Germania, per il ministro degli Esteri senza gas russo ci saranno «rivolte popolari»

Germania, per il ministro degli Esteri senza gas russo ci saranno «rivolte popolari»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’Idea che le sanzioni occidentali stiano mettendo in ginocchio la Russia ormai non regge più. Anzi, sono i paesi occidentali, europei in particolare, ad affrontare pesanti conseguenze a causa di una scellerata e miope politica imposta da Washington. 

Ci sono alcuni paesi, come ad esempio la Germania, che non possono fare a meno del gas proveniente dalla Russia. Il governo tedesco ha riconosciuto che se non riceverà la turbina del gasdotto Nord Stream riparata, potrebbe andare incontro a conseguenze politiche interne devastanti, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock in un'intervista rilasciata a RND. 

"Se non riceviamo la turbina, non avremo più gas e non potremo fornire alcun supporto all'Ucraina, perché saremo impegnati a fronteggiare le rivolte popolari", ha affermato Baerbock, citando le dichiarazioni dei rappresentanti tedeschi durante le trattative con i canadesi per la restituzione della turbina. 

Il ministro ha osservato che la parte canadese “aveva molte richieste” sul piano di restituzione della turbina.  

Quando le è stato chiesto se crede davvero che possano verificarsi rivolte popolari, il capo della diplomazia tedesca ha risposto che si tratta di un'ipotesi "forse un po' esagerata" e ha detto che sta prendendo in considerazione la situazione in cui la Germania non avrà più gas. "Quello che voglio dire è che abbiamo ancora bisogno di gas dalla Russia", ha detto, aggiungendo che "l'obiettivo del governo federale è quello di mitigare l'impatto sociale".

Gli alti prezzi del gas sono un pesante fardello per molte persone in Germania, ha continuato. "Questo è il nostro compito importante per l'inverno, dobbiamo fare in modo che questa guerra non causi divisioni nella società", ha aggiunto.

La turbina in questione è stata inviata per la manutenzione presso la città canadese di Montreal, l'unico luogo in cui era possibile eseguire questo processo. Tuttavia, è stata bloccata a causa delle sanzioni contro l'industria russa del petrolio e del gas annunciate il mese scorso dal governo del Primo Ministro Justin Trudeau. Ciò ha indotto il gigante russo dell'energia Gazprom a tagliare le forniture al 40% dei livelli normali, una decisione giustificata dall'assenza della parte.

Sebbene, dopo una serie di trattative, Canada e Germania abbiano accettato di restituire la turbina, rilasciando un permesso "limitato e revocabile" a Siemens Energy, mercoledì Gazprom ha dichiarato di non aver ancora ricevuto la documentazione necessaria per spostare il macchinario riparato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti