Golpe in Ucraina. YouTube rimuove incredibilmente la famosa ammissione della Nuland

Golpe in Ucraina. YouTube rimuove incredibilmente la famosa ammissione della Nuland

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ruolo degli Stati Uniti nel golpe del 2014 che ha portato al potere i nazionalisti in Ucraina durante i famigerati giorno dell’Euromaidan è ormai acclarato non ci sono più dubbi. Tuttavia sono ancora in corso manovre per ‘sfumare’ per così dire la posizione di Washington visto che quel colpo di Stato rappresenta uno dei passaggi che hanno poi portato alla tragica situazione attuale dove una Russia praticamente costretta spalle al muro, ha dato avvio alla sua operazione militare per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev. 

La cosiddetta ‘pistola fumante’ che dimostra il coinvolgimento degli Stati Uniti nel colpo di Stato del 2014 a Kiev è stata rimossa da YouTube dopo otto anni. Era la versione più completa della conversazione intercettata e trapelata tra l'allora Assistente Segretario di Stato Victoria Nuland e Geoffrey Pyatt, l'allora ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, dove i due funzionari statunitensi discutono su chi comporrà il nuovo governo, con ampio anticipo rispetto al rovesciamento del presidente ucraino eletto democraticamente Viktor Yanukovich. Il cui governo fu cui abbattuto con un violento golpe giunto a compimento il 21 febbraio del 2014.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non ha mai negato l'autenticità del video e ha persino chiesto scusa all'Unione Europea perché Victoria Nuland affermava testualmente: "Fuck the EU". 

I media mainstream all'epoca preferirono - per ovvi motivi - concentrarsi quasi esclusivamente su quell'osservazione, ignorando intenzionalmente il reale significato e le conseguenze dell'interferenza degli Stati Uniti negli affari interni dell'Ucraina.

Il portale di giornalismo Consortium News si è reso conto della rimozione del video che è stato incorporato in numerosi articolo dedicati al rovesciamento di Yanukovich. 

Adesso appare così: 

A suscitare più di qualche dubbio è la tempistica della rimozione del video. I media mainstream sin dall’inizio dell’operazione russa in Ucraina hanno fatto di tutto per confondere le acque, evitare accuratamente di di menzionare le cause dell'attuale conflitto, inclusa l'espansione della NATO verso est, le proposte di trattato avanzato da Mosca lo scorso dicembre, la guerra civile nel Donbass e il colpo di Stato del 2014 a Kiev che ha portato alla rivolta del Donbass e alla violenta repressione da parte del governo golpista. 

Il golpe è infatti il punto di partenza per comprendere quanto accade oggi. La rimozione del video è coerente con l’occultamento di tutte le informazioni che si allontanano dalla narrativa forzata e fuorviante degli eventi in Ucraina, inclusa l'eliminazione di qualsiasi menzione del colpo di Stato ispirato, sostenuto e foraggiato dagli Stati Uniti.

La trascrizione

La BBC il 7 febbraio 2014, 14 giorni prima della defenestrazione di Yanukovich, ha pubblicato una trascrizione della conversazione Nuland-Pyatt. Consortium News l’ha riproposta. 

Ecco la traduzione in italiano: 

Nuland: Cosa ne pensi?

Pyatt: Penso che siamo in gioco. Klitschko [Vitaly Klitschko, uno dei tre principali leader dell'opposizione] è ovviamente l'elettrone complicato. Soprattutto l'annuncio della sua nomina a vice-primo ministro, e hai visto alcuni dei miei appunti sui problemi del matrimonio in questo momento, quindi stiamo cercando di capire in fretta a che punto siamo. Ma penso che la tua argomentazione con lui, che dovrai fare, penso che sia la prossima telefonata che vuoi organizzare, sia esattamente quella che hai fatto a Yats [Arseniy Yatseniuk, un altro leader dell'opposizione]. E sono contento che tu l'abbia messo sul punto in cui si inserisce in questo scenario. E sono molto contento che abbia detto quello che ha detto in risposta.

Nuland: Bene. Non credo che Klitsch debba entrare nel governo. Non credo sia necessario, non credo sia una buona idea.

Pyatt: Sì. Credo che... per quanto riguarda il fatto che non entri nel governo, lasciatelo fuori a fare i suoi compiti politici e così via. Penso solo che, in termini di avanzamento del processo, vogliamo tenere insieme i democratici moderati. Il problema sarà Tyahnybok [Oleh Tyahnybok, l'altro leader dell'opposizione] e i suoi uomini e sono sicuro che questo fa parte dei calcoli del [Presidente] Yanukovych.

Nuland: [Penso che Yats sia l'uomo con l'esperienza economica e di governo. Ha bisogno di Klitsch e Tyahnybok all'esterno. Deve parlare con loro quattro volte alla settimana. Penso solo che Klitsch entrerà... sarà a quel livello per lavorare per Yatseniuk, non funzionerà.

Pyatt: Sì, no, credo che sia così. OK. Bene. Vuoi che organizziamo un incontro con Yatseniuk? Vuoi che organizziamo una telefonata con lui come prossimo passo?

Nuland: Da quella telefonata ho capito - ma dimmelo tu - che i tre stavano andando alla loro riunione e che Yats avrebbe offerto in quel contesto una... conversazione tre più uno o tre più due con te. 

Pyatt: No. Penso che... Voglio dire che è quello che ha proposto, ma penso che, conoscendo la dinamica che c'è stata tra loro, in cui Klitschko è stato il capobranco, ci metterà un po' a presentarsi a qualsiasi riunione abbiano organizzato e probabilmente starà parlando con i suoi uomini a questo punto, quindi penso che rivolgersi direttamente a lui aiuti la gestione della personalità tra i tre e vi dia anche la possibilità di muovervi velocemente su tutte queste cose e di metterci dietro prima che si siedano tutti insieme e lui spieghi perché non gli piace.

Nuland: Ok, bene. Sono contento. Perché non lo contatti e vedi se vuole parlare prima o dopo?

Pyatt: Ok, lo farò.

Nuland: Ok... un'altra cosa per te, Geoff. [Non ricordo se te l'ho detto, o se l'ho detto solo a Washington, che quando ho parlato con Jeff Feltman [Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite per gli Affari Politici] questa mattina, aveva un nuovo nome per l'uomo delle Nazioni Unite, Robert Serry, te l'ho scritto stamattina?

Pyatt: Sì, l'ho visto.

Nuland: OK. Ha ottenuto che sia Serry che il [Segretario Generale delle Nazioni Unite] Ban Ki-moon siano d'accordo sul fatto che Serry possa arrivare lunedì o martedì. Sarebbe un'ottima cosa, credo, per contribuire a incollare questa cosa e far sì che l'ONU contribuisca a incollarla e, sai, a mandare a fanculo l'UE.

Pyatt: No, esattamente. E penso che dobbiamo fare qualcosa per far sì che rimanga unito perché si può essere abbastanza sicuri che se inizia a prendere quota, i russi lavoreranno dietro le quinte per cercare di silurarlo. E ancora una volta, il fatto che questo sia in circolazione in questo momento, sto ancora cercando di capire perché Yanukovych (confuso) lo abbia fatto. Nel frattempo è in corso una riunione della fazione del Partito delle Regioni e sono sicuro che a questo punto ci sia una vivace discussione all'interno del gruppo. Ma in ogni caso, se ci muoviamo in fretta… Quindi lasciatemi lavorare su Klitschko... Vogliamo cercare di ottenere qualcuno con una personalità internazionale che venga qui e ci aiuti a gestire questa cosa. L'altra questione è una sorta di contatto con Yanukovych, ma probabilmente ci riorganizzeremo domani per vedere come le cose iniziano ad andare al loro posto.

Nuland: Su questo punto Geoff, quando ho scritto la nota [il consigliere per la sicurezza nazionale del vicepresidente degli Stati Uniti, Jake] Sullivan mi ha risposto con un VFR [direct to me], dicendo se avessi bisogno del [vicepresidente degli Stati Uniti, Joe] Biden… Quindi Biden è disponibile.

OK. Ottimo. Grande, grazie.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti