Guerra brutale e caotica: norme, convenzioni e leggi di comportamento vengono cancellate

Guerra brutale e caotica: norme, convenzioni e leggi di comportamento vengono cancellate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Alastair Crooke - Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

 

Siamo sull'orlo di quella che si potrebbe definire una Guerra Caotica. Non è la formula usata spesso da Israele in passato per intimidire gli avversari; questa è diversa.

 

Il giornalista israeliano Eddie Cohen ha dichiarato, all'indomani dell'attacco al consolato iraniano: "Siamo molto chiari sul fatto che vogliamo iniziare una guerra con l'Iran e Hezbollah. Non avete ancora capito?"

 

"Israele vuole trascinare l'Iran in una guerra su larga scala per poter colpire gli impianti nucleari iraniani", anche se questi impianti sono fuori dalla portata americana e israeliana, sepolti sotto le montagne.

 

Cohen, e naturalmente i vertici militari israeliani, lo sapranno; ma Israele si sta comunque chiudendo in una logica che può portare solo alla sconfitta. Le strutture nucleari iraniane sono al sicuro dagli assalti israeliani. La distruzione delle infrastrutture civili iraniane, che sono alla luce del sole, può uccidere molti, ma non farà, di per sé, crollare lo Stato iraniano.

 

Trita Parsi colloca l'obiettivo di Israele nell'attaccare il consolato iraniano a Damasco in un contesto diverso:

 

"Un aspetto importante della condotta di Israele – e dell'acquiescenza di Biden – è che Israele è impegnato in uno sforzo deliberato e sistematico per distruggere le leggi e le norme esistenti in materia di guerra.

 

"Anche in tempo di guerra, le ambasciate sono off-limits [eppure] Israele ha appena bombardato una sede diplomatica iraniana a Damasco.

 

"Bombardare gli ospedali è un crimine di guerra, [eppure] Israele ha bombardato TUTTI gli ospedali di Gaza. Ha persino assassinato medici e pazienti all'interno degli ospedali.

 

"La CIG ha obbligato Israele a consentire la consegna di aiuti umanitari a Gaza. Israele impedisce attivamente l'arrivo degli aiuti.

 

"La morte per fame dei civili come metodo di guerra è vietata dal diritto internazionale umanitario. Israele ha deliberatamente creato una carestia a Gaza.

 

"I bombardamenti indiscriminati sono illegali secondo il diritto umanitario internazionale. Lo stesso Biden ammette che Israele sta bombardando Gaza in modo indiscriminato."

 

L'elenco va avanti a lungo... Tuttavia, la violazione da parte di Israele dell'immunità accordata dalla Convenzione di Vienna alle sedi diplomatiche – oltre alla statura delle persone uccise – è altamente significativa. È un segnale importante: Israele vuole la guerra – ma con il sostegno degli Stati Uniti, ovviamente.

 

L'obiettivo di Israele, in primo luogo, è distruggere le norme, le convenzioni e le leggi della guerra; creare un'anarchia geopolitica in cui tutto è permesso e che, con la Casa Bianca frustrata, ma acquiescente a ogni norma di condotta calpestata in modo invadente, permetta a Netanyahu di afferrare la briglia degli Stati Uniti e condurre il cavallo della Casa Bianca all'acqua – verso la sua "Grande Vittoria" regionale della Fine dei Tempi; una guerra necessariamente brutale – al di là delle linee rosse esistenti e priva di limiti.

 

Simbolicamente significativo come l'attacco di Damasco è il fatto che Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna – dopo un breve "cappello" alla Convenzione di Vienna – si siano rifiutati di condannare l'abbattimento del Consolato iraniano, mettendo così in dubbio l'immunità della Convenzione di Vienna per le sedi diplomatiche.

 

Implicitamente, questo rifiuto di condannare sarà ampiamente inteso come una morbida approvazione del primo timido passo di Israele verso la guerra con Hezbollah e l'Iran.

 

Questo caotico nichilismo "biblico" israeliano, tuttavia, non ha alcun rapporto in termini puramente razionali con l'aspirazione di Netanyahu a una "Grande Vittoria". La realtà è che Israele ha perso la sua deterrenza. Non tornerà; la profonda rabbia del mondo islamico generata da Israele con i suoi massacri a Gaza negli ultimi sei mesi lo impedisce.

 

Tuttavia, c'è una seconda ragione aggiuntiva per cui Israele è intenzionato a violare deliberatamente il diritto e le norme umanitarie: Il giornalista israeliano Yuval Abraham ha riferito in modo molto approfondito nella rivista +972 Magazine come Israele abbia sviluppato una macchina AI (chiamata "Lavender") per generare liste di uccisioni a Gaza – senza quasi alcuna verifica umana; solo un controllo "a timbro" di circa "20 secondi" per assicurarsi che l'obiettivo dell'AI sia di sesso maschile (dato che nessuna donna è nota per appartenere all'esercito della Resistenza).

 

La palese extra-legalità dietro la metodologia delle "liste di uccisione" di Gaza, come riportato dalle varie fonti di Abraham, può essere immunizzata e protetta solo normalizzandola come una tra le illegalità generali – e, di fatto, rivendicando l'eccezionalismo sovrano:

 

"L'esercito israeliano attacca sistematicamente gli individui presi di mira mentre si trovano nelle loro case – di solito di notte, mentre tutta la famiglia è presente – piuttosto che nel corso delle attività militari... Sono stati utilizzati ulteriori sistemi automatizzati, tra cui uno chiamato "Dov'è papà?", specificamente per rintracciare gli obiettivi quando erano entrati nelle residenze della loro famiglia... Tuttavia, quando una casa è stata colpita, di solito di notte, l'obiettivo individuale a volte non era affatto dentro."

 

"Il risultato è che migliaia di palestinesi – la maggior parte dei quali donne e bambini o persone non coinvolte nei combattimenti – sono stati spazzati via dagli attacchi aerei israeliani, soprattutto durante le prime settimane di guerra, a causa delle decisioni del programma AI."

 

"'Non eravamo interessati a uccidere gli operativi [di Hamas] quando si trovavano in un edificio militare... o erano impegnati in un'attività militare', ha detto A., un ufficiale dell'intelligence, a +972 e Local Call. "Al contrario, l'IDF li ha bombardati nelle case senza esitazionecome prima opzione. È molto più facile bombardare la casa di una famiglia. Il sistema è costruito per cercarli in queste situazioni."

 

"Inoltre... quando si trattava di colpire i presunti militanti junior segnalati da Lavender, l'esercito preferiva usare solo missili non guidati, comunemente noti come bombe "stupide" (in contrasto con le bombe di precisione "intelligenti") che possono distruggere interi edifici sopra i loro occupanti e causare vittime significative. "Non si vogliono sprecare bombe costose per persone non importanti – è molto costoso per il Paese e c'è una carenza [di queste bombe]."

 

"L'esercito ha anche deciso, durante le prime settimane di guerra, che per ogni giovane agente di Hamas colpito da Lavender era lecito uccidere fino a 15 o 20 civili... nel caso in cui l'obiettivo fosse un alto funzionario di Hamas con il grado di comandante di battaglione o di brigata – l'esercito ha autorizzato in diverse occasioni l'uccisione di più di 100 civili nell'assassinio di un singolo comandante."

 

"Lavender – che è stato sviluppato per creare obiettivi umani nella guerra in corso – ha contrassegnato circa 37.000 palestinesi come sospetti "militanti di Hamas", la maggior parte dei quali giovani, da assassinare (il portavoce dell'IDF ha negato l'esistenza di tale lista di uccisioni in una dichiarazione a +972 e Local Call)."

 

Ecco, quindi, che non c'è da stupirsi che Israele cerchi di camuffare i dettagli all'interno di una normale serie di trasgressioni generali contro il diritto umanitario: "Volevano permetterci di attaccare [gli operatori junior] automaticamente. Questo è il Santo Graal. Una volta che si passa all'automatismo, la generazione dei bersagli impazzisce."

 

Non è difficile ipotizzare cosa potrebbe stabilire la Corte internazionale di giustizia...

 

Qualcuno immagina che a questa macchina difettosa Lavender IA non verrebbe chiesto di sfornare le sue liste di uccisioni, se Israele decidesse di entrare in Libano? (Un'altra ragione per normalizzare le procedure prima a Gaza).

 

Il punto chiave del rapporto di +972 Magazine (con molteplici fonti) è che le IDF non si sono concentrate sull'eliminazione delle Brigate Qassam di Hamas (come sostenuto):

 

"È stato molto sorprendente per me che ci sia stato chiesto di bombardare una casa per uccidere un soldato di terra, la cui importanza nei combattimenti era così bassa", ha detto una fonte sull'uso dell'IA per marcare presunti militanti di basso rango:

 

"Ho soprannominato questi obiettivi "obiettivi spazzatura". Tuttavia, li trovavo più etici degli obiettivi che bombardavamo solo per "deterrenza – grattacieli che vengono evacuati e rovesciati solo per causare distruzione."

 

Questo rapporto rende chiaramente insensate le affermazioni di Israele di aver smantellato 19 dei 24 battaglioni di Hamas: Una fonte, critica dell'imprecisione di Lavender, sottolinea l'ovvio difetto: "È un confine vago"; come distinguere un combattente di Hamas da un qualsiasi altro maschio civile gazanese?

 

"Al suo apice, il sistema è riuscito a generare 37.000 persone come potenziali bersagli umani", ha detto B. "Ma i numeri cambiavano continuamente, perché dipende da dove si fissa l'asticella di ciò che è un agente di Hamas. Ci sono stati momenti in cui un agente di Hamas è stato definito in modo più ampio, e poi la macchina ha iniziato a portarci tutti i tipi di personale della protezione civile, agenti di polizia, su cui sarebbe stato un peccato sprecare bombe."

 

Proprio la settimana scorsa, il membro del gabinetto di guerra e ministro Ron Dermer è stato delegato a recarsi a Washington per sostenere che il successo dell'IDF nello smantellamento di 19 battaglioni di Hamas giustificava un'incursione a Rafah per smantellare i 4-5 battaglioni che Israele sostiene siano ancora presenti a Rafah.

 

Ciò che è chiaro è che l'IA è stata uno strumento chiave di Israele per la sua "Vittoria" a Gaza. Israele stava per vendere una "storia di fumo e specchi" basata su "Lavender".

 

Al contrario, i palestinesi, consapevoli della loro inferiorità quantitativa, hanno una visione molto diversa: sono passati a un nuovo modo di pensare che dà al semplice atto di resistere un significato civile – un percorso verso la vittoria metafisica (e molto probabilmente una sorta di vittoria militare), se non nella loro vita, ma per il popolo palestinese, in seguito. Questo costituisce la natura asimmetrica del conflitto che Israele non è mai riuscito a comprendere.

 

Israele vuole essere temuto, credendo che questo possa ripristinare la sua deterrenza. Amira Hass scrive che, a prescindere dalla repulsione per questo governo e per i suoi membri: "La grande maggioranza [degli israeliani] crede ancora che la guerra sia la soluzione." E Mairav Zonszein, scrivendo su Foreign Policy, osserva che "il problema non è solo Netanyahu, è la società israeliana":

 

"L'attenzione su Netanyahu è una comoda distrazione dal fatto che la guerra a Gaza non è la guerra di Netanyahu, è la guerra di Israele – e il problema non è solo Netanyahu, è l'elettorato israeliano... Una grande maggioranza – l'88% – degli israeliani ebrei intervistati a gennaio – ritiene che lo stupefacente numero di morti palestinesi, che all'epoca aveva superato i 25.000, sia giustificato. Un'ampia maggioranza dell'opinione pubblica ebraica pensa anche che l'IDF stia usando una forza adeguata o addirittura troppo poca a Gaza... Dare tutta la colpa al Primo Ministro non coglie il punto Non tiene conto del fatto che gli israeliani hanno da tempo avanzato, permesso o accettato il sistema di occupazione militare del loro Paese e la disumanizzazione dei palestinesi. "

 

Tuttavia, né Israele né gli Stati Uniti hanno una strategia globale per questa guerra in corso. L'approccio di Israele è tutto tattico – sostiene di aver degradato Hamas, di aver trasformato Gaza in un inferno umanitario e di aver preparato la scena per il "piano decisivo" ideato da Bezalel Smotrich per i palestinesi. Ancora Amira Hass:

 

"O accettare uno status inferiore, emigrare ed essere sradicati apparentemente volontariamente, o affrontare la sconfitta e la morte in una guerra. Questo è il piano che si sta attuando a Gaza e in Cisgiordania – con la maggior parte degli israeliani che sono complici attivi ed entusiasti, o che assistono passivamente alla sua realizzazione."

 

La "visione" degli Stati Uniti è anche tattica (e lontana dalla realtà) – immaginano la trasformazione di Gaza in uno staterello "collaborazionista di Vichy"; immaginano che la pressione politica dei francesi in Libano costringerà Hezbollah a ritirarsi dalle sue terre ancestrali nel sud del Libano; immaginano che la Casa Bianca di Biden sia in grado di ottenere politicamente attraverso la pressione ciò che Israele non può fare militarmente.

 

Il paradosso è che, essendo Israele e gli Stati Uniti dipendenti da un'"immagine" che è stata confusa con la realtà, anche questo va a vantaggio dell'Iran e del Fronte di Resistenza. (Come dice il vecchio adagio, "non disturbare un avversario che sta commettendo errori").

 

 

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti