Il Cremlino chiarisce la strategia delle forze russe in Ucraina

Il Cremlino chiarisce la strategia delle forze russe in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente russo Vladimir Putin all'inizio dell'attacco militare all'Ucraina ha ordinato alle forze armate di astenersi da un assalto immediato alle città del Paese, inclusa Kiev, al fine di prevenire pesanti perdite tra la popolazione civile, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Parlando ai giornalisti oggi, Peskov ha affermato che la pianificazione dell'“ operazione militare ” in Ucraina prevedeva di prendere in considerazione la strategia delle “ formazioni nazionaliste armate ” che avrebbero dispiegato armi in aree residenziali densamente popolate.

Apparentemente ha confutato le accuse delle autorità ucraine di bombardamento indiscriminato delle città, sottolineando che i militari russi " stanno lavorando con armi moderne ad alta precisione, colpendo solo strutture militari e di infrastrutture informatiche ".

“ All'inizio dell'operazione, il Presidente della Russia ha infatti incaricato il Ministero della Difesa di astenersi da un assalto immediato a grandi insediamenti, tra cui Kiev, dal momento che formazioni armate nazionaliste stanno attrezzando punti di tiro, schierando pesanti equipaggiamenti militari proprio nelle aree residenziali; e combattere in aree densamente popolate porterebbe inevitabilmente a pesanti perdite tra i civili ", ha spiegato Peskov.

L'addetto stampa di Putin ha rivelato che il ministero della Difesa russo “non esclude” la possibilità di mettere quei grandi insediamenti che ora sono quasi circondati, “sotto il suo pieno controllo” per garantire la massima sicurezza alla popolazione civile.

Ha respinto i resoconti dei media occidentali, smentiti anche da Pechino, secondo cui Mosca avrebbe richiesto assistenza militare alla Cina, ricordando che la Russia " ha il potenziale per effettuare un'operazione in Ucraina", che l'operazione sta andando " secondo il piano " e sarà completato “ in tempo e per intero ”. 

Quando esattamente l'operazione dovrebbe concludersi, Peskov non ha detto, spiegando che tali informazioni " non vengono rivelate ".

Commentando le notizie secondo cui il capo della Cecenia Ramzan Kadyrov, le cui minacce all'esercito ucraino sono state ampiamente pubblicizzate, si trova ora nella zona di guerra in Ucraina, Peskov ha rivelato che " non ci sono tali informazioni " al Cremlino. Ha anche consigliato ai giornalisti di rivolgere le domande sull'ubicazione di Kadyrov all'ufficio del leader ceceno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti