I primi aerei Il-76 con le forze di pace russe partono per il Nagorno-Karabakh

I primi aerei Il-76 con le forze di pace russe partono per il Nagorno-Karabakh

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I primi cinque aerei Il-76 con le forze di pace russe si stanno dirigendo verso il Nagorno-Karabakh da Ulyanovsk. A renderlo noto è il ministero della Difesa russo, secondo quanto riporta l’agenzia TASS.

 

"I primi quattro aerei Il-76, con le forze di pace russe nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh, sono decollati dall'aerodromo di Ulyanovsk-Vostochny. Gli aerei trasportano il personale delle formazione per il mantenimento della pace, veicoli, veicoli blindati e risorse materiali", ha detto il ministero. Successivamente è partito un quinto aereo.

 

Il ministero della Difesa russo aveva annunciato in precedenza che un totale di 1.960 forze di pace, 90 veicoli blindati e 380 veicoli e pezzi di equipaggiamento speciale sarebbero stati inviati in Nagorno-Karabakh.

 

Secondo il ministero, il contingente sarà formato principalmente da unità della 15a brigata di fanteria motorizzata del distretto militare centrale. Al fine di controllare l'attuazione dell'accordo di cessate il fuoco, verranno istituiti posti di osservazione russi lungo la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio Lachinsky, che collega l'Armenia e il Nagorno-Karabakh. Il comando dell'operazione di peacekeeping  avrà sede vicino a Stepanakert, la capitale della non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh.

 

Il 9 novembre, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev e il primo ministro armeno Nikol Pashinyan hanno firmato una dichiarazione congiunta su un cessate il fuoco completo in Nagorno-Karabakh dalle 00:00 ora di Mosca del 10 novembre. Il leader russo ha detto che la parte azerbaigiana e quella armena rimarranno ferme sulle attuali posizioni e che forze di pace russe saranno schierate nella regione. Inoltre, l'Armenia e l'Azerbaigian dovrebbero effettuare uno scambio di prigionieri di guerra e corpi degli uccisi.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra