World Affairs/Gli USA ostacolano la Spagna nell'indagine sullo spionaggio contr...

Gli USA ostacolano la Spagna nell'indagine sullo spionaggio contro Assange

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Nel 2019 un'indagine sul quotidiano spagnolo EL PAIS, in base a una denuncia penale presentata da Julian Assange, sosteneva che numerose registrazioni illegali erano state effettuate dalla società di sicurezza privata spagnola UC Global mentre il fondatore di WikiLeaks Julian Assange viveva presso l'ambasciata ecuadoriana, dove ha chiesto asilo a 2012 per eludere la possibile estradizione negli Stati Uniti.

 
Gli Stati Uniti stanno ostacolando la cooperazione giudiziaria con la Spagna nella loro indagine in corso sul presunto spionaggio contro il fondatore di WikiLeaks Julian Assange durante il suo mandato di asilo presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra, riferisce El PAIS.
 
Secondo quanto riferito, i pubblici ministeri americani hanno basato la cooperazione sulla volontà di un giudice spagnolo di aprirsi alle sue fonti di informazione nel caso.
 
Il giudice Jose de la Mata dell'Alta Corte spagnola aveva in precedenza inviato una richiesta di cooperazione giudiziaria alle autorità statunitensi come parte di un'indagine che sta dirigendo in una società di sicurezza privata spagnola, UC Global SL, che era responsabile della sicurezza presso l'ambasciata, e il suo proprietario David Morales.
 
I pubblici ministeri statunitensi hanno risposto alla richiesta inviando una lettera a un giudice di collegamento per la Spagna negli Stati Uniti, chiedendole di trasmettere una serie di richieste a De la Mata.
 
Pertanto, al giudice spagnolo che indaga sul presunto spionaggio di Julian Assange viene chiesto di fornire la prova che le informazioni che cercano alle autorità statunitensi sono "rilevanti e sostanziali per l'indagine".
 
Inoltre, Washington chiede al giudice di rivelare le fonti di informazione su cui si basa la richiesta di cooperazione giudiziaria.
 
I pubblici ministeri statunitensi vogliono che il giudice spagnolo risponda a un lungo elenco di domande che coprono diversi aspetti delle indagini che sta conducendo, scrive lo sbocco.
 
Secondo quanto riferito, i pubblici ministeri vogliono sapere a chi il giudice pensa che Morales abbia fornito informazioni, se si ritiene che le sue azioni siano un caso di corruzione o se stesse lavorando per un servizio di informazione straniero.
 
L'informazione deve essere fornita alle autorità statunitensi entro il 16 ottobre, altrimenti “presumeremo che le autorità spagnole non siano interessate”, si legge nella richiesta dei procuratori americani, minacciando di “accantonare” la richiesta di cooperazione.
 
L'inchiesta spagnola
 
L'indagine giudiziaria sulla società di sicurezza spagnola UC Global SL è stata ordinata dal giudice Jose de la Mata settimane dopo che un'indagine di EL PAIS aveva pubblicato video, audio e rapporti nel 2019 secondo cui la società aveva spiato Assange mentre risiedeva presso l'ambasciata .
 
L'indagine è stata innescata da una denuncia penale presentata dallo stesso Assange, dove ha accusato Morales e la compagnia di violazioni della sua privacy e segretezza dei suoi diritti tra cliente-avvocato.
 
L'indagine condotta dal giudice spagnolo è incentrata sulle accuse secondo cui la società UC Global aveva registrato di nascosto gli incontri privati ??di Julian Assange con avvocati, politici, parenti e giornalisti presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra, dove si era rifugiato nel 2012. David Morales, il proprietario dell'azienda, è stato arrestato un anno fa e rilasciato in attesa del processo.
 
Morales, un ex militare, la cui compagnia era stata assunta dal governo dell'allora presidente ecuadoriano Rafael Correa, avrebbe dichiarato a diversi suoi dipendenti che lavorava anche "per gli americani", fornendo loro documenti, video e audio delle riunioni. che coinvolge Assange.
 
Il giudice, scrive il media spagnolo, ha chiesto la collaborazione dei procuratori statunitensi per fornire indirizzi IP di computer presumibilmente collegati dal territorio statunitense a un server della società di sicurezza privata presso la sua sede nella città meridionale spagnola di Jerez de la Frontera.
 
Morales è stato accusato di aver fornito alla CIA registrazioni e materiale video offrendo una visione dettagliata delle attività del fondatore di WikiLeaks all'interno della missione diplomatica fino al suo sfratto nell'aprile 2019.
 
Testimonianze di una serie di testimoni ed ex dipendenti di UC Global affermano che il server in questione ha archiviato tutte le registrazioni effettuate dalle telecamere presso l'ambasciata, compresi i rapporti redatti dai dipendenti dell'azienda che valutavano ogni visita ricevuta da Assange. 

Si ritiene che i dati contengano anche immagini dei passaporti dei visitatori e fotografie dei loro cellulari e dispositivi elettronici. Ai servizi di intelligence statunitensi sarebbe stato concesso l'accesso a questo server centrale.
 
Attualmente, sono riprese le udienze presso la Corte penale centrale di Londra per decidere se il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, debba essere inviato negli Stati Uniti.
 
Il fondatore di WikiLeaks sta resistendo alla richiesta di estradizione negli Stati Uniti dove potrebbe rischiare fino a 175 anni di prigione per 17 accuse di spionaggio e un'accusa di cospirazione con una fonte per violare il Computer Fraud and Abuse Act per i suoi rapporti sugli Stati Uniti guerre in Iraq e Afghanistan.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa