I democratici infrangono il grande tabù degli Stati Uniti: Criticare Israele

I democratici infrangono il grande tabù degli Stati Uniti: Criticare Israele

I giovani irrompono nella scena politica degli Stati Uniti e sono determinati a rompere il più grande tabù, condannando Israele per la sua oppressione dei palestinesi.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In un articolo scritto dal giornalista staunitense Eric Margolis e pubblicato ieri sul sito web del "The Ron Paul Institute For Peace and Prosperity" si evidenziano i cambiamenti che stanno avvenendo sulla scena politica degli Stati Uniti.


 
Nell'articolo, in particolare, si indica la nuova generazione di senatori democratici che si impegnano per rompere gli antichi schemi della politica nordamericana e osano dire ciò che fino a poco tempo fa era un tabù: criticare il regime di Israele per l'oppressione del popolo palestinese.
 
"Ora, le giovani stelle democratiche Tulsi Gabbard, Kamala Harris, Alessandria Ocasio-Cortez e la deputata particolarmente grintoso del Minnesota, Ilhan Omar, hanno rotto il tabù e hanno detto quello che non ho potuto dire, ovvero che c'è troppa influenza della destra israeliana e si dovrebbe avere giustizia per la Palestina", si aggiunge nell'articolo.
 
Secondo Margolis, i giornalisti americani e gli editorialisti che mettono in discussione, criticano o scrivono qualcosa di negativo su Israele sono a rischio. "Fino a poco tempo fa, ai giornalisti non era permesso scrivere che esiste una" lobby israeliana", secondo Margolis.
 
"Dire qualcosa di negativo su Israele è stata a lungo la linea rossa della politica e dei media americani. Israele è la mucca più sacra della nostra nazione. Qualsiasi interrogativo sul loro comportamento porta con sé accuse infuriate di antisemitismo e negligenza professionale ", si legge nell'articolo.
 
Una delle nuove figure nell'arena politica che si impegna a cambiare è a senatrice Ilhan Omar, che ha causato una tempesta di fuoco sul Campidoglio con ripetute critiche a Israele e alla potente lobby filo-israeliana a Washington.
 
La parlamentare somalo-americana è una delle prime donne musulmane al Congresso degli Stati Uniti che sostengono apertamente il movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) contro Israele.
 
Il BDS è una campagna internazionale che cerca di applicare pressioni finanziarie sul regime di Tel Aviv per costringerlo a rispettare le norme stabilite nel diritto internazionale, incluso il ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati, l'eliminazione del muro di separazione (il Muro di Apartheid) della West Bank e il diritto al ritorno per i rifugiati palestinesi.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti