio".Quello che è successo in seguito è stato ripreso da numerosi giornalisti internazionali presenti ed è diventato una notizia molto dibattuta in Medio Oriente e oltre.   
 
Il soldato israeliano ha lottato con Hanoun a terra e, dopo una breve colluttazione, ha messo ginocchio sul collo e sulla schiena. I suoi compagni, nel frattempo, brandivano le loro pistole, probabilmente per assicurarsi che nessuno intervenisse per aiutare Hanoun. 
 
"Ciò che mi ha sorpreso è stato che mi ha messo un piede sul collo" , ha ricordato Hanoun, aggiungendo che non aveva resistito e non aveva armi addosso. Ha detto di essere stato "quasi paralizzato" , facendo paragoni con il famigerato arresto dell'afroamericano George Floyd, la cui morte in una simile detenzione ha scatenato massicce manifestazioni negli Stati Uniti e altrove contro la brutalità e il razzismo della polizia.
 
Hanoun, la cui fortuna è stata migliore di quella di Floyd, ha detto che la tecnica brutale, che è stata usata contro altri manifestanti palestinesi, è spericolata all'estremo. "Se calpesti il ??collo, stai cercando di ucciderlo", ha ricordato il pensionato con tono schietto.
 
La protesta in questa occasione era contro i piani degli israeliani di confiscare terre palestinesi per costruire un parco industriale fuori Tulkarm. In particolare, la mossa è avvenuta poche settimane dopo che gli Emirati Arabi Uniti hanno raggiunto uno storico accordo con Israele sulla "normalizzazione" legami e sulla creazione di relazioni formali.
 
Per Hanoun, tuttavia, fare accordi con lo Stato ebraico è un atto atroce. "Peccato che tu veda questo crimine e che ancora [dia loro] la tua benedizione ... l'esercito israeliano uccide con le tue armi e i tuoi soldi", ha concluso, rivolgendo il suo disprezzo ai nuovi ricchi finanziatori di Israele.
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti