Il presidente Lasso annuncia la riduzione del prezzo del carburante in Ecuador

Il presidente Lasso annuncia la riduzione del prezzo del carburante in Ecuador

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I primi effetti delle proteste convocate dalle organizzazioni indigene e sostenute da ampi settori della popolazione ecuadoriana contro il regime neoliberista di Guillermo Lasso iniziano ad aprire prime brecce con il presidente che dopo una chiusura netta alle istanze popolari cambia direzione. 

Lasso, dopo aver annunciato in pieno dibattito parlamentare per il suo impeachment, la revoca dello stato di emergenza in alcune regioni del paese andino, ha annunciato una riduzione del prezzo del carburante, Intanto lo sciopero nazionale è giunto al 14° giorno consecutivo. 

"Tutti ritengono che il prezzo del carburante sia diventato la pietra angolare che mantiene il conflitto. E anche se come governo siamo molto chiari sul fatto che questo fattore non è la causa dei problemi degli ecuadoriani, dobbiamo pensare al bene comune e alla pace dei cittadini", ha sottolineato Lasso.

Il presidente ha affermato che il costo della benzina extra, dell'Ecopaís e del diesel sarà ridotto di 10 centesimi al gallone.

La riduzione di 10 centesimi del prezzo del carburante annunciata dal presidente Guillermo Lasso è inferiore alle richieste del movimento indigeno, che chiede che il prezzo di un gallone dei suddetti carburanti sia fissato a 2,10 dollari e quello del diesel a 1,50 dollari. 

Il prezzo dei carburanti più diffusi è il primo dei dieci punti della lista di richieste avanzate dalla CONAIE e da altre organizzazioni in lotta contro il regime filostatunitense.

"Gli ecuadoriani che cercano il dialogo troveranno un governo con la mano tesa. Coloro che cercano caos, violenza e terrorismo troveranno la piena forza della legge. Gli ecuadoriani devono tornare alla normalità, dobbiamo con ottimismo e fede riprendere il cammino del progresso per tutti”, ha dichiarato il presidente neoliberista.

Sabato scorso, Lasso ha dichiarato la fine dello stato di emergenza, che era in vigore in sei province del Paese. "Con il decreto esecutivo n. 461, il presidente della Repubblica, Guillermo Lasso, ha dichiarato la fine dello stato di emergenza per gravi disordini interni nelle province di Chimborazo, Tungurahua, Cotopaxi, Pichincha, Pastaza e Imbabura", si legge in un comunicato.

Dal 13 giugno, il Paese sta vivendo uno sciopero nazionale a tempo indeterminato, indetto dalla Confederazione delle Nazionalità Indigene dell'Ecuador (CONAIE) in risposta alla "incapacità e non volontà" del governo di rispondere alle richieste sociali. Al gruppo si sono uniti ampi settori della società ecuadoriana. 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...