I simboli nazisti del "soldato che canta Stefania" e l'ennesimo clamoroso autogol del media italiani

I simboli nazisti del "soldato che canta Stefania" e l'ennesimo clamoroso autogol del media italiani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nella opera di sdognamaneto del nazismo da parte dei media filo Nato italiani tanto ha influito la "vittoria" all'Eurovision della band ucraina Kalush Orchestra, che ha inneggiato apertamente al fascismo del battaglione Azov durante la finale. E' utile sapere che alla competizione avrebbe dovuto partecipare la vera vincitrice nazionale, Alina Pash, esclusa "democraticamente" per le polemiche sorte dopo un suo viaggio in Crimea nel 2015.

Nell'opera di sdoganamento del nazismo da parte dei media filo Nato italiani ha avuto un ruolo fondamentale in queste ultime ore la propaganda sul "soldato ucraino che canta la canzone Stefania dalla acciaieria Azovstal" - la canzone che ha "vinto" all'Eurovision. 


 

Andando a fare una rapida ricerca sul profilo twitter del soldato ucraino in questione emerge come nel 2019, dopo un bombardamento e una tortura contro la popolazione russofona del Donbass, scrivesse su Twitter: "Ci divertiamo molto", mostrando i suoi tatuaggi kantiani.

VoxKomm ha mostrato altri riferimenti nazisi del nuovo idolo del Pd e dei media liberal italiani.

 

Ieri è iniziata la resa dei neo-nazisti Azov e dopo 8 lunghi anni Mariupol è definitivamente libera dal giogo di questi criminali sdoganati come "eroi" dai liberal occidentali. Scriveva correttamente Francesco Valerio della Croce commentando ieri la notizia: "Il battaglione Azov si arrende. Il nostro pensiero è per tutti coloro che hanno patito le peggiori atrocità da otto anni per mano di questa feccia. Ai nazisti non si perdona nulla."

Ai nazisti non si perdona nulla. Nazisti utili idioti della Nato, al pari dei terroristi dell'Isis in Siria e ora in Libia, ancora meno. 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti