World Affairs/Esercitazione difensiva? L'Europa si prepara ad ospitare il più a...

Esercitazione difensiva? L'Europa si prepara ad ospitare il più ampio schieramento di truppe statunitensi da 25 anni

 

Le manovre coinvolgeranno 37.000 militari di 18 paesi, tra cui 20.000 soldati dispiegati dal territorio degli Stati Uniti


I veicoli militari dell'esercito britannico sono arrivati questa settimana al porto di Anversa in Belgio, nel mezzo dei preparativi per l'esercizio militare su larga scala Defender Europa 2020. Le manovre coinvolgeranno 37.000 militari da 18 paesi e saranno il più grande schieramento delle forze statunitensi in Europa tra oltre 25 anni.

 
20.000 militari schierati dagli Stati Uniti
 
Gli esercizi militari dovrebbero coinvolgere circa 20.000 soldati e 20.000 equipaggiamenti militari schierati dal territorio degli Stati Uniti, oltre a 9.000 militari statunitensi di stanza in Europa e 8.000 soldati di 17 nazioni alleate. La maggior parte delle forze sarà dispiegata a febbraio, mentre le esercitazioni principali si svolgeranno ad aprile e maggio, anche se alcune manovre associate dureranno fino all'estate.
Secondo l'esercito americano, queste manovre, nonché gli esercizi associati, "aumenteranno la preparazione strategica e l'interoperabilità" addestrando la loro capacità di spostare rapidamente una grande forza di soldati e attrezzature in Europa e di "rispondere, insieme ai loro alleati e partner , a una potenziale crisi ".
 
"Non sono dirette contro nessun paese"
 
Numerose esercitazioni verranno svolti nei paesi vicini della Russia come Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. "Questo esercizio non è solo simbolico. Raggiunge il cuore di ciò che intendiamo quando parliamo di sicurezza collettiva europea", ha dichiarato  Georgette Mosbacher, ambasciatrice degli Stati Uniti la scorsa settimana. in Polonia "In una crisi, la NATO deve essere in grado di rispondere il più rapidamente possibile", ha spiegato la diplomatica, aggiungendo che "Defender Europe 20 semplicemente non potrebbe accadere senza la Polonia".
 
Da parte sua, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha insistito lunedì scorso sul fatto che le manovre "mostrano il forte impegno degli Stati Uniti nei confronti della NATO e per la libertà e la sicurezza dell'Europa", sottolineando che non ono diretti contro la Russia.
 
"Defender  Europe non è diretta contro nessun paese in particolare", ha precisato Stoltenberg, spiegando che "l'esercitazione difensiva dimostra la capacità di spostare rapidamente una grande forza americana in Europa per aiutare a proteggere altri alleati della NATO, se necessario. "
 
"Esercitazioni assolutamente ingiustificate"
 
Tuttavia, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che Mosca non può "ignorare" questo tipo di azione, che senza motivo di "grande preoccupazione", e risponderà alle esercitazioni, sebbene "in modo tale da non credere rischi inutili ".
In un'intervista con il quotidiano Rossíyskaya Gazeta, il ministro degli Esteri russo ha ricordato che questi esercizi sono presentati come una difesa contro un "nemico paragonabile" in termini di capacità militari alla NATO, ma "è difficile" immaginare un avversario "che rispetti il criteri di comparabilità ". Pertanto, secondo i dati ufficiali sulla spesa militare, l'equipaggiamento militare e quasi tutti i tipi di armi, "anche membri europei della NATO" senza gli Stati Uniti superano le forze armate russe circa due volte, ha ricordato il ministro. " Certamente, non siamo la forza militare dominante in Europa. Questa è la NATO " , ha aggiunto Lavrov.
 
D'altro canto, il cancelliere ha sottolineato il termine "Schengen militare", adottato nel contesto della cooperazione militare della NATO con l'UE e che implica "la modernizzazione di tutte le arterie di trasporto verso il confine orientale dell'Alleanza in modo che una delle più grandi squadre militari possa spostarsi liberamente verso est. " "Penso che questo fatto da solo sia sufficiente per capire il pericolo di tali giochi", ha evidenziato.
 
Il capo della diplomazia russa ha suggerito che i responsabili di queste esercitazioni "assolutamente ingiustificati", in effetti, si aspettano che le rappresaglie dalla Russia aumentino ulteriormente la tensione. "Ma un aspetto importante è che tutto ciò che facciamo in risposta alle minacce della NATO per la nostra sicurezza, lo facciamo esclusivamente nel nostro territorio. Proprio come tutte le nostre armi nucleari sono nel nostro territorio, a differenza delle armi nucleari statunitensi" ha sottolineato Lavrov.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa