Il giornalista Mattia Sorbi rientra in Italia: il Tg1 capovolge la realtà

Il giornalista Mattia Sorbi rientra in Italia: il Tg1 capovolge la realtà

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Rientrato in Italia il giornalista freelance Mattia Sorbi rimasto ferito nelle vicinanze di Kherson lo scorso 29 di agosto. 

Sorbi accompagnato da due militari ucraini, con un taxi aveva raggiunto la prima linea delle truppe di Kiev. A un certo punto gli ucraini erano scesi dal veicolo e indicato a Sorbi la direzione da seguire omettendo di avvisare il freelance italiano che strada mostratagli vicino alla linea di contatto era stata minata dalle forze armate ucraine.

LEGGI L’URLO

"Lo scopo della provocazione dei servizi speciali ucraini era di provocare la morte del giornalista a seguito di colpi dalle postazioni difensive russe o l'esplosione del taxi su una mina per poi accusare la Russia dell'omicidio di Mattia Sorbi e ottenere così facendo un'ampia risonanza nei media occidentali", aveva riferito il ministero della Difesa russo.

Il giornalista italiano dopo essere rimasto ferito al seguito della deflagrazione di una mina che aveva ucciso sul colpo l’autista del veicolo su cui viaggiava, era stato tratto in salvo dai militari russi presenti sul posto che lo avevano trasportato in ospedale dopo aver prestato i primi soccorsi, secondo quanto reso noto dal ministero della Difesa di Mosca. 

La versione dell’accaduto viene confermata da Sorbi stesso, ma incredibilmente il Tg1 decide di cambiare la versione e afferma che Sorbi “ringrazia i medici ucraini”. Uno dei tanti capovolgimenti della realtà operato dai media italiani schierati e allineati all’atlantismo guerrafondaio più fondamentalista sin dall’avvio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina. 

Evidentemente il principale Tg italiano ha deciso che il proprio pubblico non deve sapere che Mattia Sorbi è stato soccorso dai soldati russi, portato a Kherson controllata dai russi, operato, fatto rientrare in Italia con la partecipazione diretta della Croce Rossa di Mosca. 

Magari qualcuno riflettendo avrebbe iniziato a pensare che questi russi forse non sono così terribili e inumani come vengono descritti in Occidente dai fondamentalisti atlantisti.  

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti