Gen. Bertolini al Fatto Quotidiano: "La Nato non può parlare a nome dell'Ucraina"

Gen. Bertolini al Fatto Quotidiano: "La Nato non può parlare a nome dell'Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come l'AntiDiplomatico abbiamo avuto il privilegio di intervistare il Generale Fabio Mini all'inizio dell'operazione russa in Ucraina e come scrivemmo allora l'unica voce razionale che è emersa sin dal principio è di coloro che sapevano dove l'isteria di politici e media asserviti alla Nato ci avrebbe portati. Nel giorno in cui Draghi si reca a Wasghington a ricevere gli ultimi ordini da parti di un Biden che ha appena firmato lo stesso decreto con cui gli Stati Uniti sono entrati nella seconda guerra mondiale, sul Fatto Quotidiano il Generale Bartolini offre la disamina più lucida che potrete trovare.

Risponendo ad una domanda sulla Crimea: "C’è un problema: Stoltenberg non può parlare a nome di Zelensky. Lui è segretario generale della Nato, che è un’organizzazione sovranazionale e dunque già non potrebbe parlare per conto di singoli Paese. Qui poi c’è il piccolo particolare che l’Ucraina non fa parte della Nato. Non è certo Stoltenberg che può imporre le condizioni."

E ancora: "L’Europa è scomparsa, la sua voce non emerge mai se non per confermare quello che dice la Nato. E la Nato dice quello che dicono gli Stati Uniti. Non esiste alcuna politica estera europea e non mi meraviglia, visti i precedenti. Ricordiamoci cosa accadde con la guerra in Libia, quando alcuni Paesi, come l’Italia, subirono il conflitto e altri, come la Francia, ne trassero vantaggio."

Infine: "A me sembra che di pace non parli nessuno. Non ne parla Biden, non ne parla Johnson, non ne parlano i governanti d’Europa. L’unico che si espone è Papa Francesco. Forse hanno tutti la sindrome dello studentello di fronte al professore. Siccome in America non parlano di pace, allora non prendono iniziativa neanche i nostri leader."

Oggi Draghi si reca a Wahington a prendere gli ultimi ordini. Anche i partiti (come Lega e Cinque stelle) che oggi sembrano avere posizioni meno interventiste a parole, nei fatti il 31 marzo scorso hanno votato una delega in bianco di armi al regime di Kiev che di fatto hanno reso l'Italia co-belligerante. Il 22 aprile Di Maio e Guerini hanno firmato un nuovo decreto per nuove armi (secretate) al regime di Kiev. Chi conosceva quello che sarebbe accaduto sul campo, i generali, avevano avvisato dal principio dove ci stava portando la peggior classe politica della storia repubblicana. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti