World Affairs/Giornata mondiale di Al Quds. Nasrallah: La Resistenza, in tutte ...

Giornata mondiale di Al Quds. Nasrallah: La Resistenza, in tutte le sue forme, unica via per la liberazione della Palestina

 

Il leader di Hezbollah ha tenuto un discorso durante la giornata mondiale di Al-Quds, quando insiste sul ritorno delle terre palestinesi occupate da Israele.

Il leader del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah), Seyed Hasan Nasrallah, ha tenuto un discorso per celebrare l'evento della Giornata di Al Quds, iniziato per la prima volta dalla Repubblica islamica dell'Iran nel 1979 per esprimere solidarietà al popolo palestinese di fronte all'entità israeliana sionista.

 
Ricordando l'illegittimità del regime israeliano, Nasrallah ha insistito sulla necessità per gli israeliani di restituire tutta la terra palestinese occupata.
 
"Israele è un regime illegittimo, occupante e aggressivo e deve restituire tutte le terre palestinesi occupate", ha sottolineato.
 
Avendo messo in evidenza la fiducia dei musulmani nella causa palestinese, il leader di Hezbollah ha chiarito che i diritti dei palestinesi non cambieranno nel tempo e nessuno ha il diritto di dare un pollice di terra palestinese ai sionisti.
 
"Il territorio palestinese dal fiume al mare appartiene al popolo palestinese", ha ricordato.
 
Nasrallah ha considerato la resistenza in tutte le sue forme come l'unico modo per liberare la Palestina, insistendo sul fatto che tutti gli altri mezzi sono una perdita di tempo: "Tutte le conversazioni con il regime israeliano portano a un vicolo cieco", ha aggiunto.
 
Il leader del movimento ha denunciato denunciare il sostegno incondizionato che il governo degli Stati Uniti continua a fornire a Israele al fine di garantire la sicurezza di questo falso regime anche attraverso la firma di accordi con alcuni paesi arabi della regione.
 
"Gli USA lanciano guerre per proteggere e assicurare Israele ", ha affermato, sostenendo che le guerre si sono registrate negli ultimi decenni nell'area, dagli otto anni di guerra imposti all'Iran dal Saddam Hussein all'attuale guerra saudita contro lo Yemen è stato progettato con l'obiettivo di mantenere un equilibrio di potere a favore di Israele.
 
Nasrallah ha sottolineato la posizione dell'Iran nell'Asse della Resistenza e nell'equazione del confronto con Israele e ha specificato che la ragione di tutta la pressione, le sanzioni e le azioni degli Stati Uniti. Contro l'Iran, è perché il paese persiano svolge un ruolo chiave nella difesa del fronte della Resistenza ed è il "centro di gravità" dell'Asse.
 
Dopo aver assicurato che l'Iran rimane fermo e resistente contro tutte le trame degli Stati Uniti e di Israele contro la Resistenza, Nasrallah ha deriso che le autorità nordamericane continuano a nascondere le vittime dalla sua base aerea in Iraq, dove l'Iran ha lanciato l'8 gennaio un attacco di ritorsione per l'omicidio del generale Qasem Soleimani, comandante della Forza Quds del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC), coordinatore dell'Asse della Resistenza.
 
"Il generale Soleimani è stato uno dei pilastri dell'Asse della Resistenza e il suo martirio rappresenta una grande perdita per il fronte", ha ricordatp il leader di Hezbollah.
 
Per quanto riguarda le azioni del regime di Tel Aviv e degli Stati Uniti contro la resistenza libanese, Nasrallah ha indicato che Hezbollah è un movimento potente ed è in grado di superare le crisi, un problema che le stesse autorità israeliane riconoscono affermando che Israele ha fallito davanti al potere della resistenza in Libano.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa